Viaggi
di Chiara Monateri 18 Marzo 2016

12 cose da sapere prima di trasferirsi a Londra

Una lista esauriente per salvarvi da brutte sorprese post-espatrio

Bella è bella Londra, niente da dire. Però ci sono un po' di cose da sapere Photo by DAVID ILIFF. License: CC-BY-SA 3.0 - Bella è bella Londra. Però ci sono un po’ di cose da sapere

 

La possibilità di prendere al volo un’occasione irripetibile come trasferirsi all’estero spesso porta a fare le cose in fretta, e molti partono sprovveduti riguardo al luogo dove vivranno. Questi di seguito sono proprio alcuni accorgimenti da tenere a mente prima di volare verso il Regno Unito, per saperne un po’ di più su quello che vi aspetta.

 

1. La fila

In coda allo Sherlock Holmes Museum Yizhivika - In coda allo Sherlock Holmes Museum

Gli italiani ci scherzano sempre, ma c’è poco da ridere. Se volete vivere come un vero londinese dovete imparare a rispettare la fila, a salire dalla giusta porta del bus e così via, senza scuse. Che gli inglesi neanche si scompongono quando cercate di inscenare un sorpasso, ma vi direbbero semplicemente con un sorriso di soccorso, guardandovi come un cittadino affetto da una grave forma di amnesia: ehy, sei al numero 86, guarda, là in fondo, vicino alla signora. Hai bisogno di una mano, qualcosa non ti è chiaro?

 

2. Pagherete sempre le tasse e non avrete tv abusive

Pagherete caro, pagherete tutto NyHabitat.com - Pagherete caro, pagherete tutto

Gli inglesi hanno un paese con una lunga storia e hanno chiaramente capito che nessuno si sveglia col desiderio irrefrenabile di pagare commercialisti, fare file ed ingurgitare paludosa burocrazia. Le tasse, il sistema bancario e di assicurazione nazionale sono gestiti in modo impeccabile online e offline, quindi nessuna evasione e/o fughe alle Bahamas vi passeranno per la testa. E a proposito di evasioni, se fate funzionare un televisore e prendete un segnale in modo non regolamentato, arriverà un tizio a bussarvi in modo minaccioso alla porta, sotto la pioggia (a Londra piove, e negli horror pure). Esatto, quello che vi ha beccati fregare il segnale e fa questo proprio di lavoro. Avvisati.

 

3. Dovrete imparare la pronuncia inglese, e riprodurla. Altrimenti nessuno vi capirà

Ancora ricordo discussioni al limite del surreale col mio capo. Io che in arrivo da New York dicevo can’t con la “e”, e lui mi diceva che se fai una negazione devi dire can’t con la “a”, e io che mi dicevo ma questi tra US e UK ancora non si sono capiti in mille anni di scoperte, scambi di pop-star, compra-vendita di palinsesti tv? E gli dicevo ma se tu sai che vengo da New York e riconosci il mio accento, capirai che col mio can’t (con la “e”) dico can’t (con la “a”)! E lui no. Con la “e” io capirò solo can. E se vuoi fare una negazione, devi dirmi can’t con la “a”, altrimenti non capirò mai. Silenzio. Gelo britannico. Da quel giorno ho iniziato a dire can’t (con la “a”).

 

4. Classificazione degli Italians che stanno tra di loro, e sono tutti “crazy”

Sappiate che la peggio cosa che potete fare all’estero è rinchiudervi in branchi di italiani. Non svilupperete la vostra conoscenza della lingua e degli usi locali, continuerete a mangiare pasta scotta come all’università e capirete ben poco della vita a Londra. Ah, e desterete una specie di stupore misto a sgomento nei britannici, perché non imparerete mai a mitigare il vostro temperamento mediterraneo e passionale con il mood della popolazione, che faticherà a comprendere nelle varie situazioni sociali le vostre esagerazioni e i picchi di umoralità. Alcuni lo trovano un comportamento esotico. Altri ignorante.

 

5. L’emotività al lavoro

giphy-7 Giphy

Tema connesso alla catalogazione dei “crazy” Italians è quello dell’emotività sul luogo di lavoro. Sì, in Inghilterra venite valutati anche in base a questo criterio. In breve, al lavoro nel Regno Unito viene richiesto un comportamento gentile, educato e lineare, di modo che i colleghi si sentano facilitati da un ambiente positivo a collaborare e a dare il meglio. Quindi se portate in ufficio ogni giorno i vostri drammi personali, se la pioggia vi fa incazzare (questa magari a Londra fatevela passare), e se vi parte il vocione contro i colleghi, sarete troppo emotivi, e quindi ritenuti non proprio idonei alla vita d’ufficio (e tacciati come “crazy” Italians).

 

6. L’affitto è un dramma. E anche il costo delle banane

Caruccia eh Londonist - Caruccia eh

 

Questa la sapete dai giornali, anche se a Londra non ci vivete ancora. La città paga bene ma è una di quelle con gli affitti e il costo della vita più alti che ci sono. Purtroppo, il prezzo dell’affitto non corrisponde nemmeno a case stellari, ma ad appartamenti sozzi e scassati in cui dovrete portarvi appresso la minaccia del coinquilino pazzo trovato su Gumtree fino almeno ai 40 anni. E se vi comprate una banana al volo dal corner shop sulla via del lavoro, sappiate che potrebbe costarvi attorno a 1 Euro (o più). I british poi, essendo corretti e preoccupandosi pure del commercio solidale, scrivono pure un’infinità di articoli riguardo la sostenibilità del commercio delle banane (non scherzo, cercate sul Guardian online), ma questa è un’altra storia.

 

7. I topi sono animali domestici, le volpi quasi

Una volpe a Notting Hill The Independent - Una volpe fa un riposino a Notting Hill

 

A Londra topi e volpi prendono spesso il posto di gatti e cani randagi e/o abusivi nelle vostre vite. Accettatelo. Anzi, embrace it. I topi di solito sono topolini tipo quelli delle fiabe, non nutrie mannare. Poiché le case sono vecchie e scassate trovano sempre modo di farsi strada, ma alla fine nessuno li odia veramente (magari tenete il cibo chiuso nei mobili e non in floridi cestini da centrotavola, che la salute è importante). Le volpi sono quelle punk, le vedete tutte spelacchiate e fuori di testa attraversare la strada di notte, rovistarvi nella spazzatura, correre accanto alla vostra bicicletta valutando se possono mordervi uno stinco. Insomma fanno ridere, come si fa a volere male pure a loro, che se non sei punk a Londra dove.

 

8. Il pub is where your heart is

maxresdefault-9  “Va bene, gli hanno tirato un bicchiere in faccia e nessuno esce di qui finché non salta fuori il colpevole! Tu chi cazzo sei?”

Al pub mangi, ti incontri con gli amici, ci vai coi colleghi, coi coinquilini, ci esci la sera, ci canti al karaoke da sbronzo e ci vai da solo quando sei preso particolarmente bene o male. Il pub a londra è una specie di faro coi vetri appannati che porta dentro tutta l’umanità e il lasciarsi andare di cui hai bisogno. Ma attenzione, a un certo punto diventa così tanto casa che ti ritrovi a essere uno di quei binge drinkers da 12 pints a serata di cui parla Metro nelle sue infografiche che vogliono mandarti in sbattimento al venerdì. Bisogna cedere all’alcol? Alle minacce di Metro? È possibile abbandonare il pub? La risposta a questa ultima è no, almeno durante la vostra vita a Londra. Quindi godetevelo appieno ma con parsimonia, che poi la puzza della moquette impregnata di birra pioggia e tutto il resto ve la portate nel cuore.

 

9. Il Bus driver è il vostro peggior nemico

Considerato l’aplomb britannico, credo che venga fatto un test psicologico-comportamentale per selezionare i bus driver che vengono scelti tra i più matti e feroci, nonché quelli che guidano peggio. Le intenzioni di Vin Diesel in Too Fast Too Furious che incontrano le capacità tecniche di un’anziana signora con problemi di vista. Trucchi per la sopravvivenza: non scendete mai, e ripeto mai, le scale quando il bus è in moto. Potreste volare come in un flipper o comunque riempirvi di lividi causati dalla scala di metallo: insomma c’era un motivo se cantavano And if a double decker bus crashes into us con tanta naturalezza. Detto questo, non c’è niente di più gratuitamente ludico di fare un giro sul bus a Londra al piano di sopra, vedendo la città in movimento come da una giostra. Ps. Ricordatevi che anche se siete alla pensilina ad aspettare, a Londra il bus si “chiama” con un cenno della mano, come una diligenza nel Far West: altrimenti non si ferma. Almeno, io l’ho sempre immaginata così.

 

10. Il tassista è il vostro angelo custode

Coda di taxi a Londra PDP - Coda di taxi a Londra

Le avventure relative ai taxi di Londra sono infinite e bellissime. I tassisti ti scortano a casa quando sei fuori alle 7 (sì, alle 19) del venerdì sera assicurandosi che entri nel portone (giusto), accostano anche sei/sette volte durante il tragitto per farti sboccare (anche preoccupandosi con un bel You alright, mate?), si incazzano assieme a voi contro l’ATM che non vi restituisce la carta con cui lo dovevate pagare, vi aiutano a fare improbabili traslochi senza fare una piega e dandovi consigli karmatico-popolari. E i taxi son pure belli, puliti, comodi e spaziosi. Kalòs kai agathòs.

 

11. In città c’è tutto. Anche la fattoria

La Hackney City Farm AJBuildings - La Hackney City Farm

Questi poveri inglesi hanno un clima controverso, colture infelici: gli si potrebbe togliere anche la vicinanza degli animali? Ecco, no. Al che, in quel modo improbabile ma fiducioso e ironico che li contraddistingue, si sbattono all’inversosimile per costruire quello che sognano apprezzandone i risultati, qualsiasi questi siano. Per esempio, la fattoria. L’esempio che rende quest’idea è la Hackney City Farm: in pieno quartiere hipster, trovate una fattoria dove ci sono giganteschi maiali sporch(issim)i di fango, asini, galline (di cui vi potete pure mangiar le uova), e altri animali vari. Mettetevi scarpe adatte per andarci, è spesso un pantano. Se cercate animali più esotici tipo i meerkat, andate al Battersea Park Zoo: molto bello, più pulito. Scegliete a seconda di quanto volete sporcarvi.

 

12. L’ironia: incorporatela

Dimenticali. Imgur - Dimenticali.

Sapete da dove dicono ci sia una vista fenomenale di Londra, dall’alto? Dal cesso di un bar (l’Aqua shard, nel dettaglio). Ecco, non pensate che sia un’errore stupido o trash, e che la vista che lascia a bocca aperta dovrebbe essere solo fruibile da luoghi istituzionali come la sala del ristorante stesso o il London Eye. È ironico. Sappiate che ovunque andrete e qualsiasi cosa facciate a Londra, non potrete mai capirla o amarla fino in fondo se non sarete (o imparerete ad essere) davvero ironici. Con quello che vi circonda e con voi stessi. Altrimenti non andrete mai in quel cesso, e la vista non ve la godrete mai.

In effetti una vista niente male Hannah Gallop - In effetti una vista niente male

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >