Viaggi
di Edoardo De Martinis 13 Dicembre 2017

Perché il biscione è il simbolo di Milano

Una storia lunga secoli, che lega idealmente i Visconti all’Inter e Berlusconi

 Flickr

 

Il drago è una di quelle creature mitologiche che pressoché tutte le culture di questo mondo riconoscono per la sua maestosa presenza intimidatoria. È stato così sin dai tempi antichi, visto che sia Greci e Romani, ma anche le culture orientali come quella cinese, hanno rappresentato questa figura leggendaria: in Occidente come essere malefico portatore di morte e distruzione, in Oriente al contrario come portatore di prospera fortuna.

 

 

 Wikimedia

 

In una città italiana in particolare si trovano parecchi riferimenti al rettile sputa fuoco, di cui è stato addirittura simbolo. Questa città è Milano, dove il Biscione è storicamente visto come una specie di animale sacro. Tutto nasce da una leggenda legata ad una famiglia che ha scritto la storia di Milano, i Visconti. Leggenda vuole che Bonifacio, al tempo signore di Pavia, si unisce alla figlia del Duca di Milano e mentre combatte contro i Saraceni, il figlio viene inghiottito da un enorme biscione. Dopo esser tornato dalla guerra, Bonifacio scova il rettile gigante e lo uccide, facendogli rigettare il figlio miracolosamente vivo.

 

Il Biscione sulle pareti della Chiesa di Santa Maria delle Grazie Wikimedia - Il Biscione sulle pareti della Chiesa di Santa Maria delle Grazie

 

Anche il sommo poeta Dante Alighieri riconosce il simbolo araldico milanese, quando nell’ottavo canto del Purgatorio della Divina Commedia, cita il dragone come “la vipera che il milanese accampa“, ovvero come stendardo dell’esercito visconteo milanese.

 

 Flickr

 

Il drago/biscione può essere ritrovato un po’ dappertutto in giro per la città meneghina, dalle pareti del Duomo sino alla Stazione Centrale, passando per le chiese di Sant’AmbrogioSant’Eustorgio. Le sue diverse apparizioni l’hanno portato ad affiancare per molto tempo l’altro simbolo di Milano, la croce di San Giorgio, anche dopo l’allontanamento dalla città dei Visconti per mano di un’altra storica famiglia milanese, gli Sforza.
Un simbolo ufficioso che si può trovare ad ogni angolo è per l’appunto il Drago Verde, che per i forestieri è la comune fontanella dell’acqua, resa autoctona dal rubinetto raffigurante proprio un drago.

 

 Flickr

 

Il biscione è stato talmente iconico per la storia di Milano da essere adottato addirittura come simbolo di diverse aziende milanesi, come lo sono l’Inter, la casa automobilistica Alfa Romeo o Fininvest, la holding fondata dalla famiglia Berlusconi a fine anni ’70.
Insomma, che sia drago, biscione o vipera, la storia di questa creatura mitologica e quella di Milano sono e saranno per sempre intrecciate tra loro, strette nella morsa del brutale rettile.

 

FONTE | Luoghi Misteriosi

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >