TV e Cinema
di Mattia Nesto 13 Dicembre 2017

Cinque cose che non dimenticheremo di Star Wars: Gli ultimi Jedi

Abbiamo visto Star Wars: Gli ultimi Jedi e questo è ciò che c’è rimasto impresso nella mente

Oggi esce in tutta Italia Star Wars – Gli ultimi Jedi, l’ottavo capitolo della saga che ormai da quarant’anni esatti tiene col fiato sospeso e la spada laser stretta nel pugno milioni e milioni di appassionati in giro per il mondo. Nelle ultime ore il web è stato letteralmente invaso da centinaia e centinaia di recensioni da ogni angolo del globo: dalla rivista figa d’Oltreceano al più sperduto giornalino scolastico, tutti parlano di Star Wars. E che noi abbiamo, la scabbia? No. Perciò ecco le cinque cose che proprio non dimenticheremo di questo Gli ultimi Jedi.

I Porg

Il fattore regia ha contato parecchio, da sempre, per creare l’immaginario di Star Wars nel bene e nel male. A questo giro Rian Johnson ha fatto tutte le cose a modo (sul peso che ha avuto ci ritorneremo anche dopo)  curando i dettagli, anche quelli più, a prima vista, stupidini. Ma in fondo non sono proprio quelli che più ci piacciono? Ecco perché la trovata di inserire delle creaturine pucciose, i Porg, è una trovata geniale. Perché colma quella carenza di “effetto peluche” di cui ci sentivamo orfani dai tempi degli Ewok e, contemporaneamente, non si è di fronte ad un passo falso assoluto come Jar Jar Binks (che, per citare Il Gatto sul Tubo, uno dei più noti youtuber italiani “Ti piace a sette anni: se ti piace dopo è meglio che prenoti al più presto un check-up al cervello”).  Siamo certi che il peluche dei Porg prima o poi farà bella mostra di sé nella nostra stanza.

 

La commedia, sempre e comunque, trionferà

Che Han Solo, avventuriero spavaldo e sbruffone, sempre con la battuta pronta, fosse un gran personaggio non occorre certo arrivare all’ottavo capitolo della serie per capirlo. Eppure, usando un po’ il metodo di Lopez in Boris, quello che mancava agli ultimi episodi di Star Wars (anche nell’ottimo Il risveglio della forza) era la “linea comica”. In questo Gli ultimi Jedi non solo c’è ma è una delle componenti che meglio si agganciano al primo (vedi la cifra da commedia di Han Solo) e che lo superano. Un po’ alla maniera di molte serie tv contemporanee insomma,  Johnson ha saputo inserire la commedia anche nei momenti più drammatici, epici e tirati che vi possano essere. A molti potrebbe non piacere ma è certamente un marchio di fabbrica.

 

Johnson ha le palle che fumano

Cosa vogliamo dire con quest’elegante perifrasi? Vogliamo dire Johnson non ha avuto paura di osare, optando per scelte non convenzionali, antitetiche sotto certi aspetti alla trilogia primigenia (ed anche agli infausti tre prequel) ma donando quel sapore di grande opera che era proprio dei vecchi Star Wars. Già perché ancora prima che sulla storia, sugli eroi e sui valori messi in campo, Guerre Stellari era ed è, soprattutto, una questione di estetica, di spade laser, di astronavi mai così fighe sul grande schermo come allora. Iconoclasta, come se volesse abbattere, uno ad uno, i “vecchi idoli pagani”. Da Han Solo prima a Luke Skywalker, gli eroi antichi hanno fatto il loro tempo (Carrie Fisher a parte) ed ora tocca alla nuova generazione. Più che “Una nuova speranza” proprio “Una nuova era”.

 

Lunghezza mezza bellezza? Forse no

Guardare Star Wars – Gli ultimi Jedi anche non capendoci una mazza alla fine è sempre e comunque qualcosa dal grande valore viste le quasi due ore e quaranta minuti di durata. Come ha giustamente sottolineato l’Hollywood Reporter “Il film risulta un po’ troppo lungo e in certe scene un po’ troppo compiaciuto”. Tuttavia il Los Angeles Times, una delle prime testate ad essere uscita con una recensione degna di questo nome “La lunghezza eccessiva potrebbe essere un difetto ma anche un forte segno di sicurezza”. Quindi quando andrete al cinema stasera, oltre a mettervi comodi, mettetevi pure l’animo in pace: entrerete all’ora dell’aperitivo e all’uscita potrete pure fare colazione.

 

Kylo Ren. Sì, Kylo Ren

Ok, ok calmi. Molti lo odiano, lo considerano un personaggio mollaccione, debole sotto tutti i punti di vista e neppure paragonabile ai grandi villain del passato. Ecco, proprio per questo ci piace. Ci piace perché è tormentato, dubbioso, imbranato in certi aspetti e soggetto a più di un ripensamento. Il cattivo indimenticabile questo film ce l’ha già ma non vi diciamo chi è. Kylo Ren rappresenta quell’inquietante figura che tutte le mattine fa capolino dal nostro specchio: siamo noi in fondo, noi “comici, spaventati, guerrieri” per dirla alla Stefano Benni. Ecco perché ci piace tanto!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >