Viaggi
di Simone Stefanini 12 Gennaio 2016

Le 10 strade più spettacolari e pericolose del mondo

Fossi in voi non mi metterei a percorrerle dopo aver fatto serata

dang ytimg

Tu quando viaggi sei più un turista o un avventuriero? Un po’ di tempo fa spiegavamo le differenze tra l’una e l’altra specie di viaggiatori, ma anche quelli più estremi, matti e sfrenati si troverebbero in difficoltà a guidare in queste strade.

Sì, perché si tratta di percorsi concepiti da sadici addetti alle infrastrutture, di pendii scoscesi, di passi fatti di ghiaia senza nemmeno un parapetto, che si estendono per decine di chilometri senza nemmeno copertura telefonica.

Strade che sono sì spettacolari, ma che fossi in voi non mi metterei a percorrere dopo aver fatto serata.

 

1) El Camino de la Muerte – Bolivia

516954366_2637d4ef86_o flickr

È la strada più pericolosa al mondo: risale una montagna, è stretta, col fondo sterrato e senza parapetti. Significa che se sbagli a prendere una curva sei morto. La strada è tutta burroni e se non bastasse, spesso c’è anche una fitta nebbia. Il manto è disseminato di croci, che ti fanno capire che devi andare piano. È lunga 56 km e collega La Paz a Coroico in Bolivia.

 

2) Dalton Highway – Alaska USA

Schermata 2016-01-11 alle 15.43.48 theconstantrambler

Un’autostrada lunga 666 km non promette niente di buono. Lungo il percorso non prendono i cellulari e non c’è internet, così se tanto tanto ti senti male puoi salutare tutti. Al km 185 oltrepassa il Circolo Polare Artico e al km 203 c’è la curva più difficile, con salita del 10% e presenza di camion e neve. Non a caso si chiama Oh Shit.

 

3) Tunnel di Guoliang – Cina

Guoliang-Tunnel-Road-China raredelights

È un tunnel scavato attraverso una montagna che copre le province di  Huixian, Xinxiang e Henan. Durante la sua costruzione avvenuta nel 1972, gli operai hanno spaccato la montagna col martello, progredendo alla velocità di un metro ogni tre giorni. Oggi è un’attrazione turistica e ci passano anche gli autobus, come facciano non si sa.

 

4) Il ponte sulla Strada dell’Atlantico – Norvegia

maxresdefault-4 ytimg

È un tratto di 8 km tra Kristiansund e Molde. È costruito su diversi scogli e isolotti, collegati tra loro da ponti. In caso di avverse correnti meteo, il ponte di Storseisundet diventa decisamente impegnativo da percorrere, a causa del vento che rende del tutto instabile la corsa. Resta comunque spettacolare da vedere.

 

5) Strada di Kolyma – Russia

roadofbonessiberiarussiaoctober_03 askyakutia

È nota anche come la Strada delle Ossa e il nome non è proprio un bel presagio. Si dice infatti che sia  stata fatta con una mistura di terra, ghiaia e ossa dei prigionieri. È lunga circa 2000 metri e ed è stata costruita in Siberia dai prigionieri dei gulag in epoca staliniaia. La strada è assolutamente priva di manutenzione e a causa del freddo non è possibile percorrerla con normali veicoli stradali.

 

6) Strada Patiopoulo Perdikaki – Grecia

Patiopoulo-–-Perdikaki-Road-Greece thenewswheel

La strada è sia una ripida salita che una discesa con scarsa tenuta sul terreno, a causa di buche, ghiaia e pendenza. Logicamente non ci sono nemmeno parapetti che possano impedire ai malcapitati di trovare morte certa. È trafficata da ogni tipo di veicolo, ma pure da pedoni e dal bestiame.

 

7) Passo dello Stelvio – Italia

stelvio-pass-which-once-formed-the-boundary-between-italy-and-the-austro-hungarian-empire-snakes-9000-feet-uphill-into-the-alpine-mountain-range businessinsider

È il valico automobilistico più alto d’Italia, conta ben 48 tornanti sul versante altoatesino e 36 su quello lombardo. Tutte curve a gomito con poco parapetto. Spesso viene percorso in moto, altrettanto spesso capitano frane e valanghe che rendono il passo ancora meno sicuro. Da vedere però è uno spettacolo.

 

8) Ho Chi Minh Trail – Vietnam

Schermata 2016-01-11 alle 15.54.24 thediplomat

Si stende sulle risaie e sulle montagne del Vietnam e del Laos e serviva all’esercito comunista per rifornimenti durante la guerra del Vietnam. Il problema è proprio quello: lungo il suo percorso ci sono un sacco di bombe inesplose. Per farvi capire, solo nel tratto del Laos ci sono 80 milioni di bombe.

 

9) Commonwealth Avenue – Filippine

the-philippines-commonwealth-avenue-is-home-to-three-to-five-accidents-daily-earning-it-the-nickname-killer-highway-sensing-a-theme asb-cnn

Questo tratto di asfalto ha il ridente soprannome di Strada Assassina. Ogni santo giorno ci sono dai 3 ai 5 incidenti a causa dell’enormità di corsie. In alcuni tratti ce ne sono ben 18 ed esortano i filippini a entrare e uscire continuamente, guidando peraltro malissimo.

 

10) Million Dollar Highway – Colorado USA

million dollar hwy. blogspot

L’autostrada è stata costruita nel 1880 e offre panorami da brivido. Ecco, magari non guardateli troppo perché nei suoi 40 km di lunghezza non c’è nemmeno un guardrail ed essendo sul pendio di una montagna, c’è rischio di andare di sotto. Si dice che il suo nome venga dal fatto che una volta completata, non avreste voglia di rifarla nemmeno per un milione di dollari.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >