montagna che brucia giappone Festival Yamayaki
Viaggi
di Simone Stefanini 15 Luglio 2016

Le incredibili foto del Festival giapponese dove danno fuoco a un’intera montagna

Per quale assurdo motivo dare fuoco a un’intero monte? Un motivo c’è… storia di una tradizione giapponese di quelle strane davvero

montagna che brucia giappone sobadsogood

 

In gennaio, ogni anno nella città giapponese di Nara si tiene un festival decisamente singolare. Il monte Wakakusa prende fuoco per la celebrazione della festa Yamayaki, che celebra la fine dei conflitti del XVIII secolo.

L’ultimo sabato di gennaio, prima dell’antico rituale dell’incendio, nella città c’è già fermento. Si tiene una gara di lancio di dolci di riso, chiamati sembei, che poi serviranno per nutrire i numerosi cerbiatti della zona.

Poi, come da testimonianza di chi ha partecipato all’evento, dalle 17 una processione di persone che brandiscono le torce (il fuoco sacro) lascia il santuario di Kasuga Taisha, per giungere ai piedi della collina. Alle 18 il primo fuoco d’artificio dà inizio all’incendio rituale, sotto l’occhio vigile dei pompieri.

 

 

La vostra domanda legittima, a questo punto, può essere una sola: perché dare fuoco a un monte?

La prima leggenda a proposito riguarda due monaci e un diverbio per i confini di due templi, che ha portato i contendenti a incendiare la montagna per mettere fine alla lotta.

La seconda leggenda riguarda gli orsi e gli insetti, molto pericolosi in quella zona, cacciati con la spettacolare pira.

 

Il festival della montagna incendiata sobadsogood

 

Il monte Wakakusa è un vulcano estinto che domina la città coi suoi 350 metri di altezza. È ricoperto soprattutto da piante e foglie secche, quindi il Festival non è nocivo come può sembrare.

Lo ripulisce dalle scorie e dalle erbacce, facendolo rifiorire.

 

Il festival della montagna incendiata sobadsogood

 

Un rito purificatore e una festa ampiamente partecipata dagli abitanti e dai numerosi turisti, che accorrono per guardare la montagna bruciare e mettere fine agli scontri per il possesso. Una bella lezione da imparare.

 

Il festival della montagna incendiata japan-experience.it

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >