Viaggi
di Elisabetta Limone 18 Settembre 2020

Sant’Elena Sannita: il borgo in Molise in provincia di Isernia che sa regalare pace e tranquillità

Seppure il Molise sia, ai più, noto come la regione che non esiste, in realtà è un luogo che racchiude tesori e bellezze naturali di inestimabile valore. Tra le sue meraviglie, ad esempio, vi è il bellissimo e antico borgo di Sant’Elena Sannita, una stupefacente località che si trova a circa ottocento metri di altezza. Qui, il tempo sembra essersi fermato. Infatti, i rumori del traffico e tutto ciò che è legato alla confusione e allo stress della vita moderna, sembra essere un qualcosa lontano anni luce.

Percorrendo i suoi vicoli e vicoletti, dunque, si sarà invasi da una grande pace e tranquillità. Seppure sia abitato da pochissime anime, la sua popolazione conta scarsi duecento residenti, a Sant’Elena Sannita si potrà vivere un fine settimana di grande interesse. Difatti, alloggiando presso l’unico B&B, Stella del Nord, che si trova in un antico palazzo risalente alla fine dell’Ottocento e proprio nel centro storico, sarà possibile visitare i tanti luoghi religiosi e storici che caratterizzano il Molise.

Ma, oltre che ammirare luoghi di grande interesse, chi decide di trascorrere un breve periodo di riposo a in questo borgo montano avvolto nel verde, avrà anche l’imperdibile occasione di essere in mezzo ad una incredibilmente bella natura.

La storia di Sant’Elena Sannita, offre, già di per sé, più che validi motivi per andarci. Infatti, fino al 1896, questo ameno borgo montano in provincia di Isernia si chiamava Cameli. Ora le origini di questo nome sono alquanto dibattute. Infatti, vi è chi sostiene che derivasse da una nobile famiglia che anticamente aveva il controllo del borgo, oppure perché le montagne che la circondano ricordavano le gobbe di un cammello. Quel che è certo, che seppure questo animale non si sia mai visto a Sant’Elena Sannita, nel vessillo comunale è ancora ben presente.

Invece, è nota la motivazione per la quale da Cameli il suo nome divenne quello attuale. Difatti, i vicini abitanti di Frosolone, erano soliti prenderli in giro, attribuendo a loro di essere stupidi come i cammelli. Ragione per la quale, la popolazione decise di assumere il nome di Sant’Elena, in onore della madre di Costantino, e di unire l’orgoglio di essere nel territorio appartenuto, un tempo, ai Sanniti.

Come avviene con NetBet, anche a Sant’Elena Sannita, è possibile fare delle piacevoli e interessanti scoperte.

Di fatti, alloggiando presso il BB nel suo centro storico, oltre che poter ammirare le bellezze conservate nelle sue antiche chiese come, ad esempio, la Chiesa di San Michele Arcangelo costruita nel 1600, la Santa Maria delle Grazie, ovvero la più suggestiva e ricca chiesa del borgo molisano, la Chiesa dei SS Cosma e Damiano, oppure il Palazzo Baronale e La fontana dell’Ortapiana, sarà possibile visitare il Museo del Profumo.

Infatti, Sant’Elena Sannita, delizioso borgo immerso nella natura, è la patria degli arrotini, ai quali è dedicata una meravigliosa statua di bronzo che si trova proprio al bel vedere, e dei profumieri. Difatti, gli arrotini di Sant’Elena Sannita erano soliti servire sia parrucchieri e barbieri per rasoi e forbici. Nel tempo, dato che sempre più vi erano richieste di colonie, di profumi, di cipria e di sapone da barba, gli arrotini incominciarono a vendere questa tipologia di prodotti.

Non per nulla, nella maggior parte delle profumerie di Roma e di Napoli, vi sono “botteghe” che, ancora oggi, arrotano coltelli oltre che vendere profumi. Quindi, andando a concludere, un soggiorno a Sant’Elena Sannita, ridente borgo in Molise in provincia di Isernia, saprà sempre regalare pace e tranquillità, così come l’occasione di scoprire i piaceri di una calda ospitalità e di una incontaminata natura.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >