Viaggi
di Gabriele Ferraresi 12 Maggio 2016

Villa Grock, il capolavoro liberty dove visse il re dei clown

Una meraviglia romantica e decadente tutta da riscoprire: sulle colline di Imperia

Villa Grock e il Museo del Clown Provincia di Imperia

 

Chi era Grock? Il più grande circense di sempre. Se siete cresciuti a Milano con qualche amico che ama palcoscenici e messe in scena, di certo il nome non vi suonerà nuovo, perché esiste da tempo la scuola di teatro Quelli di Grock: ma Grock, nato Charles Adrien Wettach in Svizzera il 10 gennaio 1880 ha lasciato molto non solo al mondo del teatro.

Infatti in Liguria – a Imperia – appoggiata sulle colline di Oneglia c’è ancora la sua splendida Villa Grock, e da qualche anno è tornata visitabile.

 

 

Grock giunse al successo planetario in un’epoca senza televisione, esibendosi nei teatri di tutto il mondo e sapeva fare tutto: figlio di un orologiaio, Grock fu illusionista, funambolo, clown, musicista… padroneggiava pressoché ogni arte circense al massimo livello possibile. Era una celebrità in tutto il mondo, e con i suoi numeri divertiva i potenti della terra – Winston Churchill lo adorava. E forse anche Hitler… – così come la gente comune. Giunse alla fama fin dagli anni dieci del secolo scorso, con tournée in Europa ed in America.

Poi negli anni venti conobbe “una donna di Garessio, Ines Ospiri, e scoprì Imperia nel 1921, quando venne a trovare i suoceri che si trovavano qui in villeggiatura. Se ne innamorò immediatamente, tanto che nel 1927,  iniziò i lavori di costruzione su un terreno acquistato nella zona collinare della città” si legge sul blog Vacanze in Liguria, e lì cominciò la storia di Villa Grock, in precedenza chiamata Villa Bianca.

 

Villa Grock e il Museo del Clown Provincia di Imperia

 

Nelle intenzioni di Grock quella di Imperia che vedete nelle immagini avrebbe dovuto essere la sua residenza estiva – e vi ospitò infatti spesso Charlie Chaplin, con cui si dice rievocasse scenette di spettacoli e scene di film – invece, una volta ritiratosi dalle scene nel 1954, divenne la sua dimora stabile. E così Grock, il re dei clown, passò gli ultimi anni della sua vita nel suo Vittoriale ligure, come un Gabriele d’Annunzio della risata, e morì il 14 luglio 1959 all’età di 79 anni.

A quel punto la villa rimase di proprietà della moglie, che la mantenne fino al 1974, anno in cui morì. Di lì in poi per la villa c’è un periodo buio, che si conclude con il restauro e la riapertura nel 2010.

Progettata dallo stesso Grock e dal geometra Armando Brignole, è una villa stilisticamente difficile da definire: sicuramente liberty, sicuramente art deco, sicuramente venata da un tocco romantico e decadente, forse è più giusto considerarla “una sorta di autoritratto, espressione di una personalità straordinaria, giocosa e creativa“, come si legge sul sito del Museo del Clown, oggi situato proprio all’interno della villa.

 

Villa Grock e il Museo del Clown Provincia di Imperia

 

Mentre su Fosca, un sito dell’Università di Genova, si aggiunge che “Osservando la villa, si nota la grande diversità fra lo stile prescelto per l’esterno (sommamente eterogeneo, con influssi barocchi, rococò, liberty e suggestivi echi d’Oriente) e quello deciso per l’interno, in cui prevale lo stile déco

Quel che importa, è che Villa Grock è una meraviglia da scoprire e riscoprire: quando e come visitarla? È aperta il lunedì e il mercoledì dalle 15.00 alle 18.00, e su prenotazione per gruppi di almeno 10 persone.

Tutti i dettagli sul sito del Museo del Clown.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >