Web
di Simone Stefanini 14 Giugno 2018

38.000 periodici e opuscoli della Rivoluzione Francese sono stati digitalizzati e resi pubblici gratuitamente

Come fare una Rivoluzione for dummies: intanto leggendo gli opuscoli di propaganda, i documenti e i libelli satirici della Rivoluzione Francese

Viviamo in un periodo di rivoluzionari, ma solo dietro la tastiera. Poca piazza, poca concretezza e niente ghigliottina. Ok, per l’ultimo parametro meglio così, per il resto, beh, di sicuro i rivoluzionari potrebbero attrezzarsi diversamente per la causa. Prendete i francesi del XVIII secolo, uno dei popoli tradizionalmente più odiati dagli italiani, spesso per antipatia a pelle senza una vera ragione oppure per le esternazioni un po’ del menga di Macron degli ultimi giorni. Ma non divaghiamo: i francesi del tardo 1700 erano poverissimi. Da una parte gli operai e i contadini, dall’altra nobiltà e clero indebitati fino al collo che vivevano nell’opulenza. “Quale soluzione se non la rivoluzione?” 

 

La Libertà che guida il popolo – Eugene Delacroix  La Libertà che guida il popolo – Eugene Delacroix

 

Che poi persino Robespierre, il principale fautore della pena di morte per Luigi XVI e sua moglie Marie Antonietta, sia anche lui caduto sotto la ghigliottina è un segno di quanto il destino sia ironico. In ogni caso i francesi del tempo passarono da un giorno all’altro dalla monarchia assoluta ad un sistema politico in cui la volontà assoluta del popolo sostituiva quella del Re e sapete che successe? Non avendo una tradizione parlamentare, si rifecero a principi astratti e alla retorica illuminista, facendo passare tutti gli avversari politici per cospiratori contro la sovranità popolare, di fatto da denunciare e rinchiudere. Il pericolo universale della rivoluzione è infatti diventare esattamente come quelli che abbiamo odiato in precedenza.

 

 openculture

 

Come nella Rivoluzione Americana di qualche anno prima, i dibattiti rivoluzionari si tenevano in piazza per mezzo di discorsi, comizi e periodici o opuscoli stampati in decine di migliaia di copie. La collezione sulla Rivoluzione Francese della Newberry Library di Chicago ospita nell’archivio internet più di 30.000 libelli e oltre 23.000 periodici stampati tra il 1789 e il 1799. All’interno di questi documenti storici si trovano tutte le opinioni divergenti del periodo, da quelle rivoluzionarie a quelle monarchiche, comprese le innumerevoli pubblicazioni effimere della Prima Repubblica.

 

 openculture

Gran parte di questa collezione è stata digitalizzata e resa disponibile gratuitamente tramite la French Revolution Pamphlets Digital Initiative. La Newberry ha anche un progetto aperto di traduzione degli opuscoli dal francese all’inglese al fine di ampliare l’accesso, aiutare le lezioni in classe e sostenere le borse di studio. Tra i tanti documenti processuali e propagandistici si può trovare anche “La dichiarazione dei diritti della donna”, scritto nel 1792 da un collettivo anonimo di donne francesi che si firmano Philaletes (dal greco:  “Amanti della verità”). L’opuscolo comprende diciassette articoli che enumerano i diritti della libertà di parola per le donne francesi. “Le donne nascono, vivono e muoiono con il diritto di parlare”, afferma il primo articolo. “Sono uguali nella loro ambizione in questo senso.”

 

 openculture

Documenti affascinanti come questo, insieme a migliaia di altri, li trovate sul sito ufficiale, così da domani potete iniziare a capire come si fa davvero una rivoluzione.

FONTE | openculture.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >