Web
di Simone Stefanini 11 marzo 2016

C’è un account Instagram dedicato alle cose che sembrano una vagina

È nato per scherzo, per diventare a poco a poco tramite di un messaggio femminista

vaginas via

 

Qui si parla di ossessione per qualcosa di preciso, nella fattispecie per la forma della vagina. Le due creatrici dell’account Instagram look_at_this_pusssy sono Eva Sealove e Chelsea Jones, hanno sui 20 anni e l’hanno aperto nel 2014 per scherzo. Una fotografava una cosa che le sembrava una vagina e poi mandava la foto all’altra con la dicitura Look at this pussy!

Ora però l’account ha più di 57mila follower e loro sono super felici di essere diventate un tramite, grazie al quale viene sdoganata l’immagine dell’organo sessuale femminile. All’interno dell’account ci sono un sacco di foto di tutti i tipi: la bocca di un elefante come un tovagliolo piegato in un certo modo, una mappa, un telo, un ghiacciaio, un albero o un tortellino, a seconda dell’angolazione, possono sembrare una vagina. Se non ci credete, guardate un po’.

 

 

Niente però è come sembra e nemmeno le foto stanno lì solo per gioco. Le due ragazze, accanto a ogni foto, pubblicano anche una didascalia che parla di femminismo, del potere della donna e della meraviglia del suo corpo.

 

 

Qui sotto, una foto delle due ragazze che hanno dato vita a questo account.

 

 via

 

Ci tengono a specificare di non essere in favore della de-sessualizzazione della vagina, di essere in favore del sesso, del piacere e dell’espressione in generale. Per loro è importante capire il sentimento dietro il sentirsi preda per tutta la vita.

Capire che il proprio corpo non è uno scherzo crudele in cui qualcuno le ha intrappolate, far capire alle donne che è profondamente sbagliato essere pagate meno sul posto di lavoro ed essere ghettizzate mentre tentano di nascondere le mestruazioni.

Il messaggio è forte, chiaro e giusto. Intanto Eva e Chelsea ricevono dalle 20 alle 60 foto al giorno e sono diventate un simbolo. Niente male per un’idea nata per scherzo.

 

 via

FONTE | Dazed

CORRELATI >