Albero della Vita Expo
Web
di Dailybest 8 Dicembre 2015

Expo 2015: i dispositivi mobili l’hanno trasformata in una vera smart city

Un cantiere d’innovazione che può diventare il modello delle città del futuro

Albero della Vita Expo

 

L’esperienza di Expo a Milano ha acceso i riflettori sul tema delle infrastrutture del futuro. E non stiamo parlando solo dei piani per convertire il sito dell’esposizione universale sul cibo in un polo tecnologico per la ricerca. Ci riferiamo all’internet di domani: una rete senza fili veloce che connette le persone tra loro e alla città. Expo è stato anche questo: un esperimento di smart city in tempo reale.

Da cosa si riconosce una smart city? Il primo elemento da valutare è il ruolo di smartphone e tablet durante l’evento. Uno studio dell’Ericsson Consumer Lab ha analizzato la performance del traffico dati su reti 3G e 4G TIM durante Expo, fotografando abitudini d’uso dei dispositivi mobile che sono tra le più diffuse anche in contesti di vita quotidiana: messaggistica istantanea, traffico web, social network ed email.

 

Servizi mobile a Expo smart city Ericsson - I servizi mobile più utilizzati durante Expo

 

I visitatori hanno vissuto Expo come se fosse il quartiere tecnologico di una smart city. Connettersi, parlare con gli altri e ricevere informazioni in tempo reale sono attività che i cittadini si aspettano dal proprio tessuto urbano. Gli esempi di servizi intelligenti che sbocciano sul territorio italiano sono numerosi: certificati online, bike e car-sharing, banda larga, mobilità integrata, sportelli digitali e monitoraggio ambientale.

Le smart city hanno successo quando ci sono il coinvolgimento delle comunità locali e l’accesso a infrastrutture di nuova generazione. Senza internet veloce non si decolla. Ecco perché servono dei casi studio: i numeri della smart city Expo diffusi da Telecom Italia parlano di oltre 110 Terabyte di traffico dati in cinque mesi, più di cinque milioni di sessioni WiFi con picchi di 20.000 utenti in contemporanea e 21 milioni di biglietti emessi attraverso il cloud. Per fare un paragone, ogni settimana Expo ha prodotto una quantità di dati pari a quella generata dalla città di Foggia.

Per fare una smart city ci vuole internet, ma per fare internet ci vuole anche l’hardware: per Expo sono stati installati 300 chilometri di fibra ottica, 50 antenne per il traffico mobile, 450 server virtuali e 2 data center per un totale di più di 100 Terabyte di spazio d’archiviazione dedicato.

 

Concerto Gazze LTE  Il concerto di Max Gazzè a Expo diffuso con tecnologia LTE Broadcast

 

Le nuove infrastrutture cambiano anche il modo di vivere eventi come il concerto di Max Gazzè, che è stato diffuso durante Expo attraverso tecnologia LTE Broadcast – una soluzione che permette di vedere video mobile con qualità più alta, anche in tempo reale. È la stessa tecnologia che in un futuro prossimo permetterà a media di intrattenimento e social network di distribuire contenuti in alta qualità in aree affollate come concerti, stadi e quartieri metropolitani.

L’esperimento di Expo è terminato, ma le città italiane che hanno preso la strada della smart city sono qui per rimanere. L’approccio dei servizi interconnessi, l’internet delle cose (IoT), le comunità online e il crowdsourcing delle risorse avrà successo solo se i cittadini avranno tra le mani strumenti e infrastrutture senza limiti. L’evoluzione è in corso e non si può fermare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >