Web
di Simone Stefanini 19 Settembre 2016

Sicuri che trattare male Gianni Morandi per la sua spesa domenicale sia una buona idea?

Amici utenti di Facebook, occorre che vi rilassiate un po’ di più e che scegliate con cura le vostre battaglie

morandi-spesa facebook

 

Facebook, dove l’indignazione è una giostra. La shit-storm (letteralmente tempesta di merda) può capitare a chiunque, per qualunque motivo. Può essere un politico, un uomo di spettacolo, puoi essere tu o io, basta non rinnovare l’abbonamento in palestra e sfogare tutte le frustrazioni sul social, per cui vale davvero il motto “l’importante è partecipare”.

Ieri, il bersaglio di tale poco onorevole precipitazione è stato Gianni Morandi, redarguito e preso a male parole dai suoi follower e da chi passava di lì per caso, per essersi permesso di postare una foto in cui faceva la spesa di domenica.

Apriti cielo. Ma non ci pensi ai lavoratori che devono stare lì anche di domenica?”, “Andare a fare la spesa di domenica è una cosa vergognosa!”, “La domenica è il giorno del Signore, dovresti andare a Messa invece di fare la spesa”.

Tutti i commenti pieni di livore li trovate qui sotto, per farvi un’idea, poi ne parliamo.

 


Una polemica su due fronti così lontani e così vicini tra loro, difficilmente si era vista. Da una parte i sindacalisti della domenica (è proprio il caso di dirlo), che dati alla mano condannano Gianni perché complice dello sfruttamento festivo dell’onesto lavoratore. Dall’altra i cattolici che vuoi non vuoi partecipano a ogni tipo di polemica sui social e che condannano Gianni perché la spesa nel giorno del Signore dovrebbe essere proibita (e giù che ci siamo, un bel paio di punizioni corporali per chi trasgredisce no?).

Amici utenti Facebook, occorre che vi rilassiate, lo dico per il vostro bene. Continuando così, l’ipertensione è dietro l’angolo. Una volta, quando eravate semplici persone, al limite sollevavate inutili polemiche al bar o davanti alla televisione, oggi invece sembra quasi che non possiate stare senza dire la vostra su ogni sciocchezza che fa notizia, quando non ci sono le notizie vere.

Allora: occorre ricordarvi, cari indignados senza costrutto, che le grandi catene di supermercati fortunatamente sono aperte anche la domenica, per venire incontro a quei poveri cristi che altrimenti non potrebbero mai fare la spesa, lavorando dal lunedì al sabato. È una conquista che ci avvicina ai paesi realmente laici.  Chiaramente, il lavoro dev’essere retribuito nel modo giusto, ma da lì a parlare di sfruttamento, beh, ce ne passa. Non solo: nelle grandi catene, i lavoratori fanno i turni e non sono certo obbligati a lavorare tutte le domeniche. Sull’altra problematica, cioè quella di scegliere la spesa alla Messa, non c’è da aggiungere niente all’ovvio, cioè che uno fa un po’ come cazzo vuole della sua vita, finché le sue azioni non nuocciono agli altri. Seems legit.

In ogni caso, se anche quella commessa da Gianni Morandi fosse una reale barbarie sociale, sul serio volete combattere la vostra battaglia facendo la paternale a un cantante su Facebook invece che nelle sedi opportune? Gianni Morandi, rimasto piuttosto basito dalla shit-storm, ha risposto: “Sinceramente non credevo fosse una cosa così grave, da ora in poi farò la spesa solo i giorni feriali.” E bon.

La polemica ha divertito i fan di Gianni che oggi stanno tempestando la nuova foto che il cantante ha postato su Facebook, in cui prende il treno, con frasi tipo “Vergognati a prendere il treno il lunedì, non pensi ai macchinisti ubriachi dalla domenica?”

Almeno qualcuno ha il senso dell’umorismo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >