Web
di Simone Stefanini 24 Gennaio 2017

I 10 prodotti più brutti della storia della Apple

La Apple è icona di tecnologia e design, quasi sempre. Ecco le volte in cui ha creato prodotti proprio brutti

Apple via

Il primo aprile del 1976, Steve Jobs e Steve Wozniak fondarono la Apple. Due hippie con idee rivoluzionarie che costruivano computer in garage, sono diventati il simbolo degli appassionati di informatica e di design di tutto il mondo. Il nome è stato dato da Jobs, fruttariano convinto. Il celebre logo, la mela morsicata multicolor, è stato tenuto fino al 1998, per poi passare alla versione minimal di oggi.

Per farvi capire quanto sono stati matti quei due, per comprare il primo computer, l’Apple I, occorrevano 666,66$.

Ma la Apple non si è solo contraddistinta per aver creato i computer più belli da vedere e più semplici da usare, per aver inventato l’iPhone, l’iPod, l’iPad e tutto il resto che già conoscete.

La sua è una storia travagliata, Jobs ha abbandonato l’azienda a metà degli 80s per poi tornare nel 1997 e nel mezzo, sotto la guida di John Sculley, la Apple ha creato degli autentici mostri. Certo, anche oggi non è che l’Apple Watch e la Apple TV stiano andando a gonfie vele, ma dobbiamo ricordarci che ora c’è una concorrenza spietata.

Quindi, con buona pace del grande Steve, andiamo a vedere tutte le volte che la Apple ha fatto fiasco.

 

1) L’Apple III (1980-1981)

12-fracasos-apple-2 via

Questo bel prodottino che vedete è stato il primo computer Apple su cui non ha messo le mani Steve Wozniak.  Il risultato è stato pessimo: una macchina piena di bug, con la scheda madre che si scaldava come un tostapane e crashava di brutto. Persino i chip uscivano fuori dai loro alloggiamenti, causando problemi a tutto il sistema.

 

2) L’Apple Lisa (1983 – 1985)

 via

Può essere vantaggioso un computer che costa 9.990$ negli anni ’80? No e infatti era il computer per ricchi meno figo della storia. Nell”86 la Apple l’ha capito e ha dato la possibilità agli sprovveduti possessori di cambiarlo con un MacPlus per 1.500$.

 

3) L’Apple Macintosh Portatile (1989 – 1991)

 via

Portatile. Viene da ridere, perché pesava la bellezza di 7 chili. Dove avresti dovuto portarlo? In palestra? Ma non era nemmeno quello il problema più serio, bensì il fatto che spesso non si accendeva neppure se collegato al caricabatterie, a causa del design sbagliato.

 

4) L’Apple Newton (1992 – 1998)

mp_2 via

Uno dei primi tablet. Bello eh? Peccato la batteria non durasse niente e lo schermo fosse addirittura difficile da leggere. Inoltre, è diventato famoso per il suo terribile riconoscimento calligrafico, al punto che anche i Simpson ci hanno fatto sopra una parodia.

 

5) L’Apple Pippin (1995 – 1996)

SONY DSC via

La console per i videogame della Apple. Un’idea neanche troppo brutta, peccato che sul mercato c’erano già la PlayStation, la Sega e la Nintendo, quindi nessuno la notò. Costava la bellezza di 600 $ e si dice che ne siano state prodotte meno di 50.000 unità. Ma poi su, che nome è Pippin?

 

6) L’Apple Mac del 20esimo anniversario (1996 – 1997)

 via

Per celebrare i 20 anni, la Apple fece uscire questo computer che costava 8.000 $ e che logicamente è stato venduto davvero poco, anche perché, diciamocelo, bello bello non era.

 

7) L’Apple eMate (1997-1998)

 via

Questo era un buon computer ed è stato anche la base per creare i PowerBook che tanto hanno rivoluzionato l’informatica. Lo sbaglio della Apple è stato quello di non distribuirlo al di fuori delle scuole e delle Università, e di dargli solo uno scopo didattico. Ad oggi infatti la Apple si è sempre rifiutata di mostrare le vendite dell’eMate.

 

8) Il mouse a puck da hockey

 via

Dio se era brutto, ma non è nemmeno quello il punto. Era anche inutilizzabile, perché difficile da maneggiare. Per non parlare dei pulsanti messi sui lati, completamente a caso. Una innovazione di design che non ci mancherà.

 

9) Il Power Mac g4 Cube

Apple-Macintosh-G4-Cube-with-disk via

In piena era Steve Jobs, il cube era un computer molto potente, però aveva delle falle: costava troppo (1.599 $ senza nemmeno lo schermo) e la plastica che lo teneva in piedi si rompeva facilmente. Al suo interno, però, era già un Mac moderno più o meno come quelli a cui siamo abituati oggi.

 

10) L’iPod firmato dagli U2

 via

Dobbiamo anche dirvi il motivo?

FONTE | Business Insider

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >