michele serra amaca social media
"Eh sì, signora mia, dove andremo a finire?"
Web
di Gabriele Ferraresi 24 Marzo 2016

Michele Serra scopre i social media manager, ecco altre 7 cose di internet che dovrebbe conoscere

Pazzesco, là fuori è pieno di gente che lavora con Twitter o Facebook

"Eh sì, signora mia, dove andremo a finire?" L'amaca di Michele Serra - “Eh sì, signora mia, dove andremo a finire?”

 

Cosa succede a mettere insieme Twitter, l’editorialista di Repubblica e autore de Gli Sdraiati Michele Serra, Maurizio Gasparri e un povero social media manager licenziatosi in seguito a un “chiesimo” di troppo? Una cosa bellissima.

Che ci dice molto dell’epoca lontana in cui vive Michele Serra. Ma andiamo con ordine.

Il 17 marzo scorso l’account Twitter di Gasparri cinguetta un “chiesimo” di troppo. Lo strafalcione fa indignare e sorridere mezza Italia e rivoltare nella tomba migliaia di maestre di italiano delle elementari. Il senatore di Forza Italia scarica prontamente le responsabilità sullo staff che gli segue i social media e sembra finire tutto lì.

Ma qualcuno a quel punto si sveglia e dice: “No, ma come? Non twittava lui direttamente?”. Quel qualcuno è Michele Serra, che ieri ha deciso di dirlo dalla sua Amaca, sul quotidiano Repubblica.

L’Amaca del 23/03/2016Segui L’Amaca di Michele Serra

Posted by L’Amaca di Michele Serra on Wednesday, March 23, 2016

 

Noi però vogliamo aiutare Michele Serra.
Perché oltre ai social media manager esistono anche altre cose sull’internet del 2016 – e da anche qualche decina d’anni – e per non traumatizzare Serra vogliamo elencarle qui.

 

I tweet dello staff

Già per la campagna elettorale delle Presidenziali 2008 Barack Obama utilizzava tranquillamente Twitter, sia con tweet firmati dallo staff, che personali, siglati -bo. Forse otto anni sono un’ottimistica approssimazione del gap temporale in cui Michele Serra vive oggi, per cui potrebbe essere un esempio chiaro. O forse sono io un inguaribile ottimista. Per carità, non diciamogli che c’è Papa Francesco su Instagram e che non si fa le foto da solo, che viene fuori un casino.

 

Le digital agency

A Michele Serra sembrerà balzana come idea, ma in Italia esiste una cosa dove lavorano migliaia di persone. E che fanno questi buffi esseri umani per guadagnare del denaro? Lavorano sull’internet in cose chiamate “agenzie”, queste cose che si chiamano “agenzie” lavorano per dei “clienti”, quei “clienti”, possono essere aziende che hanno bisogno di una mano a costruirsi una presenza online, per esempio. Certo, aziende sì, ma possono essere tranquillamente anche dei politici, o, pazzesco, dei partiti. Un fenomeno nuovo, che esiste da appena una ventina d’anni, ma non si può pretendere che Serra sia aggiornato su tutto.

 

Gli MP3

Non possiamo dire – non ancora almeno – a Serra che esistono Spotify o Deezer. Il trauma sarebbe troppo grande, il dolore immenso, e ce lo troveremmo a vagare sperduto come quel personaggio de Ai Confini della Realtà cui si rompono gli occhiali, questo per dare un’immagine riconoscibile a Serra ma imperscrutabile a chiunque altro. Per cui niente streaming online, partiamo con qualcosa di meno recente, ma comunque radicalmente innovativo per lo standard Serra: questi pazzi pazzi pazzi file mp3. Un formato di compressione audio diffusosi a partire dal 1993 e quindi più rassicurante.

 

Le .gif

In questo mare nero da cui star lontani e non pucciare il piedino neanche per sbaglio che è l’internet c’è una cosa nuova (nuova nel tempo Serra) mica tanto facile da capire. Però proviamoci. È facile in fondo: cosa sono le .gif? Sono come le foto, ma si muovono. Applicano il concetto del cinema – una serie di immagini ferme che dà l’illusione del movimento – forse un concetto anche questo antico per l’internet che conosciamo, ma perfettamente attuale e forse un po’ troppo di rottura per Serra.

 

Lo spam

No Michele, quell’ereditiera di Lagos che ti ha scritto via mail in inglese stentato, offrendo una cifra considerevole delle sue ricchezze in cambio di un tuo aiuto non esiste. Lo so, è difficile spezzare un sogno così, ma si chiama spam. Considerato che il primo spam venne inviato negli anni novanta da reti di bot, magari se una cosa ha almeno una ventina d’anni, può essere comprensibile.

 

Gli influencer

Questo è uno squarcio sul futuro che forse è troppo duro da reggere per Serra. Proviamo a spiegarla comunque: esistono persone che per qualche motivo hanno un grosso seguito sui social media. Possono essere famose, brave a fare qualcosa, o anche brave a fare niente se non a essere appunto famose, l’importante è che abbiano una audience, un pubblico. Quelle persone possono poi essere contattate da aziende per collaborazioni di vario tipo. Ho un’idea Michele; hai presente le marchette dei quotidiani? Stessa cosa.

 

I social media manager

Esistono Michele. Esistono, c’è anche una pagina su Wikipedia. È quella cosa lì che scrivevi nell’Amaca.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >