video strega vegana macelleria
Web
di Gabriele Ferraresi 17 Ottobre 2016

La pubblicità di una macelleria mostra l’inquisizione carnivora contro la strega vegana

Incappucciati infilano a forza carne in bocca all’adepta della “dieta blasfema”: ironia o sottotesto violento e sessista?

Allora, cominciamo col fare “play” qui sopra e guardare il video: La Bistecca Nera dura poco. Fatto, l’avete visto? Bene, allora possiamo cominciare a parlarne.

La Becjarie è una macelleria storica che si trova in quel di Valvasone Arzere, lungo le sponde del Tagliamento, in provincia di Pordenone.

Qualche giorno fa La Becjarie ha pubblicato il video qui sopra sulla sua pagina Facebook, e come prevedibile è saltato fuori il solito disastro cui siamo abituati da tempo, quando si parla di vegani VS onnivori.

Sinossi? Una giovane e bella strega vegana è oggetto delle attenzioni di alcuni inquisitori. Uomini incappucciati le intimano di smetterla di diffondere la sua “dieta blasfema”, e per costringerla alla conversione dal veganesimo alla carnazza, le infilano a forza in bocca un pezzo di bistecca nera, specialità della macelleria.

Convertita alla carne, la strega non solo apprezza le proteine animali, ma ne vuole pure ancora. Fine.

Va detto che questa volta, qualche motivo in più i vegani per prendersela ce l’hanno: del resto queste cose, da non vegano, da onnivoro convinto, cerco di guardarle e valutarle in questo modo. Se mi prendessero in giro così, come reagirei? Forse me la prenderei un po’. Se fossi vegano, e donna, moltiplicare il “prendersela un po’” a piacimento.

Perché se da una parte il video realizzato per Halloween – con protagonisti i due macellai in prima persona – farà sorridere gli onnivori e ricorderà magari a qualcuno del posto la tradizione locale del Proces a la vecja – in cui un’anziana viene messa al rogo – è difficile ignorarne il sottotesto violento e un po’ – si può dire: un bel po’? – sessista.

 

La pubblicità di una macelleria mostra l’inquisizione carnivora contro la strega vegana

 

Poi per carità, i doppi sensi sono nell’occhio di chi guarda, difficilmente tanti ci avranno fatto caso: io ci ho fatto caso e non mi sono sembrati esattamente di buon gusto, au contraire, proprio bruttini, evitabili.

 

La pubblicità di una macelleria mostra l’inquisizione carnivora contro la strega vegana

 

È tutto il resto a farci sorridere forse – a me mica tanto… –  ma probabilmente per i motivi sbagliati. Perché dare agli altri, ai diversi, delle streghe da mettere al rogo, non è proprio un gran messaggio: anche se lo si fa scherzando. Se non ci abbiamo fatto caso, per me sarebbe il caso di farlo.

 

 

 

Sul Messaggero Veneto se ne leggeva nei giorni scorsi, ma la polemica pare non sia ancora deflagrata fino ai quotidiani nazionali. Nel pezzo firmato da Davide Francescutti c’era una breve dichiarazione di Daniele Comuzzi e Raffaele Cesarini della Becjarie, i quali spiegavano che “Non c’è nessuna intenzione di offendere è tutto realizzato in modo simpatico. Anzi, un cliente vegetariano che faceva la spesa per la famiglia ci ha fatto i complimenti” e viene da credergli, sicuramente è così.

 

La pubblicità di una macelleria mostra l’inquisizione carnivora contro la strega vegana

 

Il risultato finale però è differente dalle intenzioni. Perché giustamente nello stesso pezzo venivano messi in rilievo i lati oscuri, “Quel filmato non rispetta la donna, “Brutto e non rispettoso” e ancora “Da condannare su tutta la linea – commentava sempre al Messaggero Veneto Alessandro Sperotto, della Lega per l’abolizione della caccia Friuli Venezia Giulia – in un’epoca in cui finalmente si rivede la posizione su quelle che erano definite “streghe”, ma che in verità erano soltanto donne per lo più innocenti condannate a morte dagli uomini perché non inquadrate nella morale comune” .

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >