Il trailer del seguito di Shining non convince

Ewan McGregor nel ruolo di Danny Torrance adulto e le scene ricreate dell’originale

Che fomento quando Stephen King decise di dare un seguito a uno dei suoi libri più iconici, Shining del 1977, con Dr. Sleep del 2013. Operazione tanto interessante quanto inconcludente, perché a conti fatti Dr. Sleep conserva ben poco del potere soprannaturale terrorizzante che aveva reso celebre il libro originale. La storia di Dan Torrance adulto, dello scontro tra i membri del Vero Nodo e la Luccicanza è di fatto un sequel debole, fin troppo addomesticato, addirittura simile alla saga di Twilight in certi punti chiave. Non male, è comunque SK, ma chiamarlo “seguito di Shining” è stato un azzardo.

Potete solo capire la gioia e lo sgomento nell’apprendere che anche Dr. Sleep, come Shining, sarebbe diventato un film. Un’operazione rischiosissima perché Shining di Stanley Kubrick è una rivoluzione totale degli stilemi dell’horror, un capolavoro insuperato che ha milioni di fan in tutto il mondo meno uno: proprio Stephen King, che odiò fin da subito la trasposizione, mostrandosi per quello che è: uno dei più grandi romanzieri americani che di cinema non ci capisce granché.

La regia di Dr. Sleep è stata affidata a Mike Flanagan, regista esperto in case stregate, che ha diretto magistralmente la serie tv Hill House e l’adattamento de Il Gioco di Gerald (sempre di Stephen King) per Netflix. Come dicevamo prima, il protagonista della storia è Danny Torrance adulto, scampato dalla furia del padre fuori di testa nel finale di Shining, del quale però ha ereditato lo stesso vizio, l’alcol. La scelta dell’attore principale è ricaduta su Ewan McGregor e questa è una scommessa gigante, perché Ewan McGregor è tanto bravo in Trainspotting (1) e Big Fish, quanto banale e monoespressivo in tutto il resto della sua carriera. Certo, è bello bellissimo, ma anche quella particolarità sembra essere un controsenso, dal momento che Danny Torrance originale, interpretato da Danny Lloyd, era di certo più inquietante che bello.

Dal trailer già possiamo capire un po’ di cose e, al netto delle scene di trama, della ragazzina con la Luccicanza e della gente cattiva che vuole farla fuori, tutta l’attenzione è rivolta alle scene ricostruite dello Shining originale: Danny da piccolo sul triciclo, le gemelle trucidate, la vecchia nella vasca ed Ewan McGregor che torna nell’Overlook Hotel per gigioneggiare, mettendo la faccia nel buco della porta creato dal padre Jack Nicholson con l’ascia, nel tentativo di uccidere la madre Shelley Duvall. Dunque cos’è il trailer di Dr. Sleep? Una serie di immagini in movimento che servono per arrivare a vedere le citazioni del film originale, tra l’altro poco presente nella trama del libro.

Abbiamo già letto pareri discordanti e inviti a non paragonarlo al film di Kubrick, che è impareggiabile. Qui nasce un problema, perché, com’è stato per Blade Runner 2049, quando dai un seguito ad un film che ha fatto la storia del cinema, con la mente puoi anche fare lo sforzo di non pensare all’originale ed essere politicamente corretto, ma con la pancia tornerai lì, garantito. Inutile provare a ragionare oggettivamente, il ricordo del primo autentico terrore vissuto con Shining te lo porterai nel cuore per sempre. Da un sequel, quasi tutto il pubblico di nostalgici cerca la continuità, cosa totalmente impossibile quando passano quasi 40 anni dall’originale. Cresce lo scetticismo, ma siamo pronti a ricrederci laddove il film si riveli superbo. Incrociamo le dita e abbassiamo le aspettative, pronti allo stupore.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >