Art
di Graziano Scaldaferri 12 Gennaio 2016

Le chiese dell’Emilia Romagna tre anni dopo il terremoto nelle foto di Ettore Moni

Le chiese che sono già state ricostruite e quelle che non lo saranno mai

Le chiese terremotate dell'Emilia Romagna  Dalla serie After Earthquake © Ettore Moni

 

Erano le 4.03 del 20 Maggio 2012 quando un terremoto di magnitudo 5.9 colpì l’Emilia Romagna. Originatosi a circa 6km sotto Finale Emilia, un paesello di poco più di 15mila abitanti in provincia di Modena, il sisma si fece sentire fino in Francia, Austria e Germania. Solo nove giorni dopo, il 29 Maggio 2012 alle nove esatte del mattino, un’altra scossa di pari intensità con epicentro tra Mirandola, Medolla e San Felice sul Panaro – altri tre piccoli paesi in provincia di Modena – sorprese gli emiliani, già impegnati a fare i conti con le case crollate e i capannoni distrutti.

Quel terremoto danneggiò anche tante chiese, che in molti casi erano lì dai tempi del Medioevo. Alcune sono state gravemente lesionate, ad altre è andata irrimediabilmente peggio: è crollata una parete, il soffitto, il campanile. Ettore Moni, fotografo nato a Parma avvezzo a fotografare le realtà regionali d’Italia (in passato ha lavorato, per esempio, sul paesaggio alpino e sulle cave di marmo della Toscana), ha fatto di recente un viaggio attraverso le zone terremotate dell’Emilia e ha documentato in particolare la condizione delle chiese a più di tre anni di distanza. L’abbiamo contattato per fargli qualche domanda

Per il tuo ultimo lavoro After Earthquake hai fotografato le chiese dell’Emilia Romagna danneggiate dal terremoto del 20 e 29 Maggio 2012. Perché hai scelto di concentrarti sulle chiese?
La scelta di fotografare le chiese danneggiate deriva dal desiderio di indagare sul terremoto che ha colpito la mia regione, di vedere da vicino i segni del sisma ad oggi ancora visibili. Anni fa avevo cominciato una serie di fotografie in bianco e nero dedicata proprio alle chiese della parte bassa della Pianura Padana. È stato durante un viaggio verso Ferrara fatto questa estate che ho rivisto, lungo le statali, quelle stesse chiese, danneggiate dal terremoto. Così è nata l’idea per il progetto After Earthquake. Quando si viaggia in auto attraverso l’Emilia Romagna, salendo su un argine o su un cavalcavia e guardando in lontananza si vedono i campanili, e capisci che li c’è un paese. Seguendo il campanile si arriva al centro di quel paese, perché le chiese di solito si trovano nelle piazze centrali.

Quante chiese hai fotografato, e in quali paesi?
Avrò fatto circa 60 scatti di chiese diverse. Sono partito dalla periferia di Ferrara per poi andare verso Bondeno, Mirandola, Finale Emilia, Reggiolo etc. fino ai confini con la provincia di Parma, ma passando per tutti i paesi e in tutte le frazioni. È stata una bella esperienza, sia per la gente che ho conosciuto, sia per i tanti luoghi della mia terra scoperti durante il viaggio.

Le chiese terremotate dell'Emilia Romagna  Dalla serie After Earthquake © Ettore Moni

 

Che sensazioni hai avuto una volta davanti a queste chiese?
La sensazione più potente è stata quella di rendersi conto di quanto può essere forte la natura e quanto invece è fragile ciò che l’uomo costruisce. Ho avvertito anche un grande senso di precarietà, di come tutto possa cambiare in brevissimo tempo; in certi luoghi si percepiva il silenzio, l’abbandono, la resa dell’uomo di fronte a ciò che è successo. La vita di interi paesi è cambiata completamente.

Tu sei originario di Parma, dove il terremoto non ha fatto danni ma è stato avvertito chiaramente. È il legame con la tua terra che ti ha spinto a fare queste fotografie?
Si, il terremoto si è sentito bene anche a Parma, dove per fortuna non ha provocato gravi danni. Ma ciò che mi ha spinto a realizzare questa serie è stato il bisogno di andare e vedere con i miei occhi, di documentare lo stato delle cose tre anni dopo.

Cosa vedi nelle fotografie di After Earhquake: chiese fatalmente danneggiate, o chiese che resistono?
Vedo chiese danneggiate, alcune delle quali credo non saranno ricostruite mai più, altre invece già in fase di restauro. I danni fatti dal terremoto non sono solo materiali, ma anche morali. Il sisma ha colpito la vita culturale e artistica di questa terra, ed anche la vita sociale è drasticamente cambiata, perché sono cambiate le abitudini dei cittadini, i ritmi del paese. Le chiese sono il fulcro di tante attività, e perderle è un danno vero, soprattuto per i cristiani.

Le chiese terremotate dell'Emilia Romagna  Dalla serie After Earthquake © Ettore Moni

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >