Art
di Lorenzo Mannella 18 Dicembre 2015

Dear Data: infografiche fatte a mano e spedite su cartoline

Abbiamo intervistato Giorgia Lupi, che ha raccontato la vita in dati insieme a una collega designer

Giorgia DearData passato Giorgia Lupi - La vita di Giorgia condensata in un’infografica. Per interpretarla, clicca sul link

 

Le infografiche possono anche essere belle, ma quelle di Dear Data sono praticamente uniche. Nato nel settembre 2014, è un progetto delle visual designer Giorgia Lupi e Stefanie Posavec. Sono separate dall’Atlantico (vivono rispettivamente a NewYork e Londra), ma la cosa non ha impedito loro di scambiarsi una cartolina a settimana, per un anno intero. Niente di eccezionale, se non fosse per il fatto che le loro cartoline sono delle infografiche illustrate a mano, che estrapolano i loro dati personali.

Le infografiche di Dear Data raccolgono emozioni, incontri, cibo, amicizie, pensieri negativi, musica e abitudini nell’uso dello smartphone: quante volte hanno detto “grazie” o sono state ringraziate da una persona? Quante volte hanno controllato le notifiche delle app? Che tipo di musica hanno ascoltato? Quali libri hano letto?

Le due designer hanno esplorato diversi aspetti personali delle proprie vite e li hanno trasformati in altrettante infografiche che si sono scambiate attraverso 52 settimane di cartoline. Un modo mai visto prima per conoscere se stesse e un’altra persona. Incuriositi dal progetto, abbiamo chiesto a Giorgia Lupi come è andato questo esperimento di “slow data” a cavallo dell’Oceano.

 

Stefanie DearData lamentele Stefanie Posavec - Una settimana di lamentele spiegate. Per vedere il fronte della cartolina, clicca sul link

 

Come avete fatto a essere così diligenti per un anno di fila?
L’aspetto collaborativo è definitivamente il centro di tutto. Ci siamo responsabilizzate l’un l’altra: avere un’altra persona coinvolta nel portare avanti il progetto è un bene, perché non vuoi deluderla. È stato anche utile fissare un piano e una tempistica inflessibili: abbiamo disegnato le nostre cartoline ogni weekend, spedite ogni lunedì per conoscerci meglio attraverso i dati per 52 settimane. La cosa più importante è che entrambe amiamo disegnare, e dato che lavoriamo in digitale per la maggior parte del tempo siamo state molto felici di poter finalmente dedicare un po’ di tempo al disegno ogni weekend! Personalmente, affrontare un progetto del genere e portarlo avanti fino alla fine ha contribuito all’atmosfera di crescita e studio che voglio conservare nel corso della mia vita, tant’è che ho capito che è stato proprio questo ad aiutarmi a essere disciplinata!

Quanto tempo impiegavi a realizzare una cartolina tra raccolta dati, bozze e illustrazioni?
La raccolta dati durava sette giorni per ogni cartolina. Dopodiché, lasciavamo i dati a riposare per tutta la settimana successiva mentre stavamo già raccogliendo quelli per la settimana successiva. Per quanto riguarda il disegno, i tempi variavano molto: quando ero fortunata, non facevo errori e capivo subito come illustrare i dati, finivo la mia cartolina in due o tre ore. Altre volte ci sono volute quattro o cinque ore – e diverse testate contro il muro! Di solito iniziavo analizzando i miei dati, guardandoli per capire quali aspetti della settimana avrei voluto evidenziare. Sai, un’altra cosa che abbiamo capito è che alla fine del weekend la cartolina andava spedita, era quindi impossibile rimandare e procrastinare all’infinito, in questo modo ti ritrovi ad accettare le imperfezioni, ad accettare che probabilmente non era la soluzione migliore ma almeno è qualcosa di compiuto.

 

Giorgia e Stefanie Dear Data - Da sinistra: Giorgia Lupi e Stefanie Posavec

 

Una delle tue prime cartoline ha avuto qualche disavventura postale. È successo spesso?
Dopo 52 settimane il bilancio è questo: tre delle mie cartoline andate perdute (e le ho dovute ridisegnare); una cartolina mi è tornata indietro e l’ho dovuta rispedire; quattro cartoline di Stefanie sono andate perdute (le ha ridisegnate); una delle mie (quella della dodicesima settimana) si è inzuppata durante il viaggio e ha assunto un look molto vissuto.

Quali app o software avete utilizzato per raccogliere i dati?
Prima di iniziare abbiamo deciso che avremmo dovuto raccogliere i dati a mano, prendendo appunti nelle nostre Moleskine. Ma dopo i primi tre giorni ci siamo mandate dei messaggi e ci siamo rese conto che sarebbe stata una cosa folle. Così abbiamo iniziato a utilizzare strumenti digitali come, per esempio, annotando tutto con Note su iPhone oppure su Mac, e anche con Evernote. A volte abbiamo usato anche l’app Reporter. Il più delle volte il risultato finale era un miscuglio di diverse tecniche, come scrivere appunti su Evernote al telefono, a volte su carta se riusciva più semplice che annotarle in digitale, o addirittura dicendo al mio compagno “ricordati che devo appuntare questa cosa appena arrivo a casa.” Perché nell’inverno gelido di New York dell’anno scorso c’erano momenti in cui proprio non riuscivo a togliermi i guanti per scrivere sul telefono. Di conseguenza, ho dovuto fare affidamento anche sulla mia memoria.

 

Stefanie DearData libri Stefanie Posavec - Tutti i libri in una infografica. Per interpretarla, clicca sul link

 

Parlando di Dear Data con altre persone ti è mai capitato di assistere a reazioni strane?
Domanda interessante. Di solito tutte le persone con cui ho parlato erano molto curiose del progetto. Abbiamo reso pubblica la cosa lanciando il sito web dopo dieci settimane di lavoro, ed è stato molto divertente. Eravamo soddisfatte. Ci sono arrivate centinaia, quasi migliaia di commenti di tutti i tipi da persone diverse, che non erano solo geek e designer. Non abbiamo mai smesso di deliziarci e sorprenderci del fatto che le persone stavano dedicando del tempo per scriverci e dirci quanto amavano il progetto. A volte commentavano dettagli specifici, raccontandoci come anche loro stavano iniziando a conoscerci attraverso i nostri dati. Abbiamo anche capito che questo tipo di progetti coinvolgono le persone su diversi livelli: quando le persone twittano o ci scrivono utilizzano aggettivi e sostantivi che difficilmente assoceresti a un progetto basato sui dati. Descrivono Dear Data come “cool, adorabile, divertente, fantastico, innovativo, impegnato, coinvolgente, umano, naturale, sublime” e così via. E non finiamo mai di ricevere questo genere di definizioni. Poi ci sono un sacco di messaggi di persone che raccontano di quanta ispirazione abbiano trovato in Dear Data: c’è chi vuole prendere la palla al balzo e iniziare il proprio progetto di data-drawing o di approfondimento personale. È incredibile. Da un altro punto di vista, muoio dalla voglia di sapere che ne pensa il postino delle nostre cartoline. Purtroppo non ho mai avuto modo di chiederglielo.

Hai fatto un bilancio personale dopo Dear Data? Il progetto ti ha aiutata a vedere la tua vita sotto una luce diversa?
Abbiamo imparato entrambe che la cosa cosa più importante è prestare attenzione, ed essere consapevoli di noi stesse e di ciò che ci circonda. Per noi Dear Data è stato un progetto di ricerca su noi stesse a lungo termine in grado di toccare diversi temi contemporaneamente. Alcune settimane sono state di particolare approfondimento, soprattutto quelle che hanno premuto tasti particolari, come le nostre ossessioni; o dettagli personali, come la relazione con i nostri compagni/mariti per esempio. Ma l’esperienza principale che abbiamo abbracciato è stata l’attenzione ai particolari.

 

Giorgia DearData smarthone Giorgia Lupi - Una settimana di smartphone. Per interpretarla, clicca sul link

 

Una cartolina di Stefanie parla del terrore che si prova quando si perde il proprio smartphone. Anche tu hai scritto che parlare del tuo è una cosa molto delicata. Dear Data ti ha messo di fronte a “usi e costumi” della tecnologia su cui non ti eri mai soffermata?
Sappiamo che per generare dati basta respirare: i nostri acquisti, spostamenti in città e ricerche su internet contribuiscono a formare le impronte di dati che lasciamo lungo la nostra vita. Mi sono resa conto che per estrarre un significato reale da questi dati una persona dovrebbe focalizzarsi e dedicarsi a una pratica che faccia chiarezza e interpreti questi numeri attraverso storie personali, comportamenti e routine. Più in generale, pensiamo che i dati estrapolati dalle nostre vite siano un’istantanea del mondo, così come una fotografia è la cattura di un frammento di tempo. I dati possono descrivere la trama nascosta in ogni aspetto delle nostre vite, dalla nostra esistenza digitale fino al mondo naturale che ci circonda. Non appena realizzi che i dati possono essere raccolti da ogni singola cosa sul pianeta, capisci come trovare questi numeri invisibili. E inizi a vederli ovunque.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >