facciate carlo cafferini
Art
di Simone Stefanini 14 Aprile 2016

Le precisissime geometrie degli edifici nelle composizioni di Carlo Cafferini

Un progetto affascinante e particolare, che veicola le forme tramite la facciata dello stesso palazzo

facciate carlo cafferini via - Stripes © Carlo Cafferini

 

Carlo Cafferini ha 31 anni ed è un fotografo amante dell’architettura. Nel suo progetto Fantasy Motel ha indagato sulla possibilità di esprimere un concetto, un umore o un’idea attraverso la facciata di un motel galleggiante ad Amsterdam, scomposta e ricomposta a piacere, utilizzando i suoi elementi come se fossero dei pixel giganti con cui giocare.

Un trip visivo che attraverso le geometrie semplici e i colori basici riesce a trasmettere concetti più profondi. Per capirne di più lo abbiamo intervistato.

 

Nelle tue composizioni, la fotografia diventa pixel e l’architettura scomponibile e ricomponibile a piacere. Cosa ti ha fatto scaturire questo processo?
Adoro le facciate e tutte le storie che possono celarsi dietro le finestre e le mura di un palazzo, storie che aspettano solo di essere raccontate. Al di là dell’apparenza (la facciata appunto) di pietra senza vita e senz’anima, penso che un edificio possa esprimere un sentimento, uno stato d’animo, un concetto, un’idea… l’architettura come entità vivente è un tema ricorrente nelle mie fotografie ed è anche il background del mio progetto ‘Fantasy Motel’. L’idea alla base del progetto è nata durante un recente viaggio ad Amsterdam, quando ho fotografato la facciata anonima di un motel galleggiante, costituito da moduli tutti uguali, stile container, e dai toni neutri. Questa facciata ben si prestava a fare da base al progetto, permettendomi di replicare a piacimento i moduli, e di giocare con diverse composizioni, magari con l’aggiunta di colori alle pareti o alle tende.

 

facciate carlo cafferini via - Vortex © Carlo Cafferini

 

Il bianco e il nero riesco a interpretarli in senso zen, come gli opposti. Il rosso invece cosa significa?
Il rosso è per antonomasia il colore dei sentimenti e delle emozioni forti, dei concetti più “estremi”. Può essere utilizzato per indicare una sensazione di pericolo come nell’immagine intitolata “Target” (personalmente, dovessi essere ospite di questo motel immaginario, non mi sentirei troppo a mio agio nel modulo centrale dipinto di rosso!) oppure per trasmettere una sensazione di proibito, anche legato all’amore, alla passione, come nel caso di “Red curtain”. Paradossalmente la prima immagine che ho creato per questo progetto era un trionfo di colori, proprio per ovviare alla monotonia della facciata di partenza. Subito dopo però mi sono orientato verso le composizioni monocromatiche, perché l’utilizzo del solo bianco e nero meglio si prestava ad esprimere determinati concetti e a veicolarli in modo più immediato.

 

facciate carlo cafferini via - Target © Carlo Cafferini

 

Come ti approcci a una nuova composizione? Hai prima tutta l’immagine in testa o ti lasci ispirare dal momento?
Relativamente al progetto ‘Fantasy Motel’, la maggior parte dei concetti rappresentati nelle facciate mi “ronzava” in testa già da un po’ di tempo, mancava solo la messa in pratica. Una volta cominciata la serie altre idee sono venute di conseguenza (e nuove idee si aggiungono di giorno in giorno) e si è venuto a delineare il progetto così come lo si può vedere oggi.  Se invece ci riferiamo più genericamente al tipo di fotografia che prediligo, la fotografia di architettura, in primis contemporanea, quando esco per scattare qualche immagine ho già in mente quali saranno i soggetti su cui concentrarmi, o perlomeno quali sono le aree più interessanti sotto questo punto di vista…Nel caso per esempio di una nuova città da visitare, con pochi giorni a disposizione, la pianificazione è fondamentale, perché spesso gli edifici che mi piacerebbe fotografare sono in zone periferiche o lontane dai normali circuiti turistici, e anche raggiungerli può risultare tutt’altro che facile. Quando invece il tempo a disposizione è maggiore, mi piace vagare senza una meta particolare, lasciando che sia l’ispirazione del momento ad avere il sopravvento.

 

facciate carlo cafferini via - Shades © Carlo Cafferini

 

Si dice che nella reiterazione si arrivi al divino, eppure la tua di reiterazione non è mai uguale a se stessa. Qual è il fine ultimo della tua arte?
Spesso mi sono chiesto se fosse possibile veicolare messaggi di tipo sociale, ma anche messaggi meno “impegnati” e più leggeri, attraverso la fotografia di architettura o comunque attraverso un tipo di immagine che presenta elementi architettonici al suo interno. Questo progetto si può considerare come un tentativo in tal senso. Fantasticando, mi sono immaginato questa serie utilizzata per una campagna pubblicitaria, visto che le potenzialità del progetto sono pressoché infinite, come infiniti sono i concetti che si possono esprimere attraverso queste facciate.

 

facciate carlo cafferini via - Calimero © Carlo Cafferini

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >