giacomo carmagnola glitch art
Art
di Gabriele Ferraresi 22 Marzo 2016

Errore e bellezza, la glitch art di Giacomo Carmagnola

Abbiamo intervistato l’artista che ha creato la serie delle bellissime e inquietanti Veiled Ladies

redrum Redrum - Giacomo Carmagnola, 2014

 

La glitch art rappresenta in un certo senso l’espressione della bellezza in un difetto programmato. È l’elezione del bug, dell’errore – analogico o digitale che sia – a pregio dell’opera, a suo centro.

Giacomo Carmagnola è un artista di 23 anni, studente di comunicazione e grafica multimediale, che quando si presenta spiega “passo la mia giornata tra film gore o drammatici e mi annoio molto. Non ho una vita avvincente, diciamo che cerco di lasciarla passare“. Mentre la lascia passare però crea immagini inquietanti e affascinanti, dove il passato si fonde con il futuro, immagini inumane, che sono piccoli grandi capolavori di glitch art.

Noi gli abbiamo fatto qualche domanda qui sotto.

Sei nato e vivi ancora a Montebelluna, in provincia di Treviso: dove ti piacerebbe essere tra dieci anni?
Tra dieci anni sinceramente non ho idea di dove mi piacerebbe essere. Mi basterebbe avere in un posto dove mi senta a mio agio. Che sia un paesino di campagna o una metropoli da milioni di abitanti, punto alla serenità mentale.

Qual è il lavoro che sei più fiero di avere realizzato?
Li sento un po’ tutti come miei “bambini”, è un po’ difficile per me dare preferenza ad uno rispetto all’altro. Forse la serie che ho creato, e aggiorno mano a mano, delle Veiled Ladies.

 

giacomo carmagnola BGP, gif version - Giacomo Carmagnola, 2015

 

Se dovessi spiegare a un bambino che cos’è la glitch art, cosa gli diresti?
“Vedi quel disegno dove la maestra ti ha detto ‘non si fa così, sei andato fuori dalle righe del disegno, è sbagliato’?A te piace fatto in questo modo? Ecco, questa può essere glitch art. Trovare la bellezza nell’errore: che sia casuale o voluto”

Perché ci piace la glitch art?
Forse perché ci siamo stancati della ricerca della perfezione. Delle opere iper-realistiche e delle foto dove si possono vedere anche i pori della pelle se si fa uno zoom. Probabilmente il fascino si racchiude nel fatto che l’errore diventa la parte estetica stessa dell’opera, quindi la va a valorizzare nei suoi massimi

La glitch art è in fondo perdita di informazione: perché perdere informazione è ancora importante? Personalmente, nei miei lavori, non vedo il glitch come una perdita di informazioni bensì un’aggiunta. Una sorta di restyling di quelle che possono essere fotografie, ritratti, statue o quanto altro ho fatto fino a ora. L’effetto che vado a porre è un surplus di informazioni che possono essere viste in realtà come una mancanza. Ma per me sono invece proprio quella parte estetica che permette di ridare vita a immagini che altrimenti passerebbero inosservate. Dipende tutto da come si vuole interpretare il fattore del glitch.

 

PRKMirrorVersion giacomo carmagnola PRK, Mirror Version - Giacomo Carmagnola, 2016

 

Come realizzi le tue opere, con che software?
Parte tutto da Processing “un linguaggio di programmazione che consente di sviluppare diverse applicazioni” dopodiché la post-produzione passa in Photoshop. Cosa che per i “puristi” della glitch-art è probabilmente il male assoluto perché prediligono l’errore puro realizzato senza programmi di grafica. Io mi oriento in maniera leggermente diversa.

Quanto tempo impieghi a realizzare una tua opera?
Come può volerci un’ora possono volerci due giorni perché non raggiungo ciò che mi sono prefissato in mente.Non saprei stilare una media di tempo tra un lavoro e l’altro. Ci sono molti fattori che influiscono il processo di creazione.

Come si impara, se si può imparare?
Ci sono tantissimi tutorial su internet. Io ho cominciato “per gioco” un anno e mezzo fa, senza avere la minima idea di cosa fosse la glitch art, se non qualche idea generale sullo stile delle immagini. Ormai ci sono direttamente applicazioni per tutti gli smartphone in grado di ricreare la maggior parte degli effetti definiti “glitch”.

 

Creepy-Il-lupo-pt.3_rid Creepy il lupo - Giacomo Carmagnola, 2016

 

Quali sono gli artisti del passato che ami di più, quelli che per te sono una fonte di ispirazione?
Sono sempre stato l’ignoranza in persona quando si parla di arte. Ancora di più se è storia dell’arte. Più che artisti in sé sono le tele singole che per un motivo o per l’altro mi hanno influenzato, probabilmente anche in maniera inconscia. In questo momento non saprei dirti neanche un nome.

E quali sono quelli del presente?
Quanto ad artisti attuali invece seguo di tutto, da scultori, ad artisti di collage manuali. Qualche esempio può essere David Delruelle, o Ossian Brown.

Con chi ti piacerebbe collaborare?
Sono una persona piuttosto solitaria. L’idea di creare collaborazioni devo dire che non mi ha mai entusiasmato.Se proprio mi piacerebbe creare opere per quello che riguarda il marketing dei beni culturali, ma sempre in totale autonomia. Non c’è un’artista con il quale vorrei fare un “featuring”, ora come ora.

Che cosa hai in tasca in questo momento?
In questo momento sono in pigiama, e sono letteralmente senza tasche. In compenso nella felpa c’è un accendino perché tra poco fumo una sigaretta.

 

moon giacomo carmagnola Moon - Giacomo Carmagnola, 2016

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >