Art
di francescarusso_ 30 Aprile 2019

Il Politecnico di Milano si colora per il POLI URBAN COLORS

Il Politecnico di Milano è diventato la tela di 4 urban artists

Il Politecnico di Milano è diventato la tela di 4 urban artists, che con i loro pennelli e le loro bombolette hanno decorato le pareti interne e adiacenti del Campus Universitario, in occasione del quinto centenario dalla morte di Leonardo da Vinci e della settimana del Fuorisalone. Gli artisti 2501, Luca Barcellona, ZEDZ e Rancy si sono attrezzati per POLI URBAN Colors, un evento del Politecnico di Milano curato da Luca Mayr e Andrea Gasparro in collaborazione con il Comune di Milano e il Municipio 9, e sostenuto da Just Eat.

In collaborazione con 20 studenti del Politecnico selezionati tramite una call, sono state realizzate opere legate ad un contest specific, che mettesse in evidenza il dialogo tra l’aspetto visivo e il profilo culturale accademico dell’Università. I ragazzi hanno avuto quindi l’opportunità di mettersi in gioco e di assistere sul campo i quattro artisti in un’esperienza unica che gli permettesse di realizzare sia opere di gruppo sia opere personali.

Le opere di Leonardo da Vinci sono state reinterpretate secondo i canoni della street art, dedicando omaggi e citazioni al genio italiano, e ricontestualizzando i disegni e le opere rinascimentali. Luca Barcellona, apprezzato calligrafo milanese famoso nella scena internazionale, ha ripreso la frase disarmante attribuita a Leonardo: “Noi tutti siamo esiliati entro le cornici di uno strano quadro. Chi sa questo, viva da grande. Gli altri sono insetti.”
Le forme classiche delle lettere vengono deformate dagli incastri più estremi e dai tratti secchi, tipici dei pittori italiani di manifesti cinematografici degli anni ’70.

L’opera di Luca Rancy, ‘Divina Proportione’, cita una delle illustrazioni di Leonardo; l’icosaedro vacuo, che riflette in sé la perfezione e l’armonia divina. L’ involucro tridimensionale, che rimanda all’uomo, contiene 3 sfere dipinte nei colori primari, verde per la mente, blu per l’anima, rosso per lo spirito.

Il lavoro di 2501 e dell’artista olandese ZEDZ ricopre lo spazio dell’imponente parete a lato del Campus, vicino all’ingresso in via Schiaffino. 2501 crea ‘Top Bottom (slash) Fake font Design’, secondo il suo personale stile distintivo, dove i segni alfabetici si destrutturano e si sviluppano nello spazio come processo di reazione all’architettura e al contesto circostante. ‘The geometric abstract space’, l’opera realizzata da ZEDZ, è una riflessione sull’architettura e sul progresso industriale dipinta su una superficie piana. Il murales non vuole soltanto essere una decorazione per la superficie di un edificio pubblico, ma mira a coinvolgere e a rendere il passante e lo spettatore parte integrante dell’opera d’arte stessa.

Con il contributo di Just Eat, l’app che consente di ordinare cibo a domicilio in tutta Italia, l’obbiettivo del progetto è stato quello di trasmettere il valore della condivisione del cibo e della multiculturalità; e soprattutto l’importanza di non sprecarlo. Sul murales, un QR code conduce i visitatori alla scoperta del progetto Ristorante Solidale, con il quale Just Eat, insieme a Caritas, supporta comunità e famiglie grazie a donazioni di cibo dai ristoranti partner, sensibilizzando sul tema della riduzione degli sprechi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >