selfie dirottatore ben innes
selfie dirottatore ben innes
Art
di Gabriele Ferraresi 30 Marzo 2016

L’incredibile foto di un ostaggio inglese con il dirottatore del suo volo

Intanto non è un selfie: ecco perché l’immagine simbolo del dirottamento EgyptAir di ieri sarà ricordata molto a lungo

ben innes selfie dirottatore  Il titolo migliore l’ha fatto Gizmodo: Hijack Pics or it didn’t happen

 

Per prima cosa non è un selfie, l’ostaggio non l’ha scattata da solo quella foto, si è fatto aiutare da una hostess. Ma che importa! Quando ti fai una foto con un dirottatore dotato di (scopriremo poi) falsa cintura esplosiva è tutto ok, vale tutto.

E quella che vedete qui sopra è comunque una di quelle immagini potenti, che parlano, che resteranno un po’ e che a dicembre 2016 sicuramente ricorderemo come una delle foto dell’anno. Ma chi c’è nella foto?

C’è il dirottatore del volo EgyptAir, Seif Eldin Mustafa, insieme a Ben Innes, uno degli ostaggi. Un ostaggio sereno, che a un certo punto del dirottamento – avvenuto ieri mattina – ha pensato bene di scattarsi una foto con chi aveva costretto l’equipaggio a cambiare la rotta dell’aereo decollato da Alessandria d’Egitto per farlo dirigere verso l’isola di Cipro.

 

ben innes selfie dirottamento  Ben Innes ha ovviamente mandato la foto via WhatsApp

 

Ma che cosa c’è ancora, cosa c’è oltre in questa foto?

C’è il mezzo terrorista – nel senso che ha provocato terrore, ma più prosaicamente un membro del governo egiziano l’ha definito “un idiota” – dotato di finta cintura esplosiva ben allacciata in vita, sguardo tutto sommato sereno per uno che avrà decine di cecchini intorno pronti a fargli saltare il cranio nel giro di qualche minuto, un aspetto un po’ dimesso ma alla fine non del tutto sciatto, catenina larga intorno al collo, canottiera che si intravede sotto la camicia slacciata, saggiamente sbottonata per mostrare in favore di camera e di ostaggi l’esplosivo, ci mancherebbe.

Sembra quasi da professore in pensione, porta occhiali con montatura sottile – le cui lenti riflettono il flash dello smartphone? – uno sguardo rilassato, per essere uno che ha appena dirottato un volo con 62 persone a bordo.

È rilassato forse perché è una foto con un amico quella che sta facendo. Forse sente che anche se è grande il triplo di lui, quel tizio non solo non gli vuole fare niente, ma vuole conoscerlo meglio. La gente si annusa le emozioni e a volte, molte volte, ci azzecca.

 

La falsa cintura esplosiva  La falsa cintura esplosiva

 

Ben Innes invece ha 26 anni, è un grosso ragazzone inglese, viene da pensare giochi a rugby, se ne sta su un volo che è stato appena dirottato da uno che per lui, allo stato attuale delle cose – proviamo a pensare quello che poteva sapere chi era su quel volo – è lecito ritenere sia un terrorista.

Ben indossa camicia Ralph Lauren di taglia enorme, adeguata, occhiali con montatura Ray-Ban forse falsi e vagamente Wayfarer, vezzosamente appoggiati in testa, pronto ad abbassarli una volta disceso sulla pista per ripararsi dalla luce, dal vento, dalle pallottole, dalle schegge impazzite in caso di esplosione, pronto a scappare mani in alto per non farsi crivellare dalle forze speciali in assetto di guerra.

Ben indossa disinvolto anche un ghigno sardonico premorte, adattissimo allo scatto. Porta un orologio che non appare particolarmente pregiato al polso sinistro.

 

Ben Innes e un bel sorriso in camera  Ben Innes: sorriso in camera, Ray-Ban forse non originali appoggiati in testa

 

Ma anche Ben a guardarlo con attenzione sembra tutto sommato tranquillo, pronto a farsi una foto con l’amico dirottatore, a donare a Wikipedia o ai posteri l’immagine perfetta per illustrare la Sindrome di Stoccolma nell’epoca dello smartphone. Visto che per quel che ne sa in quel momento Ben, Seif Eldin Mustafa indossa una cintura che se fatta detonare ridurrebbe lui, la camicia Ralph Lauren, i Ray-Ban tarocchi, e molto di quel che c’è intorno a loro in pezzettini abbastanza piccoli da essere impossibili da ricomporre.

C’è poco – o moltissimo… – da dire ancora su questa foto: forse la domanda cruciale è una sola, perché farla? Probabilmente perché Ben aveva capito che il dirottatore era un mezzo cialtrone, e perché intuiva che la situazione si stava risolvendo, forse perché non gliene importava nulla.

In quel momento erano già stati liberati quasi tutti gli ostaggi, erano rimasti in pochissimi a bordo e Ben, ha spiegato al Sun, ha pensato “Perché no? Se si fa saltare saremo morti e non avrà comunque alcuna importanza“. Non si è fatto saltare, ed è venuta fuori una di quelle foto che ricorderemo a lungo. Se avesse ragione Ben?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >