Art
di Sandro Giorello 18 Novembre 2015

Pane e Merda, il progetto fotografico dedicato ai paninari notturni di Bari

La notte come la vivono i venditori ambulanti di Bari nelle foto di Antonio Maria Fantetti

panetmerdaeataly-2 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

Antonio Maria Fantetti è un fotografo di Bari. I suoi scatti hanno due tratti distintivi: l’attenzione verso il territorio e un certa affezione per gli ambienti desolati e alienanti. Uno dei progetti che mette meglio insieme questi due aspetti è Pane e Merda: sembra una provocazione ma, in realtà, è semplicemente il nome che i baresi danno ai venditori di panini che, di notte, si parcheggiano in riva al mare. Ci ha raccontato la loro storia.

Come nasce il progetto?
Tutti i paninari sono stati ritratti in varie zone del territorio di Bari. Come tutti i mie progetti, sono affascinato dal paesaggio che mi circonda: abito vicino al mare (zona Fiera del Levante) e, quando arriva l’estate, tutta la città si riversa in questa fascia di lungomare perché c’è quella brezza marina che fa respirare. I paninari diventano il fulcro attorno al quale si svolgono le serate di vere e proprie comitive di famiglie e non solo. Quando noi baresi pensiamo ai paninari, quindi, è inevitabile associarli ad un clima simile. Io, al contrario, ho voluto concentrarmi su un periodo più freddo, di bassa stagione, quando i paninari diventano delle figure desolate, alienanti, sole nella notte. È proprio questo che mi affascina: è come fotografare il mare d’inverno.

E perché proprio loro?
Quella del paninaro è una figura ben radicata nella mia adolescenza. Ho vissuto fino a diciotto anni a Manfredonia e quando arrivava l’estate non vedevo l’ora di andare da Nunzio, l’ambulante storico del paese. Mi piaceva osservare la sua clientela: il padre che portava tutta la famiglia a “mangiare fuori”, il fidanzato che comprava il panino farcitone per la fidanzata, i lavoratori notturni che facevano pausa con una doppia porzione di sgagliozze, ovvero la polenta fritta. È il tipico esempio di come il paesaggio possa influenzare l’uomo e il suo modo di vivere.

 

5 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

Le foto sono solo otto, come sei arrivato a questa selezione?
A dire il vero il progetto non è ancora chiuso. Mi piace guardare questo tipo di vita notturna e quando posso continuo a fotografarli. La selezione non è il frutto di una scelta, ma principalmente la conseguenza di un problema: la maggior parte di queste realtà non sono in regola e quando vedono una macchina fotografica non sono propriamente ben predisposte. Quindi prima di uno scatto ci sono molti panini, molte storie e, alla fine, dopo aver spiegato il mio progetto, solo alcuni accettano di farsi fotografare.

 

8 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

Il titolo è pura provocazione o sei davvero un difensore della cucina più raffinata?
È che, a Bari, i paninari vengono chiamati Pane e Merda proprio perché non si conosce la provenienza di quello che si mangia. In realtà, la maggior parte di loro sono molto attenti a quello che cucinano, perché spesso vengono sottoposti ai controlli ordinari di qualche pattuglia notturna.

 

7 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

41 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

Perché ritrarli vuoti o con pochissimi clienti?
Come ti ho già detto, mi attrae questo senso alienante che caratterizza immagini simili. Tra la sera e la notte inoltrata, i pane e merda rappresentano quasi delle piccole oasi. Si parcheggiano vicino strade o zone dove non ci sono locali. È interessante vedere come le persone possano sedersi e decidere di passare del tempo in un contesto urbano o periurbano esteticamente non ideale.

 

3 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

Vuoi dirci una tua personale top 3 dei pane e merda baresi?
Non esiste una vera e propria top 3 dei paninari baresi. Ognuno ha qualcosa di speciale. I Rossi in piazza hanno le migliori braciole che abbia mai assaggiato, quello del tribunale invece ha le patate fresche fritte, tagliate a mano e, vi assicuro, sono una vera e delizia. Da quando ho iniziato questo progetto ho messo in conto che avrei preso parecchi chili.

 

2 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

6 Antoniomariafantetti.com - Pane e merda

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >