Viaggi
di Simone Stefanini 18 Novembre 2015

Nel Mar Egeo è stata ritrovata un’isola scomparsa migliaia di anni fa

Ciò che a prima vista sembrava una penisola, erano invece i resti dell’isola in cui sorgeva la città di Kane

bademli-village Google Earth - Il sito della scoperta

 

Atene&Sparta, dette così, come se fossero i protagonisti di un cartone animato, sono due nomi che pensiamo esistano solo sui libri di storia o in qualche film pieno di manzi palestrati, ma a distanza di quasi 2000 anni questi nomi sono tornati di assoluta attualità e in modo assolutamente concreto. Stiamo parlando di una scoperta storica e archeologica che ha dell’incredibile: siamo abituati a ritrovamenti di vasi, utensili, a volte di scheletri, ma questa volta si è di fronte a tutt’altra situazione. In Turchia, infatti, hanno ritrovato un’isola che era scomparsa e non un’isola qualsiasi.

A quanto pare anche le isole si possono perdere e in questo caso si tratta dell’isola su cui sorgeva la città di Kane e dove nel 406 d.C. venne combattuta la battaglia delle Arginuse. Se state pensando a un’isola inabissatasi stile Atlantide, purtroppo dobbiamo darvi una delusione: esaminando rocce sotterranee vicino al villaggio di Bademli, in Turchia, si sono resi conto che la conformazione del territorio un tempo era molto diversa. Dove oggi si trova la penisola di Karadağ, un tempo c’era un’isola. Si tratta del piccolo arcipelago delle isole Arginus, attualmente composto da due isole chiamate Garip, ma che in antichità era formato da tre isole.

 

Izmir_in_Turkey.svg  Izmir, in Turchia

 

Stando a quanto riporta la Doğan News Agency, i ricercatori si sono basati sui ritrovamenti archeologici e sulle ceramiche che hanno trovato nel villaggio.  “Non era chiaro che questo posto fosse in realtà Kane prima delle nostre ricerche,” ha detto l’archeologo Felix Pierson al giornale turco Zaman. “Esaminando i campioni geologici, ci siamo resi conto che il terreno che univa la tersa isola Arginus e la terraferma era formato da suolo posticcio e rocce, che hanno creato la penisola esistente.”

La battaglia delle Arginuse avvenne nell’ambito della Guerra del Peloponneso. Vinse Atene, ma come riporta la storia, si registrarono molte vittime da entrambe le parti.

FONTE | qz.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >