piante edifici federico babina
Art
di Simone Stefanini 14 luglio 2016

Le piante degli edifici diventano labirinti nelle illustrazioni di Federico Babina

Il nuovo lavoro di Federico Babina ci fa vedere che razza di labirinti sarebbero i palazzi, se li guardassimo senza il tetto

piante edifici federico babina

 

A noi di Dailybest piace molto il lavoro di Federico Babina, illustratore e architetto italiano che vive a Barcellona dal 2007. Quando lo avevamo intervistato, si era descritto così: “Sono una persona curiosa (da sempre). Ogni giorno cerco di ritrovare un modo di osservare il mondo attraverso l’innocenza degli occhi di un bambino. I bambini sono in grado di avere una visione delle cose totalmente disinibita e senza il condizionamento dell’esperienza. Non mi piace e non voglio confinarmi nella una prigione di uno stile o di una forma. Il disegno, l’illustrazione e l’architettura sono per me dei modi per raccontare e fotografare i pensieri, i sentimenti e le emozioni. Ogni immagine ha una storia e ogni immagine è la testimone di una storia.”

Dopo averci mostrato le case se fossero disegnate dai più grandi registi cinematografici, le locandine illustrate di film di culto, il kamasutra spiegato con l’architettura e le case dei musicisti partendo dalle loro canzoni, adesso Federico torna con un progetto chiamato Archiplan, in cui seziona i palazzi degli architetti più famosi per mostrare gli affascinanti labirinti che ne viene fuori, una volta osservati da un punto di vista zenitale.

 

 

Le sezioni di Babina creano elementi simmetrici e asimmetrici, linee curve e dritte, vuoti e pieni per creare una nuova calligrafia, un ideogramma in cui l’essere umano possa perdersi.

 

Le Corbusier designboom

 

Mediante le sue illustrazioni riusciamo a capire meglio la costruzione degli spazi da parte dei grandi architetti del passato e del presente, e grazie alle figure che vagano attraverso quei labirinti, anche la proporzione tra le persone e gli ambienti circostanti.

 

Gehry designboom

FONTE | Design Boom

CORRELATI >