Pleasant Places
Pleasant Places
Art
di Lorenzo Mannella 14 Dicembre 2015

Pleasant Places: i paesaggi di van Gogh trasformati da un algoritmo

Abbiamo intervistato Quayola, l’artista italiano che mixa naturale e artificiale

 

Siamo in Provenza, davanti a uno dei paesaggi che hanno ispirato il pittore Vincent van Gogh alla fine del’Ottocento. Le chiome degli alberi piegate dal vento sono improvvisamente distorte da un algoritmo in un blur. Dov’è il confine tra reale e artificiale? È la domanda che ti poni di fronte a Pleasant Places, un’installazione audiovisiva in 4k a metà tra natura e realtà virtuale.

Pleasant Places è firmata da Quayola, un artista italiano nato a Roma (classe 1982) che vive e lavora a Londra. Da tempo realizza installazioni artistiche immersive che prendono vita come ibridi di pittura animata e scultura. Lo abbiamo contattato per chiedergli come è nata la sua ultima opera ispirata ai paesaggi di van Gogh.

 

Pleasant Places Quayola - Pleasant Places

 

Quali sono le considerazioni artistiche alla base di Pleasant Places?
Con Pleasant Places ho voluto esplorare le relazioni e le ambiguità tra rappresentazione e astrazione, nello specifico all’interno del contesto della mediazione digitale. Sono affascinato dall’osservazione del mondo attraverso i sistemi di computer vision: algoritmi che forniscono punti di vista alternativi e, in certo senso, potenziano la visione e la percezione. Sono alla ricerca di nuove sintesi e modalità alternative di osservazione. In modo simile, sono affascinato dalla tradizione dei paesaggisti moderni, come netto punto di partenza verso l’astrazione. Pleasant Places è un omaggio a questa tradizione e, più nello specifico, all’ultimo periodo della vita di van Gogh, in cui i paesaggi diventarono un pretesto per una visione e gestualità interiori. Il mio lavoro riflette sulla mediazione digitale di oggi come opportunità per scoprire nuovi tipi di visione.

 

Cascata di algoritmo Quayola - Una cascata di algoritmo

 

Come sono stati scelti i luoghi che vediamo trasformati in Pleasant Places?
Riferendomi al lavoro di van Gogh, ho trascorso un po’ di tempo nella stessa zona della Provenza da cui provengono i paesaggi presenti nel mio lavoro. Ero alla ricerca di una natura selvaggia, eppure familiare e intima. Ho voluto creare un particolare attrito tra il punto di vista di una persona che osserva i paesaggi e quello di un sistema computerizzato che li reinterpreta. Un altro elemento cruciale del lavoro è il vento. Ho voluto che all’interno delle inquadrature ci fossero una certa energia e movimento, in modo tale da avere le giuste dinamiche per le relative trasformazioni digitali. Abbiamo trascorso molto tempo in attesa delle condizioni meteorologiche ideali per filmare i vari soggetti come ci eravamo posti di fare. Un altro fattore importante è la scala. Tutti i paesaggi sono stati filmati in modo da apparire in scala vicino a 1:1 una volta proiettati per l’installazione finale. Di conseguenza, il punto di vista nelle inquadrature è legato anche alla manifestazione fisica della proiezione finale – così da diventare un luogo a sua volta.

Nel processo di astrazione gli algoritmi sono percepibili come traccia umana oppure non-umana?
Sicuramente entrambe le cose. L’estetica si riferisce chiaramente alla pittura, anche se le sue dinamiche sono molto algoritmiche; per me ciò crea tensione e ambiguità interessanti tra uomo e visione artificiale. Penso che un livello ulteriore sia dato dalle relazioni tra gli interventi digitali e il movimento intrinseco degli alberi – tant’è che il confine tra reale e artificiale diventa sempre più sfumato.

 

Tempesta di vento e algoritmo Quayola - Il vento e l’algoritmo soffiano tra le chiome degli alberi

 

Quando osserviamo un’immagine sullo schermo di un computer o dispositivo portatile, ci aspettiamo di poter interagire con essa e vederla cambiare. Trovarsi di fronte all’installazione di Pleasant Places ha un effetto diverso sulle persone?
Un proiezione ultraHD da 15 metri è un’esperienza molto differente da quella dello schermo di un dispositivo mobile o di un laptop. Non penso che Pleasant Places sia percepito come un video, ma più come un oggetto di contemplazione con le proprietà scultoree. L’installazione vuole essere un luogo da esplorare. Di solito ho un approccio simile in tutti i miei lavori visuali. Sono interessato alla creazione di sculture basate sul tempo che abbiano forti qualità fisiche e tangibili. Certo, puoi guardarne un piccolo frammento su un computer o su un telefono nello stesso modo in cui puoi guardare la foto di un dipinto, ma è un’esperienza molto differente dal vedere l’opera in sé.

Al di fuori del frame di Pleasant Places, quanto sono cambiati i paesaggi provenzali 125 anni dopo van Gogh?
Sebbene il progetto sia un chiaro omaggio a van Gogh, non ho lavorato con gli stessi identici paesaggi, dato che la mia intenzione non era quella di riprodurre quei dipinti. Ho studiato i paesaggi in un’area vicina a quella in cui si trovava van Gogh. Dato che il mio focus era la natura priva di alcun intervento umano, direi che questi paesaggi erano praticamente gli stessi di 125 anni fa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >