Society
di Simone Stefanini 14 Dicembre 2015

I 10 trend degli anni ’90 che non devono tornare di moda

La moda degli anni 90 è nella top 5 delle più brutte di tutti i tempi

beverly gds - Una carrellata di look immondi.

 

Bastano poche parole per descrivere gli anni ’90: Beverly Hills 90210, le Spice Girls, i Take That, le ragazze di Non è la Rai, Fiorello. Bene, solo con questo manipolo di persone abbiamo toccato picchi di fashion-orrore talmente alti da poter causare seri problemi di cuore a Carla Gozzi e Enzo Miccio.

 

NR4tmxO imgur - L’ha presa bene.

 

La nostalgia ci fa guardare a quegli anni come ai migliori della nostra vita, solo perché non ci ricordiamo di preciso come ci conciavamo. No, non stiamo dicendo che gli eccessi hipster contemporanei siano tanto meglio, ma stavolta il nostro è un grido d’allarme.

 

GIF_scream_queens_first_look_1-1432073570 widemovie - Paura.

 

Come sapete, dopo che la prima metà degli anni ’10 ha attinto tutto quello che poteva dagli anni ’80, in tema di musica, moda, trend, design e pure feste a tema, la seconda metà che va a iniziare riporterà sicuramente in auge le mostruosità degli anni ’90. Dal momento che siamo distratti e sempre di corsa, vi forniamo un breve dossier su ciò che mai e poi mai dovrà essere disseppellito dalla memoria sopita di quella decade visivamente immonda.

 

1) Le giacche color pastello tipo Fiorello

tumblr_njkxwwb1M11qz6z2wo1_540 tumblr

Dovete solo provarci ad andare in giro con le giacche arancioni, celestine o rosso sangue con le spalline modello Grande Mazinga che portava Fiorello ai tempi del Karaoke. Magari portate coi pantaloni ascellari e coi capelli tirati all’indietro col codino. Meglio ancora: con la passata come facevano Nesta o Buffon da giovani. Provateci e ve al dovrete vedere con noi.

 

2) I braccialetti / collanine coi ciucci

Pacifier-necklaces imisstheschool

Ci piacerebbe sapere chi è il primo che ha avuto l’idea brillante di creare dei mini ciucci (o ciuccini) colorati da appendere al collo o al braccialetto. Cioè, si capisce anche senza essere fashion blogger che è un’idea del menga. Eppure 20 anni fa se non ce li avevi non eri nessuno. Oggi, fortunatamente, li usano solo i kandi ravers. Se non sapete chi sono andate a cercarvi le foto. La vostra faccia assumerà la tipica espressione Perché?

 

3) I pantaloni sotto la gonna

vmas-gwen-stefani ew

È nato prima l’uovo o la gallina? In questo caso Bjork ha copiato da Gwen Stefani o viceversa? In ogni caso il look era molto simile: top che faceva fuoriuscire l’ombelico e/o reggiseno del costume, capelli coi codini, trucco creativo e gonna sopra i pantaloni. Andate a chiedere a un giovane degli anni ’90 se era facile finire in seconda base con una ragazza che indossava insieme gonna e pantaloni. La risposta è NO.

 

4) Il collarino di pizzo / velluto

fspixDpin-4x zimbio

I Nineties sono anche simbolo di lolitismo. Di teenager che si vestivano con gonne cortissime stile liceo giapponese, magliettine che facevano fuoriuscire di tutto di più e l’immancabile collarino di pizzo o di velluto, col medaglione o senza, meglio se integrato con acconciatura a caschetto, con frangetta. Tutta colpa di Natalie Portman, che poi c’ha messo una vita per scusarsi di quell’outfit lì.

 

5) I pinocchietti

taillissime-pantaloni-a-pinocchietto-tp_3220453077012796370f db

Il look dell’adulto: orribili sandali tipo Giuda, maglietta aderente, zaino monospalla e dulcis in fundo, i pinocchietti. Quei pantaloni, chiamati tecnicamente Capri, che non erano né shorts né pantaloni lunghi. Lasciavano fuori parte del polpaccio e tutta la dignità. Tutta.

 

6) Le scarpe a zeppa

tumblr_mj5exvmWBG1ra9e8to1_400

Il must di tutti quelli che andavano in discoteca. Buffalo, Art, Fornarina, rendevano una ragazza alta 1.50 di colpo una vichinga (o una nana sui trampoli). Se prendevi una storta, dovevano abbatterti come si fa coi cavalli al Palio di Siena. Non sono mai passate di moda nel circuito dei dancefloor più oscuri e dei rimasti sotto.

 

7) Il doppio taglio di capelli

Nick-Carter-90s crushable

Riga nel mezzo, assolutamente obbligatoria, caschetto di capelli a metà orecchie, rasati dietro. Tutti così. Guardate ad esempio com’era conciato Alessandro Cattelan. Dai, scherziamo, è Nick Carter ai bei tempi dei Backstreet Boys, quando era il bello della band. Ecco, ora immaginatevi quelli brutti.

 

8) I pantaloni da ciclista

tumblr_npsri7P4341qh2hjeo1_500 tumblr

Nonostante Axl Rose nell’immagine qui sopra non voglia noie, era solito indossare il capo più orribile di tutti: i ciclisti. Se se li metteva un uomo, vedevi tutto, in modo particolareggiatissimo. Per intendersi, capivi se era circonciso o meno. Per le ragazze poi era la fiera del cameltoe. E vi lamentate di qualche barba, i risvoltini e un po’ di ciuffo?

 

9) Il pullover corto senza maniche

3dfabad82afd7d3c12d14a7b441a4b09 mashable

Era il look di quella che non ti voleva vedere nemmeno dipinto. Borghesuccia, figlia di genitori abbienti, puzza sotto il naso, che guardava solo quelli più grandi e atletici, alla faccia tua che ti struggevi d’amore e le dedicavi sonetti. E badate bene, non era tanto il pulloverino, era la camicia bianca a righine modello ragazza per bene a farti uscire di senno.

 

10) I colori fluorescenti

tumblr_mnxw56ge2v1ra55ngo1_500 mouthymag

Amici, non cedete. Una cosa del genere non deve più accadere. Impariamo dagli errori, per una buona volta. Ci sarà un motivo perché oggi tutti portano gli occhiali da vista no? Perché si sono perforati le retine degli anni ’90 a causa di tutta quell’esagerazione di fluo, di colori sbagliati indossati insieme. Ripetete insieme a noi: mai più.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >