Art
di Carlotta Petracci 7 Marzo 2016

“È romantico come l’inferno, ciò che facciamo”: abbiamo intervistato Ryan McGinley

Il fotografo che ha ritratto la libertà, l’edonismo, l’energia e soprattutto la bellezza

Ryan McGinley, Plotter Kill Storm, 2015  Ryan McGinley, Plotter Kill Storm, 2015 – courtesy GAMeC

 

Ricorda, è romantico come l’inferno, ciò che facciamo”. Così Ryan McGinley, descrive la sua fotografia. Nato nel New Jersey e trasferitosi nell’East Village alla fine degli anni Novanta, è considerato tra i più influenti portavoce della nuova fotografia americana. La libertà, l’edonismo, l’energia delle sue raffigurazioni sono diventate il manifesto di una generazione, protesa verso la ricerca dell’innocenza e la manifestazione di una forte volontà espressiva.

A poco più di vent’anni il Whitney Museum e il MoMA PS1, con due importantissime mostre, consacrano il suo lavoro: un racconto ‘ossessivo’, fresco e spontaneo della comunità underground del downtown di New York. L’abbiamo incontrato in occasione della sua prima personale italiana, alla GAMeC di Bergamo, curata da Stefano Raimondi.

The Four Seasons, percorre dieci anni di lavoro del McGinley più romantico, dedito all’esplorazione del paesaggio americano. Con più di quaranta fotografie disposte in cinque sale e suddivise seguendo il ritmo delle quattro stagioni, ci siamo lasciati trascinare alla ricerca del ‘buon selvaggio’, tra landscape scultorei, accessi pattern cromatici, glaciali nevi invernali e corpi nudi immersi nella Natura. Abbiamo intervistato Ryan, ecco cosa ci ha raccontato.

The Four Seasons” è la tua prima mostra in Italia ed è percorsa da un forte ed evidente sentimento romantico. C’è qualche relazione tra il romanticismo delle tue fotografie, la cultura europea e il paesaggio italiano, considerato che ci viene prospettato un percorso espositivo melodico alla Vivaldi?
I miei lavori sono molto americani anche se da tempo dialogano con il romanticismo. Non posso dire che questa sensibilità sia di matrice strettamene europea, allo stesso tempo penso che l’Europa sia più sensibile al concetto di bellezza, soprattutto quando si parla di paesaggio. Questo aspetto mi porta a pensare che qui, più che in America, il mio lavoro possa essere apprezzato maggiormente. L’Italia, in particolare, ha una storia culturale di grande respiro in tutte le arti, che su di me ha avuto un forte impatto. Mi sento completamente immerso nella cultura italiana e mi piace questa condizione.

Per più di dieci anni hai viaggiato per l’America alla ricerca di luoghi incontaminati, realizzando serie fotografiche che sembrano, da un lato, rievocare il “mito del buon selvaggio”, dall’altro, una sorta di paradiso perduto che appare anche come una fuga dalla società. Che cosa stavi cercando?
Senza dubbio la spiritualità della Natura. La transizione delle stagioni, il senso ciclico del cambiamento. Il mondo naturale rappresenta un perfetto escape dalla dimensione urbana, però la luce, la pace, la connessione con la terra, i colori puri e accesi sono stati per me un’occasione per realizzare una liberazione e per esprimere una sensibilità più pittorica.

La pittura quindi ha influenzato il tuo modo di rappresentare la realtà?
Assolutamente sì, soprattutto i pittori romantici come Caspar David Friedrich. Quando fotografo vado sempre alla ricerca di una palette pittorica nel paesaggio e presto molta attenzione alla composizione e al bilanciamento delle parti, esattamente come in un quadro.

 

Ryan McGinley, Peepers, 2015  Ryan McGinley, Peepers, 2015 – courtesy GAMeC

 

Sei considerato uno dei fotografi più rappresentativi della generazione che dalla fine degli anni Novanta è passata al nuovo millennio e hai saputo dare un nuovo volto al sogno e al paesaggio americano, prima di tutto urbano. Questa mostra traduce però un punto di vista più filosofico. Giusto?
L’America è un continente smisurato ed estremamente vario. Tutti quando la immaginano pensano alle grandi distanze, ma può cambiare drasticamente aspetto e umanità anche su quelle brevi. Io sono sempre stato ispirato dal suo immaginario ma non ho mai racchiuso le mie fotografie in sezioni o “filosofie” predefinite. In questa mostra ho cercato di esplorare i differenti mood delle stagioni, facendomi ispirare dal concetto di transizione, di morte e di rinascita che è presente in Natura, che è filosofico di per se stesso, e che mi rimanda sicuramente al Trascendentalismo.

Le tue fotografie parlano un linguaggio molto emozionale. Si tratta di una concettualizzazione, di una ricerca idealizzata dell’emozione o di qualcosa di ineffabile che desideri semplicemente catturare?
Direi un po’ di tutte queste cose insieme. Quando siamo sul set lavoriamo moltissimo per ricreare un’atmosfera fresca e genuina. Ricorriamo alla musica, alla coreografia, per fare in modo che i modelli si sentano a loro agio. Molti dei momenti magici che sono presenti all’interno delle mie fotografie sono assolutamente spontanei.

La tua estetica e il tuo stile hanno avuto un impatto significativo su molti fotografi e filmmakers sia in America che in Europa. Chi consideri invece il tuo ‘maestro’?
Sono cresciuto con Easy Rider di Dennis Hopper e American Pictures, il meraviglioso libro fotografico di Jacob Holdt. Da un punto di vista cinematografico e di modalità di racconto, molto libera, devo ammettere che l’ineguagliabile stile di Terrence Malick è stata la mia più grande ispirazione.

 

Ryan McGinley, Ivy (Minnewaska), 2015  Ryan McGinley, Ivy (Minnewaska), 2015 – courtesy GAMeC

 

Mi è sempre piaciuto molto il tuo punto di vista diaristico nella fotografia, perchè è esattamente assimilabile a quello di un antropologo. E’ così?
La sensibilità antropologica che pervade le mie fotografie è semplicemente il ritratto della comunità che abita il downtown di New York. Molte di queste persone sono giovani artisti e liberi pensatori, con alle spalle vite e storie molto diverse, che hanno scelto di vivere la città con un’intensa voglia di esprimersi.

Sin dall’inizio il viaggio è stato molto presente nella tua fotografia, ma non nella direzione della street photography, cioè di un movimento quasi ed esclusivamente urbano. C’è molto della Beat Generation nel tuo immaginario, credo…
Ho letto per la prima volta On the Road di Kerouac alle superiori ed mi ha influenzato moltissimo, soprattutto questa idea di muoversi insieme a persone che sono nel tuo stesso viaggio, mentale prima di tutto. Per quanto riguarda la street photography non ha mai fatto parte delle mie ispirazioni, l’idea dell’attesa per cogliere il “momento decisivo” mi è completamente estranea. Il mio modo di fotografare è quello di chi sta dentro a un’esperienza, non fuori. Le mie fotografie non parlano della realtà, incorporano un aspetto più fantastico. Sono più degli pseudo-documentari, che sicuramente devono molto allo spirito libero e creativo della Beat Generation.

 

Ryan McGinley, Wet Blaze, 2013  Ryan McGinley, Wet Blaze, 2013 – courtesy GAMeC

 

Hai mai pensato di fare qualcosa di completamente nuovo, anche molto lontano dal tuo stile e dalla tua poetica?
Cerco sempre di fare qualcosa di artisticamente diverso. Quando ho cominciato a fotografare sono partito dal desiderio di dare un volto al downtown di New York, che corrispondesse alla mia generazione. Poco tempo dopo ho cominciato con i miei viaggi fotografici, che prevedevano situazioni completamente nuove: le cave, gli animali, le condizioni estreme del tempo atmosferico. Poi ci sono i ritratti in studio, come la serie Yearbook, a cui ho lavorato negli ultimi sette anni. Tutti questi progetti possono essere considerati delle variazioni rispetto allo stile e alla poetica delle mie fotografie. Allo stesso tempo credo dimostrino la mia costante irrequietezza e il bisogno di provare sempre cose nuove.

Le tue fotografie esplorano esclusivamente l’immaginario americano. Non ti piacerebbe conoscere e raffigurare altre parti del mondo?
Da un punto di vista fotografico, onestamente no. L’America è immensa e ho ancora tantissimo da esplorare. Dopo dieci anni di viaggi da una parte all’altra del suo territorio, penso di aver visto a malapena la punta di un icerberg. Sono un’artista profondamente americano, nel senso che mi interessa esplorare i luoghi e gli immaginari che fanno parte della mia cultura. Per me è fondamentale utilizzare i paesaggi americani come fondale delle mie fotografie. Inoltre non mi stancherò mai di ripeterlo: una delle cose più belle del viaggiare in America è che “tutte le strade portano a casa, tutte le strade portano a Mary Jane (mia madre)”.

 

Ryan McGinley, The Four Seasons
mostra a cura di Stefano Raimondi
18 febbraio – 15 maggio 2016
GAMeC, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >