Society
di Simone Stefanini 7 Marzo 2016

Kim Kardashian è nuda su Twitter, ancora

Inizia a sfuggire il senso di questa sovraesposizione nudista della moglie di Kanye West

kim-kar Kim Kardashian Twitter

 

Non so voi, ma a me inizia a sfuggire il senso di certe cose. Tipo: vado su Twitter e trovo un selfie della signora Kim Kardashian coniugata West coi capelli biondi di stoppa, simili a quelli di Maga Magò e poi tutta nuda. La didascalia, inquietante come un tema delle medie che parla di violenza domestica, recita: Quando non hai niente da mettere LOL.

 

 

Ora, a parte che il LOL non si usa più, alla stessa stregua del Poke su Facebook o dello squillo dal cellulare, ma poi cosa vuole questa donna da me? Perché mi costringe a guardare le sue enormità nude almeno una volta al mese, con la finalità di farmi perdere l’appetito sessuale una volta per tutte?

Già che anche suo marito, quel Kanye West che mi vendete tutti come genio, a volte non lo capisco, ma almeno lui sa fare qualcosa e quindi le sue stranezze (tipo l’ultima, mettere in streaming il suo album su PornHub) fanno parte del personaggio.

Kim invece? Senza googolare, perché altrimenti è scorretto, vi dico che di lei so due o tre cose, cioè che ha un tot di sorelle che sono anche loro famose a caso, che è la protagonista di un sextape con Ray J che ho visto più volte senza capirne la trama e senza eccitarmi, perché la Kim anche quando fa i POV ti guarda come se tu fossi un poveraccio. L’ultima sua fatica che io ricordi è quando ha cavalcato la moto di Kanye nel pluriparodiato video Bound 2.

Poi solo tette, tette e tette, fino alla nausea.

 

 

Non ce l’ho mica col nudo, intendiamoci. Ad esempio, Miley Cyrus la capisco, sta seguendo un percorso artistico che pure se sembra estremo, è in linea con la sua fase di sperimentazione anche musicale. Perché allora Kim Kardashian mi sembra uno strano ibrido iper proteico di Paris Hilton e Sara Tommasi?

Solo negli ultimi tempi ha regalato al mondo perle tipo quella qui sotto, in cui illustra il modo per far stare su le tette col nastro adesivo.

 

Today on my app see the red carpet cleavage tape trick I’ve been doing for years!

Una foto pubblicata da Kim Kardashian West (@kimkardashian) in data:


Il suo Twitter è pieno di foto artistiche del suo culo, che come il pesce ratto di Fantozzi può piacere o non piacere, viste anche le sue dimensioni da un biglietto e mezzo al cinema. Ecco, anche questa battuta è volgare e vorrei non averla fatta, ma è terribilmente difficile, perché il suo corpo è ovunque e non riesco a capirne il motivo.

Perché quando si spoglia lei è una roba che deve finire in prima pagina dei quotidiani seri e se invece si spoglia una Raffaella Fico o una Francesca Cipriani le bolliamo come roba trash buona solo per le riviste in sala d’aspetto dalle parrucchiere?

È una domanda vera, se ne sapete più di me scrivetelo pure nei commenti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >