Art
di Simone Stefanini 27 Giugno 2017

The GIFER, il festival italiano interamente dedicato alle gif animate

Torna per la seconda edizione The Gifer, il festival delle gif che si svolge a Torino. Abbiamo intervistato la direttrice Annalisa Russo

© Sabato Visconti wearethegifers - © Sabato Visconti

 

Torna the GIFER, il festival dedicato al fenomeno internazionale della gif art, alla cui prima edizione hanno partecipato 102 artisti da oltre 30 Paesi del mondo: dall’America alla Francia, dal Cile all’Inghilterra, dalla Spagna all’Australia fino ad Hong Kong.

Si terrà dal 2 al 5 novembre 2017 a Torino, alla Galleria Sabauda e alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, oltre al Museo Nazionale del Cinema, dove verranno proiettate le opere vincitrici e premiati i vincitori. Il tema di quest’anno è pastfuture, un mix di passato e futuro.

Se volete partecipare, potrete inviare i vostri lavori fino al 30 agosto 2017 a sul sito thegifer.org

Abbiamo fatto qualche domanda ad Annalisa Russo, ideatrice e direttrice del Festival.

 

© Andrey Smirny wearethegifers - © Andrey Smirny

 

In principio erano le immagini, poi i video e oggi le gif, la nuova comunicazione in loop eterno. Quando secondo te hanno avuto talmente tanto peso da potergli dedicare un festival e perché?
L’uso delle gif come strumento di comunicazione è un fenomeno relativamente recente, per quanto il formato in sé esista da 30 anni (cade proprio quest’anno l’anniversario).
Le gif hanno iniziato a diffondersi in maniera sempre più massiccia da quando i social, primo tra tutti Tumblr, hanno consentito l’utilizzo di questo formato per la pubblicazione di post: nel giro di pochi anni le gif sono diventate un vero e proprio linguaggio, anzi, il linguaggio predominante dei social. Ora i tempi sono maturi perché questa lingua venga approfondita e raccontata come una delle più rappresentative dell’espressione contemporanea.

 

Le gif nascono per essere guardate sullo schermo di un computer o di uno smartphone. Come riuscite a mostrarle al pubblico del festival?
Questo è uno degli aspetti più interessanti del progetto: essendo le gif immateriali, contenuti senza contenitori, la loro esposizione può avvenire tramite supporti diversi, come tablet, schermi e proiezioni. A seconda del contenuto trattato l’obiettivo è scegliere la “cornice” che possa meglio valorizzarlo: nella scorsa edizione una selezione di gif è stata proiettata su facciate di edifici, un’altra parte allestita su schermi in un percorso espositivo di tipo museale; un’altra ancora trasmessa sugli schermi della metropolitana. In questa nuova edizione, che si terrà dal 2 al 5 novembre a Torino, le gif saranno divise in due locations: la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, che ospiterà una grande proiezione di gif sul muro esterno dell’edificio, e la Galleria Sabauda, dove i grandi capolavori del passato verranno messi in dialogo con le gif disseminate per le sale attraverso installazioni di monitor e proiezioni, creando un dialogo tra passato e presente. Infine, tutte le opere selezionate verranno proiettate al cinema Massimo, in un vero e proprio film che verrà sonorizzato dal vivo da Genau.

© Kotutohum wearethegifers - © Kotutohum

 

Quali sono i gif artist che reputi più promettenti al momento?
Sono tanti, e tutti con una riconoscibilità e una poetica ben precise, il che testimonia anche come stia maturando il linguaggio della gif art. Per citarne alcuni: Sabato Visconti (vincitore della prima edizione del festival), Bill Domonkos, Scorpion Dagger, Dmitry Rotkin, Andrea Gastaldi, Okkult Motion Pictures.

 

La gif è usata massivamente sui social come emoticon, per esprimere uno stato d’animo senza scrivere il testo. Pensi che siamo ancora molto lontani dal reputare globalmente la gif anche come mezzo artistico?
In effetti, tutti conosciamo e utilizziamo abitualmente le reaction gif o le emoticon in formato gif, ma forse non è così noto che c’è tutto un mondo di artisti che si esprime utilizzando questo mezzo, ovvero producendo opere in formato gif che si diffondono nel web. La gif art è di fatto una pratica ormai diffusa a livello globale: la scorsa edizione abbiamo ricevuto oltre 900 lavori da oltre 30 Paesi del mondo, indice questo di una vera e propria avanguardia artistica che si coagula attraverso il web e i social; un movimento che ha raggiunto dimensioni tali da poter iniziare a essere raccontato al grande pubblico, ed è proprio questo l’obiettivo che si pone theGIFER.

 

© Sebastian Rut wearethegifers - © Sebastian Rut

 

Com’è accolto il festival dal pubblico, che tipo di target attrae principalmente?
Il festival è stato accolto con grande curiosità e interesse, anche perché è il primo nel suo genere, tolti alcuni episodi a livello internazionale (tra cui il premio Motion Photography  Prize alla Saatchi Gallery nel 2012 e la mostra Stop and Go allo smART di Roma nel 2016). Il festival ha un pubblico molto trasversale, composto soprattutto da appassionati d’arte, tecnologia e nuove tendenze; giovani e adulti, accomunati dalla curiosità di vedere la “resa” delle gif fuori dal contesto naturale del web. La risposta del pubblico è stata molto positiva, anche grazie al forte contenuto emozionale delle gif e alla loro efficacia narrativa, capace di coinvolgere e stupire sia il pubblico specializzato sia quello generalista.

 

© Adam Van Winden wearethegifers - © Adam Van Winden

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >