walter molino
Art
di Gabriele Ferraresi 31 Maggio 2016

Le illustrazioni senza tempo di Walter Molino per La Domenica del Corriere

Un grande artista che ha prodotto immagini straordinarie ancora oggi: breve storia del disegnatore che “trasforma la realtà in poesia, rispettandola”

walter molino FB Walter Molino

 

Il settimanale La Domenica del Corriere per molti decenni è stato tra le principali fonti d’informazione degli italiani. Supplemento del Corriere della Sera, esordì in edicola nel 1899 e si poteva acquistare con il quotidiano oppure singolarmente per 10 centesimi di vecchie – anzi, ormai vecchissime – lire.

Oltre un secolo fa i giornali erano ancora un prodotto relativamente elitario: gli analfabeti in Italia abbondavano e a quel tempo la scuola dell’obbligo durava solo 3 anni. Ma anche la radio era agli albori, e avremmo dovuto aspettare fino agli anni venti per vederla diventare un medium per tutti. Televisione? Neanche a parlarne ovviamente. Per informarsi non c’era scelta, c’erano i giornali. O la parrocchia, o il circolo.

 

 

La Domenica del Corriere però decise da subito di raccogliere un pubblico più ampio possibile, puntando su qualcosa che non aveva bisogno di un capitale culturale per essere compreso: le immagini. E così riuscì a intercettare anche grazie a quel plus iconografico centinaia di migliaia di lettori, che toccarono punte di 600mila all’apice del successo.

Uno degli ingredienti del successo de La Domenica del Corriere erano sicuramente le copertine: disegni splendidi, realizzati nel corso della vita del periodico – che finì la sua esistenza nel 1989, per trasformarsi in Visto – da due grandi artisti, Achille Beltrame e Walter Molino. Noi oggi ci concentreremo sul secondo.

Molino, nato nel 1915 e scomparso nel 1997, fu un grandissimo artista: nato a Reggio Emilia, studiò a Milano, con alterne fortune ma compagni di avventura non comuni, basti pensare che fu ammesso alla maturità del liceo milanese Berchet insieme ai – futuri – registi cinematografici Luciano Emmer e Dino Risi. Ma Molino aveva già un paio d’anni più di loro, appena ventunenne lavorava già.

Oggi tutto il suo archivio è in mano alla Fondazione Mondadori e c’è da sperare che ci faccia qualcosa di buono e bello, perché Molino merita di essere visto e conosciuto ancora oggi.

 

La Domenica del Corriere e Walter Molino FB Walter Molino

 

Ma che cosa disegnava Walter Molino sulle pagine della Domenica del Corriere? Riassumeva fatti di cronaca in un solo disegno, in un’immagine: ce n’era una di copertina e una in quarta di copertina. Oggi sono ancora davvero d’impatto – oltre che ricercatissime dai collezionisti – e in questi giorni anche Dangerous Minds ci ha fatto una bella lista, con le situazioni di pericolo più assurde e incredibili che Molino abbia ritratto.

Molino del resto era specializzato in disastri, specialmente ferroviari. E c’è davvero di tutto: dallo squalo che addenta lo sventurato che fa sci nautico, all’incidente stradale al Gran Premio, alla trapezista che sta per fare l’ultimo volo della sua vita, passando per bambini schiacciati contro cancelli da auto impazzite, incendi terrificanti con pulcini in fuga, tori che sfondano carrozze del treno. Ma anche conquiste scientifiche e tecnologiche, come la prima mondovisione.

 

La Domenica del Corriere e Walter Molino FB Walter Molino

 

Di Molino diceva Marcello Marchesi che “trasforma la realtà in poesia, rispettandola“. Il figlio Pippo Molino, compositore e musicista, lo ricordava su Famiglia Cristiana qualche anno fa “Di papà ricordo la facilità assoluta nel disegno. In 3 minuti faceva un ritratto degli amici, magari riuniti intorno al tavolo. Se non era soddisfatto stracciava il foglio e ricominciava daccapo. A quel punto tutti chiedevano il proprio ritratto, non lo lasciavano in pace. Era bravissimo anche con la caricatura. Molto cattivo o molto bravo con le donne, a seconda delle simpatie… “.

C’è una buona dose di incrocio del destino nel trovare Molino proprio su Famiglia Cristiana, uno degli ultimi giornali italiani – forse insieme a Cronaca Vera – a proporre illustrazioni disegnate a mano dei fatti di cronaca, come ci raccontava l’art director Luca Pitoni qualche mese fa.

Se vi piace l’arte di Walter Molino, c’è un bellissimo gruppo Facebook che raccoglie le sue immagini.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >