Art
di Mattia Nesto 19 Novembre 2018

X-Men Grand Design di Ed Piskor è il giusto omaggio a Stan Lee

La nuova pubblicazione dei Marvel Giants di Panini è un albo veramente fighissimo

Questo articolo era pronto, fatto e finito quando, come tutti voi, anche noi siamo stati raggiunti esattamente tra il cuore e il fegato dalla notizia della dipartita di Stan Lee, “padre di tutti, figlio di nessuno”, l’ideatore di praticamente tutti i principali personaggi e supereroi del Marvel-Universe. Ed è ovvio che parlare di X-Men Grand Design, ovvero il reboot della storia degli X-Men realizzato da Ed Piskor, fumettista di culto nel mondo indie che in quest’avventura si è consacrato nel mondo “dei grandi”, significa anche e soprattutto parlare di Stan Lee. Già perché l’albo che teniamo tra le mani, e pubblicato da Panini in una fantastica versione gigante che ridona tutto il sapore old-school dei vecchi fumetti americani giustappunto giant-size, è una vera e propria dichiarazione d’amore alle idee, rivoluzionarie ieri, oggi e domani di Stan Lee che soprattutto con la creazione degli X-Men ha dato il suo piccolo, anzi grande contributo nel rendere la società americana se non più giusta quantomeno più attenta e informata sulle grandi battaglia per la conquista dei diritti da parte di tutte le piccole/grandi minoranze della popolazione. E tutto ciò con la futura pop.

Ed Piskor si inserisce nel solco di questa narrazione ri-iniziando da capo e rifondando le origini stesse della prima congregazioni di mutanti della storia. Ecco quindi che in questo albo ripercorreremo le vicende di Charles Xavier, il professor X vero e proprie Preside e talent-scout dell’omonima scuola di mutanti e il nemico/amico Erik Magnus Lehnsherr, meglio conosciuto come Magneto. La storia si dipana con grande eleganza attraverso rapide e incisive sezioni narrative, tenute assieme dalla voce narrante del misterioso Osservatore Uatu, un essere sovradimensionale che consegna all’Archivista, altra figura iconica del Marvel Universe, i ricordi in merito agli X-Men, che citano tutti i principali protagonista della squadra mutante.

 Via

Piskor è abile, abilissimo nel mantenere costante la tensione narrativa, senza ammorbare il lettore in lunghe e sbrodolosi incipit ma si concentra su tre assi centrali nella sua narrativa: l’ovvio dualismo, che però è innanzi tutto ammirazione, tra Xavier e Lehnsherr, l’uno conciliante e per una coesistenza pacifica con gli esseri umani, l’altro per una concreta rivolta armata e rivoluzione in chiave mutante (vere e proprie facce opposte della stessa medaglia), il rapporto tra lo stesso Xavier e Jean Gray-Fenice (e quindi siamo caldissimi per il prossimo film dedicato a questo personaggio) e, ultimo-non-ultimo, il grande tema di come le vicende degli X-Men siano legate a doppio-filo con i grandi temi del Novecento.

 

Lungi dalle classiche frasi fatte sugli X-Men, questo albo di Piskor certifica come i personaggi inventati da Stan Lee non siano tanto importanti nella loro diversità, quanto nella loro somiglianza, estrema somiglianza con noi stessi. Non sono insomma mutanti nel corpo di donne e uomini ma esseri umani mutanti, il che non è una differenza sottile. Seguendo la lezione di Lee e di Jack Kirby (non dimentichiamolo mai, amigos) Piskor ci presenta insomma i vari Scott Summers o Jean Grey come semplici esseri umani alle prese con le mille difficoltà della vita, amplificate per x volte a causa della loro particolare condizione genetica e per la loro volontà di “arruolarsi” negli X-Men in nome di una giusta causa.

E come se questo non bastasse a rendere questo X-Men Grand Design un albo ideale da avere sia per chi è un vecchio affezionato del mondo Marvel sia per il neofita che vuole iniziare ad entrare in questa reale cosmogonia, va infine ricordato come Ed Piskor realizzi pagine assolutamente pregne di contenute, dove nel breve volgere di un paio di scene si possono ammirare momenti cruciali non soltanto nella storia dei mutanti ma anche e soprattutto a livello “storico” classico. Dalla crisi missilistica di Cuba, alla Guerra nel Vietnam fino all’11 settembre ed oltre il grande merito della Marvel ideata da Lee e Kirby, e con loro Ed Piskor, è quella di non aver venduto solo sogni ma anche solide realtà sognanti. Parola degli X-Men e non di Roberto Carlini il che, scusate tanto, ma è tutto un’altra cosa.

 

X- Men Grand Design

Compra | Amazon

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >