Art
di Ornella Cigno 1 Aprile 2016

Perché Zaha Hadid è stata importante per l’architettura contemporanea?

Due architetti ricordano l’archistar scomparsa il 31 marzo

Heydar Aliyev Center di Baku  Heydar Aliyev Center di Baku

 

Ieri vi abbiamo raccontato dell’improvvisa scomparsa di Zaha Hadid, l’archistar di origini irachene, mostrandovi alcuni dei suoi incredibili progetti. Oggi abbiamo contattato Michele Marchetti, architetto dello studio Display di Milano, che ha voluto ricordare in base alla sua esperienza, chi fosse Zaha Hadid. Nell’aprile 2011 aveva infatti Michele Marchetti aveva lavorato a un numero speciale della rivista di architettura Abitare – “Being Zaha Hadid”.

In quell’occasione aveva realizzato “Hadidcity” insieme a Salottobuono, un collage di progetti dello studio Hadid in una città parametricizzata e immaginaria.

 

Hadidcity, realizzato da Salottobuono  Hadidcity, realizzato da Salottobuono

 

“Partendo da un punto di vista da studente di architettura, Zaha Hadid stupisce subito perché è una donna, in un mondo di archistar quasi totalmente maschile. Poi cominci a studiare i suoi lavori e quando vedi la stazione dei vigili del fuoco di Vitra, ne rimani stupito dal fatto che non abbia uno stile minimale, Zaha va oltre, arrivando al decostruttivismo.”

Zaha Hadid colpisce per la complessità delle forme e per uno stile che non è in alcun modo precostituito. Sposa una firma sinuosa che affascina anche per la complessità tecnica, il Trampolino di Innsbruck è l’esempio migliore della sua architettura iconica e ultra specifica.

Noi italiani la ricordiamo principalmente per il Maxxi di Roma, una struttura incredibile dedicata al polo nazionale per l’arte e l’architettura contemporanee, selezionata fra tantissimi progetti in seguito a un concorso internazionale bandito dal Ministro per i Beni Culturali. Il Maxxi di Roma è stato costruito all’interno di tessuto urbano difficile, adottando un approccio parametrico, che sostituisce il modernismo e considera il carattere malleabile della materia architettonica, da adattare al contesto. A Milano invece la conosciamo per Citylife, il progetto di riqualificazione e un tentativo della città di farsi nuova, per cui Zaha ha lavorato al grattacielo “Storto” che è quasi completato.

Poco tempo fa invece girava un altro progetto del Masterplan di Jesolo, chiamato “Jesolo Magica” affidato allo studio Kenzo Tange, a cui aveva partecipato anche Zaha Hadid per una struttura, però poi non si è più fatto nulla.

“Se dovessi pensare a dei seguaci o a qualcuno in particolare che porterà avanti il suo stile non mi viene in mente nessuno perché le sue forme organiche hanno lasciato comunque un’eredità ma solo lei aveva la possibilità di fare delle cose così grandi.”

Subhash Mukerjee dello studio Marc di Torino, ricorda Zaha Hadid come “un personaggio controverso, nata negli anni ’70 con uno stile rivoluzionario, usava forme appuntite e taglienti proponendo un dinamismo rispetto allo stile dei suoi contemporanei piuttosto statico. Poi le sue forme si sono addolcite per inserirsi in contesti urbani“. Un ricordo degli studenti dell’epoca? “I plastici bianchi, iconici, indimenticabile – inoltre, conclude Subhash Mukerjee – è riuscita a unire un’architettura visionaria a una grande spirito imprenditoriale“.

Vi consigliamo poi di dare un’occhiata ai primi eccezionali disegni di Zaha Hadid, quasi delle opere pittoriche più che dei classici progetti. Gli architetti di oggi sembrano infatti dover abbandonare quella lunga parte di disegno e ricerca, per stare al passo con le scadenze, cosa che potrebbe influire sul processo creativo che ha caratterizzato invece gli anni ’70 e ’80 dell’architettura.

 

Malevich's Tektonik è uno dei primi progetti di Zaha Hadid (1976-1977). È un vero e proprio dipinto, con influenze futuriste e decostruttiviste. Archinect - Malevich’s Tektonik è uno dei primi progetti di Zaha Hadid (1976-1977). È un vero e proprio dipinto, con influenze futuriste e decostruttiviste.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >