La Barilla lancia sul mercato la pasta che si cuoce senza bollire l’acqua

Food
di Marta Blumi Tripodi 7 aprile 2015 14:52
La Barilla lancia sul mercato la pasta che si cuoce senza bollire l’acqua

PRONTO-BARILLA

Dalle nostre parti, quando moriamo di fame ma non abbiamo tempo, ci facciamo un bel piatto di spaghetti ché almeno si cucina al volo. All’estero, però, la stragrande maggioranza delle persone considerano la pasta una preparazione troppo lunga e laboriosa: che sbatti far bollire l’acqua, buttare i maccheroni, scolarli e condirli. Così Barilla ha deciso di venire incontro alle esigenze dei consumatori più pigri e ha lanciato sul mercato (fuori dall’Italia, qui ovviamente se ne sono ben guardati) la linea Pronto, che ha una simpatica particolarità: non c’è bisogno di acqua bollente. Basta versare in pentola la pasta cruda, coprirla di pochi centimetri d’acqua fredda e poi farla cuocere a fuoco moderato: quando tutta l’acqua si è assorbita – di solito nel giro di qualche minuto – la pasta è pronta e potete condirla a piacimento.

Ora, questa tecnica di cottura esiste da un millennio, anche se di solito non viene applicata alla pasta (ma ad esempio funziona benissimo col riso). Effettivamente, però, per un italiano è difficile non storcere il naso e sentirsi chiudere lo stomaco all’idea, soprattutto a leggere i commenti con cui è stata salutata l’iniziativa dai nostri amici d’oltreconfine. Prendiamo un blog di cucina a caso:

“In realtà tutta la pasta può essere cotta direttamente nell’acqua fredda, e quando l’acqua comincia a bollire vuol dire che è al dente” (oddio, parliamone)

“Lo faccio sempre anch’io, e di solito aggiungo all’acqua anche pomodoro o altre salse, così poi non devo neanche stare a condirla!” (come puoi essere sopravvissuta per raccontarlo?!?)

“Io di solito metto a bollire l’acqua, quando bolle butto la pasta, quando è al dente la scolo e poi la condisco, dove sbaglio?” (se emigri in Italia ti offriamo asilo politico!)

E via dicendo. Vi lasciamo con un simpatico video dimostrativo:

 

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)