Geek
di Mattia Nesto 13 Novembre 2019

Con Death Stranding e i Connectors è possibile collegare i mille paesini e borghi d’Italia

Grazie all’iniziativa Connectors di Sony Playstation Italia si potranno segnalare i paesi in via di “disconnesione”

L’Italia, come spesso vi raccontiamo anche qui su Dailybest, è un susseguirsi di piccoli paesi, borghi abbarbicati sui monti e contrade perse nella campagna. Chiaro e evidente come in questo preciso momento storico, dove la connessione è tutto (se non sei “on line” non vivi si potrebbe dire), abitare in un piccolo centro magari sugli Appennini potrebbe risultare ancora più faticoso. Ma ecco che a riconnettere cose, persone e situazioni ci pensa Death Stranding, il supergioco di Kojima di cui vi abbiamo parlato qui.

Grazie all’iniziativa di Sony Playstation Italia chiamata “I Connectors” attraverso la condivisione di foto, informazioni o anche semplici stories di Instagram del proprio borgo o località “perduta del cuore” lo si potrà mettere in rete e farlo conoscere al resto della community. Tutto questo grazie al meccanismo dello “strand”, ovvero del “filo” per collegare luoghi particolarmente significativi per noi. Proprio come Sam, il protagonista del gioco, ha la missione di “riconnettere” le varie città d’America divise dal “death stranding”, così noi siamo chiamati da Sony a, in un certo qual modo, riunire l’Italia dei micro-comuni.  Un po’ come sta facendo in questi anni, tra gli altri, Maurizio Carucci, leader degli Ex-Otago, produttore  viti-vinicolo in Val Borbera e gran animatore di AppenninoPop.

Una volta che il dato borgo, paesino o località sarà inserito nel database del sito di appoggio, sarà immediatamente vagliato da Sony che, se sarà abbastanza importante, perduto e da connettere, lo segnalerà a Simone Bramante, meglio conosciuto come Brahmino, ovvero uno dei fotografi e creativi più interessanti e importanti del momento che sta letteralmente spopolando su Instagram.

A fare da gran cerimoniere a questa, bellissima, iniziativa ci sarà poi anche Michele Poggi aka Sabaku no Maiku conosciuto anche come Mike of the Desert. Il content creator diventato famoso per le sue analisi profonde e ragionatissime sulla lore di Dark Souls o sulla Metal Gear Saga (e che noi abbiamo intervistato qualche tempo fa) è infatti conoscitore della materia “borghi d’Italia” abitando in un piccolo paesino (e suggestivo) della Tuscia Romana e quindi sa perfettamente di cosa sta parlando.

View this post on Instagram

Buon Day 0 di #DeathStranding ragazzi.

A post shared by Sabaku No Maiku (@mike.of.the.desert) on

Tra gli oltre 6.000 borghi censiti dal FAI il “tuo” borgo potrebbe essere quello fortunato. Non usiamo il termine “fortunato” a caso perché “connettersi”, iscrivendosi con l’apposito form,  potrebbe non soltanto gettare un cono di luce sul proprio amato paese ma potrebbe anche far vincere un esclusivo Kit PlayStation che comprende una console Limited Edition griffata Death Stranding e un router wi-fi mobile con una ricarica di 2 anni di navigazione. Insomma il modo migliore per sconfiggere l’eterno digital divide che attanaglia i centri “minori” d’Italia potrebbe proprio affidarsi a Sam Porter Bridges!

 

TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >