Geek
di Mattia Nesto 13 Novembre 2019

Con Death Stranding e i Connectors è possibile collegare i mille paesini e borghi d’Italia

Grazie all’iniziativa Connectors di Sony Playstation Italia si potranno segnalare i paesi in via di “disconnesione”

L’Italia, come spesso vi raccontiamo anche qui su Dailybest, è un susseguirsi di piccoli paesi, borghi abbarbicati sui monti e contrade perse nella campagna. Chiaro e evidente come in questo preciso momento storico, dove la connessione è tutto (se non sei “on line” non vivi si potrebbe dire), abitare in un piccolo centro magari sugli Appennini potrebbe risultare ancora più faticoso. Ma ecco che a riconnettere cose, persone e situazioni ci pensa Death Stranding, il supergioco di Kojima di cui vi abbiamo parlato qui.

Grazie all’iniziativa di Sony Playstation Italia chiamata “I Connectors” attraverso la condivisione di foto, informazioni o anche semplici stories di Instagram del proprio borgo o località “perduta del cuore” lo si potrà mettere in rete e farlo conoscere al resto della community. Tutto questo grazie al meccanismo dello “strand”, ovvero del “filo” per collegare luoghi particolarmente significativi per noi. Proprio come Sam, il protagonista del gioco, ha la missione di “riconnettere” le varie città d’America divise dal “death stranding”, così noi siamo chiamati da Sony a, in un certo qual modo, riunire l’Italia dei micro-comuni.  Un po’ come sta facendo in questi anni, tra gli altri, Maurizio Carucci, leader degli Ex-Otago, produttore  viti-vinicolo in Val Borbera e gran animatore di AppenninoPop.

Una volta che il dato borgo, paesino o località sarà inserito nel database del sito di appoggio, sarà immediatamente vagliato da Sony che, se sarà abbastanza importante, perduto e da connettere, lo segnalerà a Simone Bramante, meglio conosciuto come Brahmino, ovvero uno dei fotografi e creativi più interessanti e importanti del momento che sta letteralmente spopolando su Instagram.

https://www.instagram.com/p/B4Pz0OeI8G-/

A fare da gran cerimoniere a questa, bellissima, iniziativa ci sarà poi anche Michele Poggi aka Sabaku no Maiku conosciuto anche come Mike of the Desert. Il content creator diventato famoso per le sue analisi profonde e ragionatissime sulla lore di Dark Souls o sulla Metal Gear Saga (e che noi abbiamo intervistato qualche tempo fa) è infatti conoscitore della materia “borghi d’Italia” abitando in un piccolo paesino (e suggestivo) della Tuscia Romana e quindi sa perfettamente di cosa sta parlando.

View this post on Instagram

Buon Day 0 di #DeathStranding ragazzi.

A post shared by Sabaku No Maiku (@mike.of.the.desert) on

Tra gli oltre 6.000 borghi censiti dal FAI il “tuo” borgo potrebbe essere quello fortunato. Non usiamo il termine “fortunato” a caso perché “connettersi”, iscrivendosi con l’apposito form,  potrebbe non soltanto gettare un cono di luce sul proprio amato paese ma potrebbe anche far vincere un esclusivo Kit PlayStation che comprende una console Limited Edition griffata Death Stranding e un router wi-fi mobile con una ricarica di 2 anni di navigazione. Insomma il modo migliore per sconfiggere l’eterno digital divide che attanaglia i centri “minori” d’Italia potrebbe proprio affidarsi a Sam Porter Bridges!

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >