Geek
di Mattia Nesto 4 Novembre 2019

Con Luigi’s Mansion 3 la paura non è mai stata tanto bella

Il terzo capitolo delle avventure del fratello di (Super) Mario è uno dei migliori giochi dell’anno

Quando ci siamo ritrovati, letteralmente, ad aspirare ogni tenda di ogni piano dell’ Hotel Miramostri in cerca di qualche moneta luccicante o di qualche foglio di banconota svolazzante in più, abbiamo finalmente capito tutto l’incanto di questo Luig’s Mansion 3, uno dei migliori giochi di quest’anno e uno dei titoli che ci hanno più divertito giocare. Ma forse ora è meglio spiegarvi il perché.

Luig’s Mansion è una serie di videogiochi con protagonista il fratello meno famoso di Super Mario, ovvero Luigi che, per un motivo come per un altro, nonostante non sia di certo “un cuor di leone” si ritrova sempre impelagato in storie di fantasmi, entità ectoplasmatiche e spiritelli in quantità. Se il primo capitolo della serie, uscito GameCube nel 2001, era stato accolto con i favori e del pubblico e della critica, Luigi’s Mansion 2 per Nintendo 3DS non aveva rispettato le aspettative. Ma con questo terzo capitolo è tornato in maniera grandiosa e ha trovato nella Nintendo Switch la console ideale su cui esprimermi. Basta vedere le deliziose animazioni di spavento e timore di Luigi.

La storia, semplice e lineare come da tradizione di casa Nintendo, vede Luigi che assieme a Mario, Peach e ai Toad viene invitato da una misteriosa proprietaria, ad un weekend “all inclusive” presso l’Hotel Miraramostri, una grandiosa struttura su più piani che domina una vallata in mezzo a dolci colli e nelle vicinanze di un bel laghetto. Quello che, almeno all’arrivo dell’allegra brigata, pareva un vero e proprio luogo d’incanto, nella notte, la notte di Halloween per altro, si trasforma in una trappola spaventosa. Infatti la proprietaria, in combutta con Re Boo, lo storico avversario di Luigi, ha invitato Mario e gli altri al fine di intrappolarli per sempre nell’hotel, tramite un orrido raggio che li imprigiona nei quadri che adornano la struttura. Tutti quanti vengono acchiappati tranne Luigi che, anche grazie al suo fidato cagnolino-fantasma Polteruccio (ma ci può essere un nome più azzeccato di questo?) riesce miracolosamente a salvarsi.

Ed è qui che il giocatore prende le redini dell’azione. Infatti il gioco si apre, dopo la già citata breve introduzione, nella stanza di Luigi che, dopo pochi attimi, riesce a recuperare la sua iconica “arma”, ovvero il Poltergust G-00, l’aspirapolvere che, in combo con lo Strobobulbo, un tipo particolare di flash effettuato con la torcia, sarà l’equipaggiamento ideale per neutralizzare i fantasmi che popolano l’hotel. Ben presto incontreremo poi una nostra vecchia conoscenza, ovvero il professor Strambic che grazia alle sue innumerevoli invenzioni, ci permetterà di rendere la nostra avventura meno ardua.

Il gameplay di Luigi’s Mansion 3, nonostante all’apparenza possa apparire immediato e piuttosto lineare, in realtà nasconde una grande profondità. Innanzi tutto gli sviluppatori si sono focalizzati a rendere gli ambienti, i corridoi e le stanze dell’Hotel Miramostri non solo bellissime da vedere dal punto di vista estetico, ma anche piene zeppe di segreti e di possibilità di interazione. Giusto per fare un esempio:  nelle battute iniziali vi ritroverete nella hall dell’hotel, di fianco ad una sorta di “albero di Natale per Halloween” pieno zeppo di zucche. Se voi sarete in grado di, dopo averle aspirate con il vostro armamentario, lanciarle in aria e centrare i drappi con i volti dei nostri amici, riceverete un bel premio sotto forma di monete sonanti. E del ritorno di Gooigi, ovvero il doppelgänger ectoplasmatico di Luigi ne vogliamo parlare? Quanto è bello vederlo su Switch in questo terzo capitolo? E quanto utile per poter scoprire nuovi passaggi nelle stanze in cui eravamo precedentemente passati.

Ecco tutto il gioco è basato sull’attenta esplorazione e analisi di ogni singolo ambiente, che può essere modificato attraverso l’interazione con il proprio personaggio e i propri strumenti. Non ci troviamo di fronte al “classico” open-world spoglio e senz’anima ma davanti a piccoli ambienti realizzati con la cura di un cammeo antico e in cui si sente, fortissimo, l’amore per il videogioco.

Via via che si proseguirà nell’avventura di otterranno nuovi strumenti e potenziamenti così anche il backtracking, ovvero il tornare indietro in luoghi già precedentemente esplorati, non sarà mai noioso ma tutte le volte stimolante e ricco di sorprese. Già perché Luigi’s Mansion 3 è incredibilmente bello da giocare dato che ogni angolo può riservare una “dolce e simpaticissima sorpresa”. Il livello di dettaglio è estremo e il character -design raggiunge uno dei vertici massimi della “generazione Switch”. Anzi, ci spingiamo a dire che, dal punto di vista squisitamente estetico, questo è di gran lunga il migliore titolo “stile Nintendo” per Switch.

Inutile quindi dirvi quanto possano essere incredibilmente acute le boss-fight che offrono un livello di sfida certamente non impossibile ma a cui è sempre utile prestare attenzione. Infatti i bellissimi nemici potranno essere neutralizzati attraverso l’uso dell’ingegno e dell’astuzia, piuttosto che della “forza bruta”, esattamente come avviene nell’ultimo The Legend of Zelda: Link’s Awakening (qui la nostra recensione). Insomma ancora una volta Nintendo fa centro con un titolo che “ci ha spaventato d’amore” e che conferma come, almeno nel 2019, la grande N avrà un numero veramente alto di titoli nella top-ten dei migliori giochi dell’anno. Luigi’s Mansion 3 è davvero un gioco da portare nel cuore.

Luigi’s Mansion 3

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >