Geek
di Giulia Montani 28 Ottobre 2019

Lucca Comics and Games 2019: cosa sapere se non ci siete mai stati

Lucca Comics and Games 2019: la fiera del fumetto raccontata a chi non c’è mai stato. Le informazioni principali

30 ottobre – 3 novembre 2019, Lucca Comics and Games torna anche quest’anno facendo trepidare nell’attesa tutti gli appassionati di fumetto, animazione, giochi, videogiochi, fantasy e fantascientifico.

Ma cosa serve sapere sul LC&G se non ci si è mai stati?
Leggete l’articolo per scoprire cosa vi aspetta e arrivare nella città toscana un po’ meno inesperti.

Vediamo insieme le cose più importanti da sapere.

Dadi Lucca Comics alessandro.ferri Flickr - Foto di alessandro.ferri da Flickr

La giornata tipo per chi non c’è mai stato: com’è sviluppato il LC&G

Lucca è caratterizzata dalla presenza di mura che vanno a dividere il centro storico dal resto della città e il Lucca Comics & Games segue questa conformazione anche nello sviluppo del suo festival.

Prendendo come riferimento le sue mura, all’interno di queste troviamo diverse attività possibili nei vari padiglioni e stand presenti. Dai workshop, bookshop, stand con disegnatori, fumettisti… comprende tutti gli eventi organizzati dal LC&G.
Un esempio, è il padiglione in cui si trovano i giochi da tavola con i loro creatori con cui si può giocare. Si accede tramite biglietto giornaliero (prezzi consultabili sul loro sito) che ti permette di girare per tutta l’esposizione.
Qui avrai modo di trovare disegnatori e fumettisti a cui potrai chiedere un disegno autografato, personaggi in plastica in scala 1:1, costumi, gadget esposti come in una sorta di museo del cinema incentrato però sul tema del fumetto e di tutto ciò che il Lucca Comics comprende.

Lungo le mura si riunisce invece chi è interessato soprattutto ai cosplay. Dalle sfilate organizzate dal LC&G, dove ci si può iscrivere al momento e partecipare per essere valutato da una giuria e vincere eventualmente un premio, ai cosplay individuali che passeggiano lungo la via, tutti da ammirare.
Oltre alla passeggiata, nella parte esterna vi sono poi varie attività possibili da svolgere come le prove di combattimento con le spade, ricostruzioni fisiche di luoghi di videogiochi, aree in cui ci si può far vestire o truccare…

Tutta la fiera è incentrata su un tema principale che cambia di anno in anno. Le cose da fare e da vedere sono davvero moltissime. Se amate questo mondo, non ne rimarrete delusi.

mappa  Mappa Lucca Comics 2019

Le cose da sapere per il LC&G: tema, ospiti, attività e curiosità

Il tema dell’anno di Lucca Comics

“Becoming Human” è il tema che caratterizza il Lucca Comics & Games questo 2019.
Argomento sempre più attuale nel mondo virtuale in cui viviamo sempre di più e affascinante in ogni sua sfaccettatura.
Becoming Human vuole trattare il rapporto uomo – macchina e virtuale – reale ponendo al centro, però, il concetto di umanità per mettere in evidenza la dimensione sociale che caratterizza l’uomo.
Ci si chiede cosa significa davvero “essere umani”.

Il poster rappresentativo del tema è di Barbara Baldi e rappresenta il bacio tra umano e androide a rappresentanza del legame tra creatore e opera.

Ospiti e attività principali di Lucca Comics & Games 2019

Gli ospiti del LC&G arriveranno da ogni dove e l’elenco dei nomi è davvero lunghissimo. Anche gli eventi e le attività programmate sono numerosissime, più di 500 in 5 giorni.
Se non ci siete mai stati, il consiglio migliore per scoprire chi e quali attività ci sono in base ai vostri interessi personali, è quello di andare a consultare il sito ufficiale del festival, dove trovate raggruppata ogni cosa per settore.
I settori in cui trovare i fumettisti, produttori, attori partecipanti e attività, eventi e quant’altro, sono:
Lucca Comics, games, fantasy, videogames, music, cosplay, Japan e Lucca movie

Martello di Thor da marcuz85 Wikimedia - Foto di marcuz85 da Wikimedia

Curiosità sul Lucca Comics & Games

Lucca Comics & Games pensa anche ai più piccoli con Lucca Junior, uno dei settori del festival.
Le attività per i bambini sono davvero tante e legate agli argomenti più vari e attuali come il 500° anniversario della morte di Leonardo, sviluppato attraverso la “Palestra allenamente: pensa come Leonardo” che prevede giochi, attività, formazione, mostre ludiche per imparare a pensare come il genio del Rinascimento.
Lego si ripresenta con mostre e tanti mattoncini con cui giocare.
LC&G organizza concorsi con in palio il Premio di Illustrazione Editoriale “Livio Sossi” 2019.

Lucca Junior Lucca Junior - Foto dal sito ufficiale di Lucca Comics & Games – Lucca Junior

Storia del Lucca Comics: per chi vuole arrivare iper preparato

È nel 1966 che nasce la tradizione fumettistica di Lucca di ospitare il Salone Internazionale dei Comics (nella sua seconda edizione). Nel 1993 il Salone diviene Lucca Comics (dal 1995 la denominazione usata è Lucca Comics & Games) e da lì inizia a crescere d’importanza edizione dopo edizione.

In questi anni si sviluppa, al Lucca Comics, l’area Games che apre la strada al settore dei giochi, accostandolo a quello dei fumetti. Nel tempo, le attività proposte sono sempre più varie.

Dai primi tornei come Mastering e trofei come “Grog” (per la colorazione di miniature) e come “Miglior Gioco Inedito”, nel 1995 vengono introdotti i “Giochi di ruolo senza frontiere” e “Campionato a squadre di giochi di ruolo”, oggi chiamati “Ruolimpiadi”.

1996: Lucca Junior, area della fiera pensata per i più giovani, apre i battenti. Nel 1998 viene aperto lo Spazio Performance, per gli artisti ospiti che praticano pittura dal vivo e nel 2000 Indipendence Bay, area dedicata invece all’auto-produzione e al fandom. Nello stesso anno la fiera, prima presentata in un’edizione primaverile e autunnale, perde la prima edizione dell’anno.
Altra novità del nuovo secolo è l’introduzione del palco per il concorso del cosplay.

È il 2002 quando prende avvio il NKG Lucca Model Contest, concordo di modellismo.

In occasione dei 40 anni, la fiera viene totalmente spostata nel centro città, all’interno della cinta muraria lucchese e nell’area fieristica di Via delle Tagliate.

Una nuova sezione dedicata ai seminari e alle attività didattiche (il Lucca Games Educational), e una apposita per gli autori ed editori dilettanti che possono presentare i propri prototipi e lavori (Prototype Review Corner), sono state aperte con l’edizione del 2008.

In continua espansione ed evoluzione, nel 2014 nasce la Via dei Comics, il camminamento lungo le mura, mentre nel 2016, per la 50ª edizione, viene creato da Zerocalcare il francobollo commemorativo.

Lucca Comics Chripell Wikimedia - Foto di Chripell da Wikimedia

Se leggendo, è cresciuta ancora di più in voi la voglia di andare al Lucca Comics & Games (e di andarci in grande stile) date uno sguardo a “I 10 errori da non commettere se vuoi fare il cosplayer al Lucca Comics

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >