Geek
di Mattia Nesto 4 Settembre 2020

L’unione fa la forza con Marvel’s Avengers

L’approccio cooperativo è il miglior modo per entrare nel mondo di questo gioco di supereroi con molte luci e qualche ombra.

Oggi è il gran giorno in cui i più iconici supereroi della Marvel (più qualche sorpresa ad hoc) “invadono” il mondo dei videogiochi. Oggi esce Marvel’s Avengers che, nelle settimane scorse (a partire dalla pre-Beta dello scorso agosto) abbiamo avuto modo di provare in lungo e in largo, raggiungendo l’end-game dopo circa quindici ore di campagna principale.

Partiamo subito da un presupposto, così da togliere dal campo ogni possibile tipo di dubbio:  Marvel’s Avengers non è una specie di nuovo Marvel’s Spider-Man.  Tanto il titolo degli Insomniac Games  era colorato, specifico e ricco di sequenze iper-spettacolari, tanto questo Marvel’s Avengers va nella direzione opposta: rendere il mondo dei Vendicatori Marvel una sorta di universo continuo, in cui il giocatore di turno, grazie a un matchmaking, fortunatamente migliorato tantissimo rispetto alle versioni alfa e beta, potrà immergersi in missioni cooperative con partecipanti provenienti da tutto il mondo. Quindi il vero valore aggiunto di questo gioco sugli Avengers, oltre alle tonnellate di licenze, è la proceduralità che lo rende infinito o quasi.

 

La campagna principale, se giocato a livello normale, può essere portata a compimento in dieci-dodici ore, quindici se proprio si vuole essere minuziosi nell’esplorazione di mappe di gioco, sappiate che a parte quelle iniziali, si ripetono quasi sempre con schemi fissi: una starter-zone abbastanza ampia, con una direzione principale ben evidente e qualche bivio (dove poter trovare potenziamenti e collezionabili) e poi, via via, un corridoio che si restringe sempre di più sino ad arrivare alla sala finale, collegata, nove volte su dieci, da un ascensore che fa accedere alla boss-fight. I combattimenti non saranno iper-tecnici come un Devil May Cry, ovviamente, però i boss che cambiano i loro attacchi a fasi rendono la sfida, in certe occasioni, interessante e stimolante anche per il giocatore più scafato.

Se le missioni non brillano certamente per originalità, a impressionare è la possibilità di impersonare un numero crescente di eroine e eroi, tutte e tutti con abilità, peculiarità e caratteristiche differenti l’una dall’altro. Ecco, una cosa veramente preziosa di Marvel’s Avengers è che, praticamente ogni personaggio selezionabile, racchiuderà in sé una sorta di “crito-gioco” unico: con Iron-Man avrete modo di giocare a una versione semplificata di un simulatore di mecha, con Black Widow (che è rimasta la nostra preferita) diventerete protagonisti di uno sparatutto action con elementi da spy-story e con Hulk, beh con un Hulk avrete una specie di God of War in salsa verde.

 

 

Certamente, al di là del nostro gusto personale, alcuni personaggi ci hanno convinto molto meno rispetto ad altri (vero Thor? Vero Kamala?), però è il senso complessivo del gioco ad averci favorevolmente stupito. Forse perché, sin dagli anni Novanta, siamo ascoltatori di post-rock e math-rock, la sequenzialità di alcune missioni e la loro ripetitività non l’abbiamo vissuta come un difetto, anzi: esattamente come certe interminabili e deliziose tracce dei Tortoise o, dopo di loro, dei Battles, allo stesso modo le missioni di Marvel’s Avengers ci hanno riempito i pomeriggio di questo fine dell’estate.

Quindi se amate i giochi à la The DivisionDestiny, in cui la proceduralità e la possibilità di condividere insieme a altri giocatori le varie missioni, Marvel’s Avengers è un’ottima scelta. Ma anche se siete un po’ arrugginiti rispetto ai videogiochi e avete comunque seguito al cinema o nelle serie tv le peripezie degli eroi della Marvel, un titolo del genere fa al caso vostro.

 

Meditando bene l’acquisto di un gioco multipiattaforma come questo (e che sarà seguito negli anni a venire con consistenti aggiornamenti e campagne, come quella già annunciata incentrata su Hawkeye ), Marvel’s Avengers (con qualche calo di frame ancora da aggiustare e certe macchinosità incomprensibili, come il fatto di dover ripetere la stessa missione, facendo le medesime azioni con due personaggi differenti) ci ha convinto e ci ha conquistati. Alla fine dei conti, chi di noi, almeno una volta in pomeriggio a caso degli anni Novanta, non ha sognato di “essere l’incredibile Hulk”? Ecco, ora con Marvel’s Avengers lo si potrà impersonare senza rischiare di lesionare in modo definitivo il vostro tinello.

Marvel’s Avengers

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >