Geek
di Mattia Nesto 4 Settembre 2020

L’unione fa la forza con Marvel’s Avengers

L’approccio cooperativo è il miglior modo per entrare nel mondo di questo gioco di supereroi con molte luci e qualche ombra.

Oggi è il gran giorno in cui i più iconici supereroi della Marvel (più qualche sorpresa ad hoc) “invadono” il mondo dei videogiochi. Oggi esce Marvel’s Avengers che, nelle settimane scorse (a partire dalla pre-Beta dello scorso agosto) abbiamo avuto modo di provare in lungo e in largo, raggiungendo l’end-game dopo circa quindici ore di campagna principale.

Partiamo subito da un presupposto, così da togliere dal campo ogni possibile tipo di dubbio:  Marvel’s Avengers non è una specie di nuovo Marvel’s Spider-Man.  Tanto il titolo degli Insomniac Games  era colorato, specifico e ricco di sequenze iper-spettacolari, tanto questo Marvel’s Avengers va nella direzione opposta: rendere il mondo dei Vendicatori Marvel una sorta di universo continuo, in cui il giocatore di turno, grazie a un matchmaking, fortunatamente migliorato tantissimo rispetto alle versioni alfa e beta, potrà immergersi in missioni cooperative con partecipanti provenienti da tutto il mondo. Quindi il vero valore aggiunto di questo gioco sugli Avengers, oltre alle tonnellate di licenze, è la proceduralità che lo rende infinito o quasi.

 

La campagna principale, se giocato a livello normale, può essere portata a compimento in dieci-dodici ore, quindici se proprio si vuole essere minuziosi nell’esplorazione di mappe di gioco, sappiate che a parte quelle iniziali, si ripetono quasi sempre con schemi fissi: una starter-zone abbastanza ampia, con una direzione principale ben evidente e qualche bivio (dove poter trovare potenziamenti e collezionabili) e poi, via via, un corridoio che si restringe sempre di più sino ad arrivare alla sala finale, collegata, nove volte su dieci, da un ascensore che fa accedere alla boss-fight. I combattimenti non saranno iper-tecnici come un Devil May Cry, ovviamente, però i boss che cambiano i loro attacchi a fasi rendono la sfida, in certe occasioni, interessante e stimolante anche per il giocatore più scafato.

Se le missioni non brillano certamente per originalità, a impressionare è la possibilità di impersonare un numero crescente di eroine e eroi, tutte e tutti con abilità, peculiarità e caratteristiche differenti l’una dall’altro. Ecco, una cosa veramente preziosa di Marvel’s Avengers è che, praticamente ogni personaggio selezionabile, racchiuderà in sé una sorta di “crito-gioco” unico: con Iron-Man avrete modo di giocare a una versione semplificata di un simulatore di mecha, con Black Widow (che è rimasta la nostra preferita) diventerete protagonisti di uno sparatutto action con elementi da spy-story e con Hulk, beh con un Hulk avrete una specie di God of War in salsa verde.

 

 

Certamente, al di là del nostro gusto personale, alcuni personaggi ci hanno convinto molto meno rispetto ad altri (vero Thor? Vero Kamala?), però è il senso complessivo del gioco ad averci favorevolmente stupito. Forse perché, sin dagli anni Novanta, siamo ascoltatori di post-rock e math-rock, la sequenzialità di alcune missioni e la loro ripetitività non l’abbiamo vissuta come un difetto, anzi: esattamente come certe interminabili e deliziose tracce dei Tortoise o, dopo di loro, dei Battles, allo stesso modo le missioni di Marvel’s Avengers ci hanno riempito i pomeriggio di questo fine dell’estate.

Quindi se amate i giochi à la The DivisionDestiny, in cui la proceduralità e la possibilità di condividere insieme a altri giocatori le varie missioni, Marvel’s Avengers è un’ottima scelta. Ma anche se siete un po’ arrugginiti rispetto ai videogiochi e avete comunque seguito al cinema o nelle serie tv le peripezie degli eroi della Marvel, un titolo del genere fa al caso vostro.

 

Meditando bene l’acquisto di un gioco multipiattaforma come questo (e che sarà seguito negli anni a venire con consistenti aggiornamenti e campagne, come quella già annunciata incentrata su Hawkeye ), Marvel’s Avengers (con qualche calo di frame ancora da aggiustare e certe macchinosità incomprensibili, come il fatto di dover ripetere la stessa missione, facendo le medesime azioni con due personaggi differenti) ci ha convinto e ci ha conquistati. Alla fine dei conti, chi di noi, almeno una volta in pomeriggio a caso degli anni Novanta, non ha sognato di “essere l’incredibile Hulk”? Ecco, ora con Marvel’s Avengers lo si potrà impersonare senza rischiare di lesionare in modo definitivo il vostro tinello.

Marvel’s Avengers

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >