Geek
di Mattia Nesto 18 Maggio 2021

Mass Effect Legendary Edition: travolti da un insolito destino nello spazio del cosmo

I tre capitoli di BioWare sono forse la più grande epopea sci-fi mai compiuta nella storia del medium videoludico: andiamo a riscoprirli

Dal 2007 al 2012 siamo partiti per lo spazio profondo e, quando siamo tornati, tra tantissime gioie e qualche cocente delusioni, non siamo stati più gli stessi. Chi, all’epoca o successivamente, ha vissuto l’epopea di Mass Effect (al netto di un quarto capitolo al di  sotto delle attese, qui la nostra recensione) molto probabilmente ha eletto la trilogia firmata da BioWare e distribuita da Electronic Arts come una delle saghe videoludiche più appassionati e coinvolgenti di sempre. Con l’uscita della Mass Effect Legendary Edition, ovvero la remastered dei tre capitoli principali della saga per le console della generazione precedente (ma che “girano” anche su PS5 e XBox Series X e S) abbiamo l’occasione per parlarvi dell’epopea del capitano o della capitana Sheppard.

I tre capitoli di Mass Effect donano al giocatore qualcosa come 150 ore di gioco, come potrete immaginare, non abbiamo ancora terminato per intero l’avventura. Tuttavia il nostro pezzo non si concentrerà sulla remarested di per sé, anche se possiamo dirvi che, al netto di un buon lavoro generale, non dovrete aspettarvi chissà quali interventi. I modelli sono stati “ripuliti” delle imperfezioni dell’epoca e in generale i 60 fps sono quasi sempre stabili, al contrario delle versioni originali, ma se vi stavate aspettando una resa attuale della serie questa non è la remastered che fa per voi. Qui di seguito vi parleremo dei software originali che, in questi mesi, abbiamo rigiocato da cima a fondo su XBox Series X sfruttando a modino la combo rappresentata dall’abbonamento al Game Pass e all’EA Play.

Nonostante le ovvie carenze dal punto di vista della qualità grafica, dal 2007 ad oggi, i capitoli della seria Mass Effect sono ancora videogiochi capaci di smuovere grandi, grandissime emozioni a tutti. Provate un attimo a fare mente locale: ad un certo punto, in un mercato videoludico piuttosto sonnecchiante come quello di quasi quattordici anni fa, irrompe un titolo che permette di impersonare un personaggio praticamente da zero. Grazie all’editor delle origini del protagonista potremo renderlo, praticamente, ciò che vogliamo. Quindi appare chiaro e evidente come i BioWare, forti dell’esperienza fantasy della Dragon Age Saga, hanno voluto offrire un’esperienza di gioco di ruolo totale. E le promesse non sono state disattese.

Non è che a spasso per il cosmo si può solo combattere giusto?  Non è che a spasso per il cosmo si può solo combattere giusto?

Al di là di un gameplay (anzi di un gunplay) che è stato enormemente rivisto e migliorato in Mass Effect 2 e 3 la sensazione, fin dalle primissime battute di gioco, è di avere tra le mani un titolo dalla portata enorme. Completamente doppiato in italiano, Mass Effect non soltanto ci offre, come ricordato prima, la possibilità di creare e plasmare da zero il nostro personaggio ma anche di farlo evolvere come desideriamo, con una ramificazione di scelte e possibilità che vanno a incidere non soltanto sulle azioni successiva ma anche sulle conseguenze future tra diversi titoli. Questo deve fare un gioco di ruolo, ovvero dare il boccino in mano al giocatore e lasciarlo libero di indirizzare il proprio pg (personaggio) dove e come più vuole. Vero Cyberpunk 2077?

Sempre un bel personaggio la cara e vecchia Jack  Sempre un bel personaggio la cara e vecchia Jack

Al netto della triste vicenda dell’epilogo del terzo capitolo , la trilogia, giocata proprio “sul” software originale mantiene intatta la magia degli anni che furono. Quando si va sulla plancia di comando e si accede alla mappa spaziale, letteralmente, l’universo si apre davanti ai nostri occhi e saremo noi a scegliere in maniera del tutto libera la prossima tappa della nostra odissea cosmica. Proprio la libertà di indirizzo, anche sessuale e morale del pg, è stata alla base della serie di BioWare. Ma non finisce qui, sulla Normandy, la nostra mitica astronave, non saremo soli ma saremo accompagnati da una ciurma più o meno variegata. Ecco, anche in questo caso si tocca un vero e proprio vertice dell’arte videoludica.

Da Miranda a Garrus, da Tali’Zorah a Grunt passando per Javik fino a Liara praticamente ogni membro dell’equipaggio porta con sé non solo una storia personale, ma anche un carattere autentico che sfocia, quasi, in un’anime. Decidendo, per esempio, di portare questo piuttosto che l’altro membro dell’equipaggio non soltanto si assisterà a dialoghi extra contestuali ma si svilupperanno scene e possibilità di risposta multipla del tutto indipendenti. Avrete capito da soli che, solo per questo fatto, la trilogia di Mass Effect è una delle più rigiocabili della storia del medium.

E in fondo ci fa particolarmente piacere scrivere un pezzo sulla Mass Effect Trilogy proprio oggi, ovvero la Giornata Mondiale contro l’Omofobia. Questo perché Mass Effect è stato capace, come pochi giochi di quella generazione, a smuovere, in senso positivo, le coscienze dei giocatori, permettendo loro di optare per l’orientamento sessuale che si voleva per il proprio protagonista. Per tutta la trama di M.E. saremo sottoposti a cocenti dilemmi etici e morali, una saga che, col passare degli anni, è divenuta sempre più attuale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

40,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >