Geek
di Mattia Nesto 19 Febbraio 2021

Omori: un gioco può farci stare meglio?

Finanziato con una campagna di crowdfunding, Omori è il nuovo gioco indipendente perfetto per superare le nostre ansie e paure

Lo scorso 25 dicembre il mondo dei giochi indie è stato squassato da un vero e proprio ciclone: stiamo parlando di Omori, un titolo che ha visto la luce dopo una lunghissima campagna Kickstarter di quasi sette anni ed ha raccolto le lodi praticamente unanimi di centinaia di migliaia di giocatori su Steam. La sua autrice Omocat, oltre a avere un profilo Twitter davvero delizioso, è stata molto generosa nel dare informazioni lungo tutte le fasi dello sviluppo. Insomma, il gioco perfetto? Beh per noi la risposta è abbastanza scontata: praticamente sì.

Ok ma che gioco è Omori? Beh Omori, per farla semplice, è un gioco di ruolo con combattimento a turni nei quali si potrà controllare un party composto da quattro personaggi, tra cui lo stesso Omori (co)protagonista del gioco, che avranno abilità, caratteristiche, punti di forza e di debolezza tutti diversi fra di loro.  Ma se state pensando a Omori come il classico titolo “story-driven” in cui è la trama a farla da padrone vi state sbagliando. Omori è un gioco da giocare, dotato di un combat-system profondo e stratificato che -nonostante un livello di difficoltà non troppo impegnativo- fornirà al giocatore una gamma soluzioni tale da rendere le combinazioni fluide e naturali.

Omori nel mondo dei sogni www.gamingtalker.it Omori nel mondo dei sogni

Inoltre siamo rimasti stregati dalla direzione artistica del gioco che, per stessa ammissione della sviluppatrice, si presenta come un titolo che vuole esplorare la depressione e gli angoli più bui e indifesi dell’animo umano. Omori è un gioco che non ha paura, al di là della patina colorata e cartoonesca dei suoi personaggi, di affrontare tematiche pesanti e distruttive. La prima game session si apre con Omori immerso nel suo “white space”, la cameretta quasi completamente vuota in cui gli unici dettagli a emergere sono un computer, un quaderno, un pacco di fazzoletti “per lavare via la propria disperazione” e un’inquietante lampada dalla luce nera che pende dal soffitto ed introduce la seconda sfaccettatura fondamentale del gioco: quella horror.

Attraverso l’alternanza tra mondo reale e mondo della fantasia, Omori mette in scena una trama complessa composta di mini-giochi ispirati, quest secondarie non banali e dialoghi scritti divinamente che immergeranno il giocatore in un universo sfaccettato e ricolmo di misteri. Misteri che, molto spesso, avranno i già citati risvolti orrorifici. Come giustamente ha sottolineato Cydonia -forse il primo content creator di un certo peso a livello internazionale ad aver portato integralmente il titolo su Twitch- Omori è un’esperienza a tutto tondo che coinvolge il giocatore a 360 gradi, omaggiando per di più titoli forse oggi un po’ dimenticati ma letteralmente seminali per la storia del medium videoludico (ci riferiamo alla saga di Mother/Earthbound citata con la presenza di una mazza da baseball).

Omori presenta numerosi tratti in comune con Mother/Earthbound tra i quali uno stile molto meta-narrativo (spesso i personaggi si rendono perfettamente conto di “essere in un gioco”), situazioni al limite, se non oltre, l’assurdo e un charachter-design totalmente fuori di testa. Ci sono elementi che ricordano molto da vicino la classica impostazione da gioco Pokemon (che in fondo è uno dei figli di EarthBound) e, ovviamente, le vibrazioni à la Undertale sono numerose. Tuttavia in merito alla creatura di Toby Fox ci sentiamo di dirvi che i punti in comune non sono così numerosi. Atmosfera sì, direzione artistica e generale di gioco no insomma.

Il paragone con Pokemon è inevitabile gameplay.tips Il paragone con Pokemon è inevitabile

Sempre a nostro avviso, le criticità del titolo sono solo tre. La prima è che il motore grafico utilizzato, il “glorioso” rpg maker (di cui abbiamo parlato qui), mostra tutti i suoi limiti: tanto è vero che i momenti in cui si zoomma e si vedono i disegni animati da Omocat sono molto più efficaci rispetto alla classica visuale isometrica. Nonostante le ore di gioco siano numerose, più di venti, ci sentiamo di dire che almeno un paio di queste sono di troppo. Ogni tanto ci si accorge di un certo annacquamento della trama, cosa per altro di cui non aveva assolutamente bisogno. Infine, anche se siamo rimasti stregati dalla direzione artistica e dalle ost, avremmo preferito maggiore varietà nelle musiche del mondo “del sogno” che ci sono parse meno ispirate rispetto alle sezioni horror piene di suoni digitali. Tuttavia, come avrete intuito, sono davvero piccoli difettucci: annunciato entro l’anno anche su Nintendo Switch, Omori è la nuova via verso giochi horror e psicologici che non rinunciano a nulla. Viva Omori e viva Omocat.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >