Geek
di Mattia Nesto 29 Aprile 2021

“Pelle d’Uomo” e l’ancora attuale femminismo mediavele

L’ultima opera di Hubert e Zanzimm appena pubblicata da Bao Publishing, è un capolavoro di letteratura, estetica e politica che si candida come fumetto dell’anno anche in Italia

Pelle d’uomo, il graphic-novel firmato dal duo dei sogni Hubert e Zanzim, è un fumetto che in patria ha letteralmente vestito i panni del PSG: dopo aver trionfato al Premio Wolinski, al Premio RT ed al Premio Landerneau si è anche aggiudicata l’edizione 2021 del Premio della Critica dell’ACBD. Insomma un vero e proprio “squadrone” del fumetto che Bao ha portato in Italia e di cui ci ha fatto innamorare a prima vista.

La spaziatura perfetta delle vignette baopublishing.it La spaziatura perfetta delle vignette

La storia vede una protagonista, Bianca, che, immersa in un Medioevo fantastico ma con elementi di storicità, si ritrova suo malgrado a dover fare i conti con una società bigotta e maschilista nella quale la donna è sempre e comunque vista in versione ancellare rispetto all’uomo, il padrone del suo destino e che può fare il bello e il cattivo tempo. Bianca è una ragazza sveglia, piena di vita e di sentimento, non le va a genio il fatto di doversi sposare “a scatola chiusa” con un individuo, Giovanni, che non ha neppure conosciuto. Ma, quasi per caso, scopre un segreto che la sua famiglia custodiva da generazioni, una “pelle d’uomo” grazie alla quale, ogni donna che l’avrebbe indossata, prima di diventare moglie, avrebbe potuto conoscere, nel corso delle generazioni, le gioie dell’essere “maschio”.

  baopublishing.it  

Da qui Bianca parte per una sorta di quest, anzi di quête  per dirla con un termine medioevale, in cui avvicinerà Giovanni, suo futuro sposo, nei panni, se non proprio nella pelle, di Lorenzo, il nome che lei stessa ha dato a questa nuova veste. Qui il duo di fumettisti, invece di perdersi in possibili equivoci o giochi parossistici, tiene sempre ben salde le briglie della narrazione. C’è spazio per la scoperta da parte di Bianca di una città completamente “rovesciata” rispetto a quella cui è abituata. Se infatti di giorno le persone sono morigerate, apparentemente, dei buoni cristiani, di notte si scatenano mostrando, la loro vera natura: i travestimenti, le emozioni che traboccano in una gioia sudata e un po’ scollacciata.

  baopublishing.it  

Bianca, dopo l’iniziale sbornia (neppure tanto figurata) di esperienze, si ritrova a dover fare i conti con la realtà. In fondo lei sta vivendo un inganno e si rende conto di come, nonostante tutto, sia una donna. E le donne, almeno a quel tempo, sono sempre state “seconde” dietro agli uomini. Nel corso della storia, si farà pressante la presenza di un clero sempre più attento, se non proprio paranoico, nei confronti dei costumi della società, Pelle d’Uomo si innalza a vero pamphlet politico e assistiamo alla piena presa di coscienza di Bianca, da ragazza a donna a essere umano al massimo delle proprie facoltà mentali e spirituali.

Pelle d’Uomo è un graphic-novel da leggere perché è una bellissima opera dal punto di vista della realizzazione estetica e della sceneggiatura e un ottimo esempio della potenza del medium fumetto al giorno d’oggi. D’altro canto, assieme a quanto appena espresso, Pelle d’Uomo è anche una pubblicazione importantissima dal punto di vista culturale, sociale e politico. Un luminoso esempio di cosa voglia dire un discorso femminista militante che utilizza l’arte per comunicare non solo la sua presenza ma la sua centralità nel dibattito di questo nostro tempo. Leggere Pelle d’Uomo ci farà diventare Donne e Uomini migliori: esseri umani consapevoli che, nelle nostre diversità, sono più i punti in comune e per questo motivo i diritti e le possibilità debbono essere gli stessi, indipendentemente dai cromosomi del nostro DNA.

Compra | su Amazon

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >