Geek
di Stefano Disastro 18 Febbraio 2013

Il primo occhio bionico del mondo è realtà

Ok, ci siamo, nell’attesa dell’invisibilità e del volare, siamo a tanto così da uno dei superpoteri più invidiati di sempre: la vista bionica.

Stiamo parlando della Argus II, una protesi retinica che restituisce la vista parziale per le persone con una malattia degenerativa degli occhi chiamata retinite pigmentosa (RP).  “Dopo quindici anni di sviluppo possiamo finalmente entrare nella fase operativa”, ha dichiarato Brian Mech, il vice-presidente della società che ha sviluppato la Argus II. “L’Europa ha già approvato la Argus II nel 2011, ora è arrivata l’approvazione anche dalla FDA americana e con questo gli Stati Uniti hanno il loro primo occhio bionico”.

Ma tecnicamente come funziona questo occhio bionico?
L’Argus II funziona sostituendo una piccola serie di elettrodi per la rilevazione della luce nelle cellule che normalmente reagiscono alla luce inviando un segnale elettrico verso la parte posteriore della retina. I segnali sono trasmessi al nervo ottico dietro l’occhio per poi tornare indietro lungo il nervo al cervello. Nelle persone con la malattia genetica Retinite pigmentosa, che ad oggi colpisce circa 100.000 persone nei soli Stati Uniti, le cellule sensibili alla luce a poco a poco smettono di lavorare, con conseguente cecità totale.
In aggiunta alla matrice di elettrodi, che viene impiantato nella retina nella parte posteriore dell’occhio, il sistema Argus II prevede una piccola videocamera collegata ad un paio di occhiali e un processore che l’utente porta legato in vita. I dati dalla videocamera vengono inviati al processore visivo e poi agli occhiali, dove viene trasmesso wireless agli elettrodi incorporati.

Il sistema funziona per le persone con RP perché la malattia colpisce le cellule sensibili alla luce nella retina, ma lascia il resto del sistema visivo intatto (compreso il nervo ottico, che trasporta segnali visivi dalla retina al cervello). La matrice di elettrodi agisce come un sostituto per fotorecettori dell’occhio stimolando direttamente le cellule rimanenti della retina, che passano il segnale al nervo ottico.

“Naturalmente, con una matrice di 60 elettrodi, non è possibile ripristinare la visione ad alta risoluzione… è come guardare la TV su uno schermo con soli 60 pixel… ma è comunque in grado di fornire informazioni sufficienti per permettere alle persone di spostarsi senza aiuti”- riassume Brian Mech.

Siamo un pò lontani dunque dalla super vista alla Superman, ma la strada è tracciata, la rotta segnata, il futuro luminoso è lì che ci attende.
Occhi bionici per tutti !

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >