La designer del nuovo calendario dei Carabinieri è un genio di Tumblr

La designer Silvia di Paolo ci racconta come ha trasformato dipinti famosi inserendo carabinieri ovunque

Grafica
di Lorenzo Mannella facebook 17 novembre 2015 16:38
La designer del nuovo calendario dei Carabinieri è un genio di Tumblr

I carabinieri dentro i dipinti  Alcune tavole del calendario dei Carabinieri 2016

 

Il calendario dei Carabinieri 2016 è una svolta totale. Dopo ottant’anni di pubblicazioni molto tradizionali, la nuova edizione è un’esplosione di arte digitale. Il concetto è questo: prendi dei capolavori di grandi pittori e inserisci immagini di carabinieri. Sembrano quasi dei meme raffinatissimi, ma dietro c’è un lavoro creativo colossale. L’artista che li ha realizzati è Silvia di Paolo e l’abbiamo intervistata per scoprire come ci è riuscita.

Silvia ha 38 anni e il profilo particolare di chi ha vissuto la transizione dall’era analogica a quella digitale. “Ho fatto il liceo artistico, poi una scuola di design a Londra e sono tornata a Roma per un corso di computer grafica. Ho fatto la gavetta e vari stage in tipografie e cartiere. Come si usava un tempo.

 

Silvia di Paolo  Silvia di Paolo, la graphic designer che ha trasformato i dipinti

 

Il mio amore per l’arte nasce da mio padre, grande fotografo degli anni ’50 e ’60. Casualmente ha iniziato a collaborare con i Carabinieri. È stato così, in modo indiretto, che ho conosciuto il loro mondo. Un ambiente serio ma con molte aperture.” E da lì ha trovato uno spiraglio per proporre la sua idea di un calendario diverso dal solito.

Tullio del Sette (il comandante generale dell’Arma, ndr) è uomo molto aperto di vedute. Aveva espresso il desiderio che nel nuovo calendario si parlasse di arte. Io ho presentato la mia idea, che è stata subito sposata. Non tutti lo avrebbero fatto. Hanno voluto il supporto di un critico d’arte e Philippe Daverio è letteralmente impazzito per le mie tavole.

 

Marzo con Lautrec Silvia di Paolo - Marzo con Lautrec

 

Silvia si è messa al lavoro a febbraio, sviluppando il progetto: “L’arte per noi tutti sono i maestri esposti nei grandi musei, quelli che si studiano a scuola. Molti dipinti non li abbiamo potuti utilizzare per via dei diritti d’autore.” Per esempio, la copertina originale del calendario era un’immagine di Escher rielaborata, ma è stata scartata. È successo lo stesso con altre fondazioni straniere che gestiscono i diritti degli artisti. “Picasso, Chagall, Mirò, Tamara de Lempicka: li avevo fatti fantastici.”

Silvia ha realizzato le tavole con photoshop, curando i minimi dettagli. “Mi sono studiata la tecnica di tutti gli artisti e ho realizzato le tavole quadro per quadro. Boccioni è stato complicatissimo. Tutto in digitale, nessun filtro. Per alcuni dipinti ho utilizzato un effetto tela. Tecnicamente è stato un bel lavoro.

 

Settembre con Umberto Boccioni Silvia di Paolo - Settembre con Umberto Boccioni

 

Ma la sfida non riguardava solo i pennelli digitali e i lunghi mesi passati davanti al computer. “Il rischio poteva essere quello di scadere nella parodia. Il mio obiettivo invece era quello di dare la sensazione che queste tavole fossero realmente state dipinte dagli autori.” Tant’è che alcune persone che sfogliavano il calendario le hanno detto: “non sapevo che Modigliani avesse dipinto dei carabinieri.

 

Febbraio con Amedeo Modigliani Silvia di Paolo - Febbraio con Amedeo Modigliani

 

La parte più delicata del lavoro è stata la stampa delle tavole. “Per seguire la produzione del calendario, le conoscenze tipografiche e gli aggiustamenti cromatici sono stati importantissimi. La mano ti trema un po’ quando vedi un foglio che andrà stampato su carta Fabriano in più di un milione di copie.

E capisci subito che photoshop e la nuda carta “sono due realtà che vivono parallelamente. Metà della qualità di una foto si tira fuori in camera oscura. È lì che uno aggiusta i mezzi toni. Sono due parti della stessa sostanza e materia che è l’immagine. Un vero creativo deve anche sapere quali sono i limiti tecnici del progetto. Se fai un errore online lo puoi correggere. Quando vai in tipografia non c’è possibilità di errore o ripensamento.

 

Carabinieri e Monet Silvia di Paolo - Il paginone centrale dedicato a Claude Monet

 

Nonostante tutto, Silvia pensa che un creativo non possa legarsi troppo alle tradizioni. Quando a fine lavoro vede una tavola stampata prova tutta un’altra soddisfazione, ma è anche una designer con un occhio molto attento al mondo digitale. “Sono totalmente persa nella rete.” Lo capisci dando uno sguardo al suo tumblr Supernature, una selezione d’arte molto curata e visionaria.

Supernature l’ho iniziato per insonnia, come archivio personale. Faccio una scelta di immagini esteticamente sofisticate. Attingo a moltissimi siti di arte e design: è un universo onirico e sospeso. Mentre accumulavo immagini, ho scoperto di avere un grande seguito. Mi hanno contattata in molti, e sono arrivata a lavorare con scenografi e registi.

 

Maggio con Henri Rousseau Silvia di Paolo - Maggio con Henri Rousseau

 

Ma da Tumblr al resto della sfera dei social network c’è un abisso. “Quello che vedo è che le persone comunicano solo con le immagini. Hanno talmente fretta e pigrizia nel leggere e approfondire che trovano molto più facile comunicare con le immagini.” Silvia riconosce che è una comunicazione incisiva, dove app come Instagram stanno scavalcando gli altri social. “È molto più veloce e di impatto.

E l’impatto visivo va riconosciuto anche al nuovo calendario dei Carabinieri. “Si sono fidati, sono stati mitici. C’è un sottofondo di ironia e gioco che, per una istituzione così seria, è rivoluzionario.” Buttarsi verso l’ignoto è un consiglio che vale anche per i creativi. “Bisogna saper essere elastici, andare dal contenuto più estremo fino a interpretare un pensiero istituzionale di duecento anni. È una sfida esaltante, ti misuri con i tuoi limiti e la tua creatività.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)