Libri
di Gabriele Ferraresi 30 Gennaio 2016

Better Days Festival, Joan Cornellà e “la misma mierda, como siempre”

L’autore catalano al Better Days Festival parla poco: perché bastano i disegni

_MG_1857_alessandro sozzi 2  Joan Cornellà al Better Days Festival – Foto: Alessandro Sozzi

 

È tanto schivo quanto bravo Joan Cornellà, non parla. E fa bene: lui disegna, parlano i disegni. Silenzioso, timido, fatica quasi a conversare quando si rimane due a due, quando sale sul palco poi e per forza di cose qualcosa deve dire, gli si chiede del suo ultimo volume, Zonzo, e lo descrive serenamente così: “es la misma mierda, como siempre“. Anche se non lo è mierda, tutt’altro. È un capolavoro.

Cornellà, nato a Barcellona l’11 gennaio 1981 ha conquistato i lettori con il suo tratto pulito, e i suoi personaggi serenamente grotteschi, impegnati in acrobazie corporee sanguinolente, destinate alla tragedia, che spesso si compie in un lago di sangue, ma con un sorriso ebete stampato in faccia.

 

 

È un surrealista nuovo Cornellà, per questo funziona. Scorrendo la sua fan page Facebook troviamo uccellini che svolazzano su prelati, tenendosi un preservativo usato nel becco, mutazioni umani con due tronchi che si fanno scherzetti deliranti, impiccati che dondolano col sorriso da altalena su sfondi pastello, un angioletto, un cupido, che scocca la sua freccia non per far innamorare un cerbiatto, ma per ucciderlo e mangiarlo a strisce come fosse bacon.

Cornellà è così, prendere o lasciare: noi abbiamo scelto di prendere. E Joan Cornellà al Better Days Festival ha creato una coda senza fine, firmando il suo ultimo volume, Zonzo. Grazie Joan.

 

_MG_1867_alessandro sozzi  Zonzo, l’ultimo libro di Joan Cornellà – Foto: Alessandro Sozzi

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >