LIBRI FIGHI | Creature Ostinate di Aimee Bender

Racconti fiabeschi e surreali che mostrano come siamo fatti meglio di una radiografia: per farci giocare con la fantasia senza stancarci mai

Libri
di Sandro Giorello facebook 3 novembre 2016 15:51
LIBRI FIGHI | Creature Ostinate di Aimee Bender

giphy-10

LIBRI FIGHI scritto così, in capslock, è una rubrica che esce ogni giovedì su Dailybest, ma magari più spesso, chissà. Cosa ci mettiamo in questa rubrica? Lo dice il nome, si spiega da sola.

Non solo nuove uscite però, anche classici o meraviglie sconosciute. Hai un LIBRO FIGO che ti piace tanto, che è importante, che pensi dovremmo leggere tutti e vuoi spiegarci perché? Che bello: sono 2500 caratteri spazi inclusi.

Scrivici a info@dailybest.it, oppure sulla nostra pagina Facebook. 

Dieci anni fa usciva Creature Ostinate, uno dei libri più noti dell’americana Aimee Bender. È la sua seconda raccolta di racconti delle tre che ha pubblicato finora ed è il suo migliore libro in assoluto perché rappresenta una sensibilità unica, raccontata da uno stile assolutamente personale e innovativo. In Italia è stato pubblicato da Minimum Fax.

Di cosa parla Creature Ostinate? “I quindici racconti di questa raccolta sono incroci originalissimi tra la realtà e la fiaba: vi compaiono omini in miniatura tenuti in gabbia come animali da compagnia, piccole patate ambulanti, coppie con la testa a forma di zucca e sculture fatte d’aria e d’acqua in vendita nel bel mezzo del deserto del Nevada; ma anche l’inevitabilità della morte, la crudeltà delle adolescenti, le dinamiche irresistibili del desiderio, la solitudine e il conforto dell’amore, la voglia di sfidare il proprio destino”, dice la scheda del libro sul sito della casa editrice romana.

Aimee Bender si muove in perfetto equilibrio tra il minimalismo degli anni ’80 di Bret Easton Ellis o di Raymond Carver e slanci decisamente più romantici ed eleganti. Il lettore si trova costantemente in bilico tra un tipo di scrittura che non è mai volutamente fredda e tagliente ma, contemporaneamente, viene preso alla sprovvista da metafore che hanno effetti violentissimi nonostante sembrino quasi adatte un libro da bambini.

Questi racconti però – spesso surreali e fiabeschi – sono tutt’altro che teneri esercizi di stile per farci giocare con la fantasia. Ogni singola immagine corrisponde a paure o a stati d’animo emotivi potenti e, di colpo, sappiamo dare un volto preciso a sentimenti che ci portiamo dentro ma a cui raramente dedichiamo attenzione; tutte cose che di solito preferiamo ammucchiare insieme alle altre nostre preoccupazioni o che calmiamo, talvolta, con qualche goccia di ansiolitico.

La migliore qualità di Creature Ostinate è di non essere un libro volutamente cattivo. Non c’è alcun sadismo in queste storie così tristi e spaventose, al contrario, il libro porta con sé un senso di accettazione quasi rassicurante. E come se ci volesse dire che non solo sia molto frequente scoprire dei lati mostruosi nella personalità di ognuno di noi, ma è addirittura normale e che ci si può pure convivere serenamente.

Creature Ostinate è sicuramente un libro piccolo, probabilmente per molti sarà troppo “strano” o difficile da seguire, ma nelle pieghe di questi racconti sono nascosti tanti piccoli frammenti dell’animo umano. Il tutto descritto con un’intelligenza e una cura dei dettagli rara.

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)