Libri
di Simone Stefanini 20 Ottobre 2015

La Divina Commedia nelle illustrazioni minimali di Matteo Berton

Rielaborare l’immaginario della Divina Commedia con un tratto contemporaneo (e un po’ hipster)

berton matteoberton.com

 

La Divina Commedia l’abbiamo sentita declinata in tutte le salse. Dalla professoressa alla recita teatrale, da Vittorio Gassman a Roberto Benigni, che la sa pure a memoria. Non stiamo a spiegare perché  il poema di Dante sia il più famoso nel mondo, ma ci interessa capire come il viaggio nell’aldilà possa risultare nuovo a chi non ne può più di sentire “Nel mezzo del cammin di nostra vita…”

Abbiamo trovato su Behance un progetto molto figo di un illustratore pisano, il ventisettenne Matteo Berton, che ha illustrato La Divina Commedia in un adattamento per bambini che non mancherà di piacere agli adulti, per via del suo tratto minimale e stilizzato, ma allo stesso tempo deciso e molto potente.

 

berton matteoberton.com

 

Inferno, Purgatorio e Paradiso, il viaggio più famoso di tutti i tempi, rivisto in un maniera molto originale. D’altra parte Matteo è uno di quelli bravi, ha già lavorato per New York Times, Timberland e Feltrinelli, giusto per dirne tre che farebbero crepare d’invidia più di un collega.

L’abbiamo contattato per fargli qualche domanda sul suo lavoro.

 

berton matteoberton.com

 

Ci siamo innamorati della tua Divina Commedia. Quali sono i tuoi ferri del mestiere? Lavori in digitale, a mano o una combinazione dei due stili?
Da un anno a questa parte mi sono completamente convertito al digitale. Prima cercavo di unire le due cose lavorando prima a matita alle bozze e dopo ripartendo da capo al computer per il definitivo, ma mi sono reso conto che questo metodo oltre ovviamente a portarmi via tempo era anche meno intuitivo, non riuscivo a collegarli bene in un unico flusso di lavoro. Ora dallo sketch all’illustrazione finita sto davanti al computer e mi accorgo che così non c’è una differenza precisa tra sketch e definitivo, c’è semplicemente il disegno più finito o meno finito.

 

berton matteoberton.com

 

berton matteoberton.com

 

Nel tuo curriculum ho letto di collaborazioni molto importanti, tra cui il New York Times. Come sei arrivato al giornale più famoso del mondo?
Sotto il consiglio di miei amici illustratori mi sono fatto coraggio e ho scritto ad un art director del New York Times chiedendogli di poterlo incontrare nel periodo in cui io sarei stato a New York per l’inaugurazione della mostra alla Society of Illustrators alla quale partecipavo. Lui accettò di incontrarmi e poco dopo mi diede il primo incarico (forse aveva paura di dimenticarsi di me. Feci molti bozzetti, ma alla fine ne inviai solo tre, di questi ne scelsero uno, inviai la versione finita e senza aver niente da dire la pubblicarono. I tempi del giornale sono stretti, una volta accettati i bozzetti l’art director non ha tempo di rivedere il definitivo, per questo è importantissima la fase iniziale di ideazione e confronto.

 

berton matteoberton.com

 

Con una tavolozza limitata di colori sei riuscito a rendere perfettamente la trilogia dantesca. Com’è nato questo lavoro?
Immergersi nel mondo di Dante è stato bellissimo e percorrere con lui Inferno, Purgatorio e Paradiso mi ha ricordato come alcune cose non fossi mai riuscito ad immaginarmele diversamente da come le avevo viste nelle illustrazioni di Doré o nelle forme ancora più stereotipate dell’immaginario medievale. Quindi ho deciso di impegnarmi a trovare il mio punto di vista e di concentrarmi sugli elementi io cui io trovavo un fascino particolare. La scelta dei colori e di riprendere le miniature medievali è stata una scelta grafica, il rosso e il blu mi sono serviti a dipingere il contrasto tra inferno e paradiso mentre le miniature a contestualizzare la storia.

 

berton matteoberton.com

 

berton matteoberton.com

 

Cosa stai disegnando in questi giorni?
Il progetto a cui sto lavorando è un adattamento a fumetti di Viaggio al centro della terra di Jules Verne. In realtà ci sto lavorando già da un paio di anni e si può già vedere qualcosa sul mio sito, ma negli ultimi mesi mi sono dedicato solo a questo e spero di riuscire a finirlo entro la fine dell’anno.

 

berton matteoberton.com

 

matteoberton.com http://www.matteoberton.com/#0 matteoberton.com

 

berton matteoberton.com

 

03808b30057071.56119b0206b9e matteoberton.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
9,50 €

Zen del Juggling

Autore: Dave Finnigan Editore: Nuovi Equilibri Un vecchio libro, del 1999, ma è un classico per gli amanti della giocoleria, è in fondo un libro per tutti, perché la vita è come un esercizio difficile di giocoleria.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
23,80 €

Là fuori. Guida alla scoperta della natura

Là fuori è una guida alla scoperta della natura, pensata e scritta per bambini e ragazzini. Un libro che risponde alle domande che nascono osservando la natura, anche in città, nei parchi, nelle aiuole, nei giardini. Alberi e fiori, nuvole e stelle, rocce e sabbia, uccelli, rettili e mammiferi... Là fuori è un libro che invita i bambini all'osservazione della natura, a notare i dettagli e insegna a stupirsi. Vi sono anche diverse attività per suscitare interesse e innescare meccanismi di gioco che sono anche percorsi formativi per i bambini.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >