Libri
di Diego Cajelli 7 Gennaio 2016

Un anno fa eravamo tutti Charlie

A un anno dall’attacco a Charlie Hebdo, abbiamo chiesto al fumettista Alessio Spataro come sta la satira in Italia oggi

spataro-grillo Alessio Spataro

 

Sai perché i terroristi sono degli idioti?
Perché esistono metodi molto più efficaci delle pallottole per tappare la bocca a degli autori satirici.
Da noi, il significato più profondo della parola “satira”, è stato completamente sradicato dalla percezione stessa delle persone. Strappata via dai media mainstream, con un lavoro accurato, violento e chirurgico durato vent’anni, annegata nel politicamente corretto, sostituita con la macchietta e l’innocuo sfottò, la satira è diventata un elemento irriconoscibile dal pubblico di massa.
Sopravvive. Ha dovuto cambiare forma e media per farlo, ha dovuto nascondersi, adeguandosi all’analfabetismo funzionale, trasformandosi in contenuti spacciati per veri e pronti per essere condivisi dai cliccatori compulsivi.
La satira contemporanea della Rete ha cambiato il suo target principale, ovvero il dare fastidio ai potenti, e si accontenta di prendere di mira gli idioti (tanti) che hanno percepito come “reale” il contenuto qui sotto.

 

10553528_938384072904916_2274423682455930956_n Siamo la gente

 

Un anno fa, la bella gente dei social, quella che ha la soluzione per ogni problema del mondo e un’immagine del profilo da cambiare per ogni occasione, scopriva l’esistenza della rivista Charlie Hebdo. La scopriva nel peggiore dei modi: di fronte a dodici cadaveri.
Dodici persone sono state ammazzate perché prendevano per il culo qualcuno o qualcosa.
Io, quel giorno, ho pensato tantissimo ad Alessio Spataro.

Spataro, classe 1977, è uno dei pochi autori di satira “quella vera” che conosco. Feroce, fastidioso, volgare, spietato, come devono essere gli autori satirici. È stato uno dei primi a fare comics journalism, con un reportage dal G8 di Genova, è stato oggetto di un interrogazione parlamentare per il suo lavoro sulla Ministronza, e tra le mille altre cose che fa è da poco in libreria con la graphic novel Biliardino per BAO.
L’anno scorso, mentre da Parigi arrivavano notizie di disegnatori scannati per aver messo su carta un contenuto non gradito a qualcun’altro, io pensavo a lui. Pensavo ai commenti feroci che riceve su Facebook quando attacca Grillo, pensavo alla violenza verbale di cui è soggetto.

 

dishuman_centipede Alessio Spataro

 

Da quei fatti è passato un anno. Alessio è ancora un autore satirico in prima linea, e ho voluto fare una chiacchierata con lui su Charlie Hebdo e sulla satira in generale, partendo dalla convinzione che nessuno di quelli che si sentivano tantissimo Charlie sarebbe stato in grado di decodificare i contenuti di un numero qualsiasi di Charlie Hebdo. “Per sostenere una causa è molto più facile e molto poco efficace cambiare il profilo di un account o condividere un articolo di denuncia o un video –attacca Spataro- L’anno scorso credo che in pochissimi fossimo solidali in modo consapevole con Charlie Hebdo (io per primo l’ho fatto cambiando il mio profilo). In Italia sicuramente in pochi riescono a unire un’espressione istintiva, virtuale, pubblica con atteggiamenti quotidiani coerenti e conseguenti. E spesso i nostri rappresentanti politici, degni rappresentanti di gran parte della popolazione, sono i primi a sfruttare ipocritamente questa indignazione fasulla. Il Pd e gran parte dell’editoria schierata con il centrosinistra sono sempre stati allergici alla satira, che in Italia ha sbeffeggiato sempre chiunque. Grillo ha addirittura fondato un partito proprio assecondando lo sfogo virtuale e innocuo di tantissime persone frustrate e incapaci di mobilitarsi realmente. Riponevo un barlume di fiducia su Daniela Santanché – continua – quando disse di voler pubblicare in Italia Charlie Hebdo per solidarietà dopo la strage di Parigi. Sembrava crederci e conoscere bene quella rivista, purtroppo però non ha mai speso un centesimo per farsi ritrarre e distribuire in edicola a chiappe all’aria o ricoperta di sterco. Approfitto per rinnovarle pubblicamente l’appello a ripensarci, proponendo anche la mia disponibilità”

Una delle cose che mi fa incazzare di più, e che ho letto spesso a proposito di Charlie Hebdo è che: “se la sono andata a cercare”. Mi fa incazzare che a dirlo siano persone che non hanno mai cercato niente in vita loro. A parte forse le loro chiappe con una pila e una mappa. E tu? Tu te la sei mai andata a cercare?
Io ho sempre cercato l’immondizia per raccontarla. Credo che il lavoro di un autore satirico sia proprio questo. Munirsi di guanti e tuta protettivi, andare in un’enorme discarica abusiva e differenziare meticolosamente, pezzo dopo pezzo. A volte ho trovato qualche pezzo di merda, ma sono sempre stato bravo a non sporcarmi. Il problema sorge quando non ti proteggi dai veleni letali.

 

legamerd Alessio Spataro

 

Correre dei rischi è parte del mestiere di autore satirico?
Sì. Purtroppo più registri reazioni scomposte, più significa che fai bene il tuo lavoro satirico. È un paradosso necessario. Parlo sia di rischi di azioni legali, che di minacce fisiche. E io per fortuna non ho mai ricevuto querele.

Confesso. A me, personalmente, i contenuti di Charlie Hebdo non piacevano. Non mi piaceva nemmeno il loro atteggiamento e, sotto sotto, non mi piaceva che lasciassero il fianco scoperto verso la strumentalizzazione becero frontnazionalista…
L’unico neo, e credo che tu ti riferisca a questo, è stato non far capire bene che la critica a una religione non era dettata da pulsioni razziste, ma atee ed anticlericali. Purtroppo certa platea proletaria e di origine straniera non la percepiva così e in molti hanno visto la rivista come un élite chiusa di persone che potevano permettersi il lusso di bestemmiare Allah.

Oltre alle pallottole, quanti sistemi esistono per zittire il pensiero satirico?
I più efficaci sono quelli economici e legali: ricatti in ambito lavorativo se non addirittura azioni legali appunto. Quelli criminali e fisici, minacce o aggressioni, sono spesso controproducenti per chi li mette in atto.

spataro01

 

Quali hanno usato qui da noi?
La lista è lunga e li comprende quasi tutti. Per fortuna, almeno dal dopoguerra, non è mai stato ammazzato nessun autore satirico, ma ci sono stati anche casi assurdi di galera (per motivi diversi e in contesti diversi per Guareschi e per Lillo Venezia). Negli ultimi decenni è stato molto proficuo per gli allergici togliere soldi ai progetti collettivi satirici, sia su carta che in tv, così facendo le esperienze di riviste o trasmissioni del settore sono state sempre più marginali o affidate raramente a poche singole persone e in ogni caso poi di fatto censurate come è successo a Daniele Luttazzi, a Sabina Guzzanti, a Maurizio Milani in tv o come è accaduto in edicola alla rivista Boxer, tagliata come allegato del Manifesto e tacciata di atteggiamenti “fascistoidi” da Valentino Parlato solo per aver osato criticare l’Unità.

Ora, la satira dov’è? Esiste ancora?
Ce n’è parecchia e anche molto bella. Cito solo alcuni esempi: Lercio sul web, Satiriasi a teatro, Altan e Bucchi sui quotidiani, Pagani e Caluri tra i fumetti, Dario Campagna nell’editoria di varia e sul web, Gaspare Bitetto sul web con Casalegglo, Daniele Fabbri un po’ ovunque come stand-up comedian (oltre che sceneggiatore di Gesù e stalker del Papa su twitter) e Marco Tonus un po’ ovunque con qualsiasi cosa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
15,30 €

Fumetto Paper girls vol.1

Il fumetto Paper Girls, il primo volume di 144 pagine è uscito il 25 agosto 2016 per BAO Publishing e si candida a essere il perfetto incontro tra Ghostbusters e Stranger Things. Paper Girls è infatti una serie scritta e disegnata da Brian K. Vaughan e Cliff Chiang, che va a collocarsi tra i Goonies, Stand By Me e la Guerra dei mondi, ma con una particolarità non da poco: stavolta le esploratrici in sella alle BMX sono tutte ragazze. Un Sacro Graal per tutti i retromaniaci amanti del vintage, che si candida a diventare un nuovo cult.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
49,77 €

Before they pass away

Il libro del fotogrfo inglese Jimmy Nelson raccoglie le immagini delle popolazioni che stanno scomparendo dal pianeta. Non sono solo alcune specie di animali che si stanno estinguendo, ma anche diverse popolazioni di uomini e donne che vivono ai margini del mondo o in luoghi remoti, al limite della storia e dell'esistenza, con tradizioni, usanze e costumi bellissimi. Foto emozionanti, da pelle d'oca.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
14,45 €

L'inverno d'Italia: Il fumetto di Davide Toffolo sui campi di concentramento italiani

Grazie a Coconino Press è uscita la nuova edizione di L’inverno d’Italia, il fumetto sulla vergognosa pagina della storia italiana: i campi d’internamento italiani in cui finirono migliaia di cittadini sloveni. Una storia poco conosciuta raccontata qui con le illustrazioni del bravissimo Davide Toffolo.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >