guido catalano baci nazista
Guido Catalano, 45 anni
Libri
di Gabriele Ferraresi 7 Febbraio 2017

Ogni volta che mi baci muore un nazista, il ritorno di Guido Catalano

A un anno dal primo romanzo ritorna il poeta che ama amare, e ricomincia il tour in Italia: mercoledì 8 febbraio all’Alcatraz di Milano

guido catalano baci nazista  Al centro: Guido Catalano

 

Guido Catalano, poeta e performer torinese, è una vecchia conoscenza di Dailybest e vecchissima del sottoscritto. L’anno scorso quando era in rampa di lancio con il suo primo romanzo l’avevamo incontrato a Milano, poco prima di una serata insieme a Dente in Santeria Social Club che registrò un tutto esaurito semplicemente memorabile.

Ma i tutto esaurito del 2016 per Catalano erano solo all’inizio, e se li è meritati tutti: Catalano raccoglie infatti oggi i frutti di un lavoro durato anni e anni, tra reading in oscure pizzerie di provincia e lavori assurdi, dal portiere notturno di un residence al pozzettista. È tornato da poco in libreria con Ogni volta che mi baci muore un nazista, sua ultima raccolta di poesie uscita per Rizzoli, che porterà dal vivo a Milano, mercoledì 8 febbraio all’Alcatraz, e poi in tour in tutta Italia.

Un palco, quello dell’Alcatraz di Milano, dove è strano immaginare che ci sarà un poeta: e infatti ci sarà Guido. Sul suo sito tutte le altre date in programma.

Guido, dovessi salvare una sola poesia di “Ogni volta che mi baci muore un nazista”, quale sarebbe?
È una domanda molto difficile! È come chiedere a una persona che ha 140 figli di buttarne 139, che poi nel libro le poesie sono più di quelle che c’è scritto in copertina, sono più di 144… però, così, ti direi una poesia che leggerò anche live, che si chiama Chiudi bene le finestre, è una poesia d’amore strana.

 

Chiudi bene le finestre

E che ora fa lì da te?
che giorno è?
è estate?
c’è luce?
è già notte?
com’è la luna?
il sole picchia?
cosa vedi al mercato?
che frutti vedi quando vai al mercato?
che colori ci sono per strada?
che odori?
che puzze?
che profumi?

i tetti sono piatti o a punta?
ci sono alberi?
fiumi?
c’è un mare?
il lago?
si vedono montagne?
sei circondata dal cemento?
fa freddo?
i bambini giocano per strada?

e se ti guardi allo specchio?
cosa vedi quando ti vedi dentro lo specchio?
che occhi hai?
sei bella?
sono grandi i tuoi occhi?
e come li porti i capelli?
sono sciolti?
ricci?
sono corti?
prova a sorridere
com’è questo sorriso?
sai dirlo?

come sei vestita?
hai un vestito leggero colorato?
verde?
blu?
un maglione pesante?
che scarpe porti?
stai fumando?
sei nuda?
com’è la tua bocca?

da qualche parte c’è qualcuno?
di là nell’altra stanza c’è qualcuno che ti vuole bene?
che c’è?
ti senti sola?
cosa vedi dalla finestra adesso?
i rondoni?
volano bassi vero?
anche qui
vuol dire che sta arrivando il temporale
chiudi bene le finestre
siediti
fai un respiro lungo
se ce la fai
scrivimi una poesia.

 

L’ultima volta ci eravamo visti un anno fa, facevi sold out ovunque, mi ricordo una tua serata con Dente in Santeria Social Club: da allora cosa è successo?
Ho continuato in tutta Italia, isole comprese, il tour fino all’estate, poi ho portato in giro il romanzo che usciva a febbraio, poi mi sono fermato, nel senso che per 3/4 mesi dovevo ripigliarmi, anche per non saturare il mercato dei reading, e adesso è uscito il nuovo libro sempre per Rizzoli che questa volta non è un romanzo, ma una raccoltona di poesie. È bello grosso, erano quattro anni che non uscivo con un libro di poesie, sono il meglio, spero.

Dici il meglio perché tieni molti inediti da parte?
Sì, se avessi messo tutte le poesie degli ultimi quattro anni sarebbe un libro di 750 pagine. E questo per essere una raccolta è bello grosso, sono più di 300 pagine.

 

guido catalano baci nazista

 

“Ogni volta che mi baci muore un nazista” è un titolo molto bello, è bello quando muoiono i nazisti: che storia c’è dietro al titolo della tua raccolta?
Come spesso mi è capitato nei titoli dei libri è un verso, ma è anche il titolo di una poesia: che però è un dialogo. In questo caso specifico la poesia è il dialogo tra un uomo e una donna, in cui lui cerca di esprimerle tutto il suo amore, anche con queste frasi. Sicuramente il bacio come atto amoroso può aiutare contro i mali della vita: io ho preso il nazismo come esempio del peggiore dei mali che l’uomo ha inventato.

L’anno scorso mi dicevi che era anche un bel periodo per quel che riguarda l’amore
Sì, le cose stanno andando bene, per la prima volta ho dedicato un libro a una ragazza, una ragazza / donna, quindi sì, sta andando bene.

Hai girato l’Italia, visto migliaia di persone che ti vogliono bene: c’è qualche episodio che ti è rimasto particolarmente nel cuore?
Una cosa che è successa e che mi è piaciuta molto del tour scorso, è stato calcare dei palchi normalmente utilizzati in ambiti di musica, di rock, per dire sono stato alla Salumeria della Musica, all’Hiroshima, al Monk di Roma, tutti posti che mi piacciono molto, dove di solito c’è musica, ma per una volta è entrata la poesia. La cosa che mi è rimasta è la reazione del pubblico, come quantità, il calore della gente… tra l’altro dappertutto, dal profondo nordest alla Puglia, ovunque.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >