Uccisi da Airbnb o sfruttati da Uber, morire ai tempi della sharing economy

I servizi offerti dalle aziende della Silicon Valley nascondono un problema di fondo: trascurano i nostri diritti

Airbnb nelle catacombe Airbnb - La notte di Halloween nelle catacombe di Parigi

 

La sharing economy è quel fenomeno per cui ti sembra di condividere tutto. Ti serve un’auto? Uber (dove si può). Ti serve un appartamento? Airbnb. Vuoi conoscere qualcuno? Tinder e Grindr. Sembra tutto facile, ma non è sempre così. In un lungo articolo pubblicato su Matter, il giornalista Zak Stone racconta un incidente capitato alla sua famiglia, con cui aveva preso un cottage in affitto su Airbnb. Il padre ha provato un’amaca in giardino. Il ramo a cui era appesa si è spezzato, colpendolo in testa. È morto poco dopo in ospedale.

La storia di Stone è un caso estremo, ma ha suscitato una valanga di domande sulla sicurezza dei servizi di sharing. Spesso non facciamo caso a quello che c’è dietro app e servizi sviluppati dalle aziende della Silicon Valley. Per esempio, il Safety Check attivato da Facebook durante la strage di Parigi per far sapere quali utenti erano al sicuro era stato pensato per situazioni completamente differenti.

Tornando al caso di Stone, è giusto fidarsi di un servizio come Airbnb solo perché le recensioni di chi lo utilizza sono super ottimiste? Le tariffe per affittare una stanza sono più basse rispetto a quelle degli hotel, ma è probabile che questo ribasso nasconda la mancanza di sicurezza. Dopo tutto, gli host che mettono le proprie case a disposizione sulla piattaforma non devono garantire alcuno standard di qualità.

I servizi di sharing sembrano uno scambio alla pari tra persone: uno mette a disposizione la sua stanza, l’altro paga con la carta di credito e lascia una bella recensione. No, questa non è condivisione. Tuttavia, i servizi come Airbnb stanno cambiando il modo in cui viaggiamo, soprattutto perché ci fanno risparmiare e ci mettono in contatto con le comunità locali, aprendo le porte a un nuovo tipo di turismo informato.

Ma perché dovremmo preoccuparci tanto di come funzionano Airbnb, Uber e simili? Perché faranno sempre più parte delle nostre vite. Secondo le stime dei consulenti di Pricewaterhouse Coopers, il giro di affari della sharing economy crescerà fino a raggiungere i 335 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni. Ma tutta questa ricchezza non finirà nelle tasche degli utenti.

 

Proteste contro Uber a Parigi  A giugno 2015 i tassisti hanno protestato contro Uber a Parigi

 

Uber – l’app che permette di trovare auto con autisti privati – è stata spesso criticata per il suo modello di business, in cui i guidatori lavorano a tempo pieno senza essere dipendenti dell’azienda. Oltre a provocare l’ira dei tassisti, il servizio ha suscitato molte critiche sul fatto che la sharing economy stia cancellando diritti e tutele nel mondo del lavoro. Siamo sicuri che il nuovo sistema sia meglio del vecchio? In Italia, l’Antitrust ha stabilito che il governo deve regolare Uber e i servizi simili: staremo a vedere se sarà un buco nell’acqua.

Se i freelance sono destinati a diventare i nuovi quasi-dipendenti delle grandi aziende della Silicon Valley, forse è il caso di rivendicare più diritti. O di costruire nuove piattaforme di sharing dei servizi e gestirle in modo indipendente. Può esistere un Uber gestito dai tassisti? O un Airbnb dove le tasse di servizio sono investite nei quartieri delle città?

Le aziende della sharing economy spesso scaricano le proprie responsabilità. Quello che è successo al padre di Zak Stone, potrebbe succedere a un passeggero di Uber o BlaBlaCar. La colpa di un incidente è di chi guida l’auto, ma le aziende che ti mettono in contatto con utenti poco affidabili dovrebbero essere tirate in ballo. Bisogna pretendere di più dai servizi di sharing. Ma come si fa a dialogare con una azienda che ha la sede legale nella Silicon Valley, a migliaia di chilometri da casa nostra?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >