Uccisi da Airbnb o sfruttati da Uber, morire ai tempi della sharing economy

I servizi offerti dalle aziende della Silicon Valley nascondono un problema di fondo: trascurano i nostri diritti

Airbnb nelle catacombe Airbnb - La notte di Halloween nelle catacombe di Parigi

 

La sharing economy è quel fenomeno per cui ti sembra di condividere tutto. Ti serve un’auto? Uber (dove si può). Ti serve un appartamento? Airbnb. Vuoi conoscere qualcuno? Tinder e Grindr. Sembra tutto facile, ma non è sempre così. In un lungo articolo pubblicato su Matter, il giornalista Zak Stone racconta un incidente capitato alla sua famiglia, con cui aveva preso un cottage in affitto su Airbnb. Il padre ha provato un’amaca in giardino. Il ramo a cui era appesa si è spezzato, colpendolo in testa. È morto poco dopo in ospedale.

La storia di Stone è un caso estremo, ma ha suscitato una valanga di domande sulla sicurezza dei servizi di sharing. Spesso non facciamo caso a quello che c’è dietro app e servizi sviluppati dalle aziende della Silicon Valley. Per esempio, il Safety Check attivato da Facebook durante la strage di Parigi per far sapere quali utenti erano al sicuro era stato pensato per situazioni completamente differenti.

Tornando al caso di Stone, è giusto fidarsi di un servizio come Airbnb solo perché le recensioni di chi lo utilizza sono super ottimiste? Le tariffe per affittare una stanza sono più basse rispetto a quelle degli hotel, ma è probabile che questo ribasso nasconda la mancanza di sicurezza. Dopo tutto, gli host che mettono le proprie case a disposizione sulla piattaforma non devono garantire alcuno standard di qualità.

I servizi di sharing sembrano uno scambio alla pari tra persone: uno mette a disposizione la sua stanza, l’altro paga con la carta di credito e lascia una bella recensione. No, questa non è condivisione. Tuttavia, i servizi come Airbnb stanno cambiando il modo in cui viaggiamo, soprattutto perché ci fanno risparmiare e ci mettono in contatto con le comunità locali, aprendo le porte a un nuovo tipo di turismo informato.

Ma perché dovremmo preoccuparci tanto di come funzionano Airbnb, Uber e simili? Perché faranno sempre più parte delle nostre vite. Secondo le stime dei consulenti di Pricewaterhouse Coopers, il giro di affari della sharing economy crescerà fino a raggiungere i 335 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni. Ma tutta questa ricchezza non finirà nelle tasche degli utenti.

 

Proteste contro Uber a Parigi  A giugno 2015 i tassisti hanno protestato contro Uber a Parigi

 

Uber – l’app che permette di trovare auto con autisti privati – è stata spesso criticata per il suo modello di business, in cui i guidatori lavorano a tempo pieno senza essere dipendenti dell’azienda. Oltre a provocare l’ira dei tassisti, il servizio ha suscitato molte critiche sul fatto che la sharing economy stia cancellando diritti e tutele nel mondo del lavoro. Siamo sicuri che il nuovo sistema sia meglio del vecchio? In Italia, l’Antitrust ha stabilito che il governo deve regolare Uber e i servizi simili: staremo a vedere se sarà un buco nell’acqua.

Se i freelance sono destinati a diventare i nuovi quasi-dipendenti delle grandi aziende della Silicon Valley, forse è il caso di rivendicare più diritti. O di costruire nuove piattaforme di sharing dei servizi e gestirle in modo indipendente. Può esistere un Uber gestito dai tassisti? O un Airbnb dove le tasse di servizio sono investite nei quartieri delle città?

Le aziende della sharing economy spesso scaricano le proprie responsabilità. Quello che è successo al padre di Zak Stone, potrebbe succedere a un passeggero di Uber o BlaBlaCar. La colpa di un incidente è di chi guida l’auto, ma le aziende che ti mettono in contatto con utenti poco affidabili dovrebbero essere tirate in ballo. Bisogna pretendere di più dai servizi di sharing. Ma come si fa a dialogare con una azienda che ha la sede legale nella Silicon Valley, a migliaia di chilometri da casa nostra?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >