Uccisi da Airbnb o sfruttati da Uber, morire ai tempi della sharing economy

I servizi offerti dalle aziende della Silicon Valley nascondono un problema di fondo: trascurano i nostri diritti

Airbnb nelle catacombe Airbnb - La notte di Halloween nelle catacombe di Parigi

 

La sharing economy è quel fenomeno per cui ti sembra di condividere tutto. Ti serve un’auto? Uber (dove si può). Ti serve un appartamento? Airbnb. Vuoi conoscere qualcuno? Tinder e Grindr. Sembra tutto facile, ma non è sempre così. In un lungo articolo pubblicato su Matter, il giornalista Zak Stone racconta un incidente capitato alla sua famiglia, con cui aveva preso un cottage in affitto su Airbnb. Il padre ha provato un’amaca in giardino. Il ramo a cui era appesa si è spezzato, colpendolo in testa. È morto poco dopo in ospedale.

La storia di Stone è un caso estremo, ma ha suscitato una valanga di domande sulla sicurezza dei servizi di sharing. Spesso non facciamo caso a quello che c’è dietro app e servizi sviluppati dalle aziende della Silicon Valley. Per esempio, il Safety Check attivato da Facebook durante la strage di Parigi per far sapere quali utenti erano al sicuro era stato pensato per situazioni completamente differenti.

Tornando al caso di Stone, è giusto fidarsi di un servizio come Airbnb solo perché le recensioni di chi lo utilizza sono super ottimiste? Le tariffe per affittare una stanza sono più basse rispetto a quelle degli hotel, ma è probabile che questo ribasso nasconda la mancanza di sicurezza. Dopo tutto, gli host che mettono le proprie case a disposizione sulla piattaforma non devono garantire alcuno standard di qualità.

I servizi di sharing sembrano uno scambio alla pari tra persone: uno mette a disposizione la sua stanza, l’altro paga con la carta di credito e lascia una bella recensione. No, questa non è condivisione. Tuttavia, i servizi come Airbnb stanno cambiando il modo in cui viaggiamo, soprattutto perché ci fanno risparmiare e ci mettono in contatto con le comunità locali, aprendo le porte a un nuovo tipo di turismo informato.

Ma perché dovremmo preoccuparci tanto di come funzionano Airbnb, Uber e simili? Perché faranno sempre più parte delle nostre vite. Secondo le stime dei consulenti di Pricewaterhouse Coopers, il giro di affari della sharing economy crescerà fino a raggiungere i 335 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni. Ma tutta questa ricchezza non finirà nelle tasche degli utenti.

 

Proteste contro Uber a Parigi  A giugno 2015 i tassisti hanno protestato contro Uber a Parigi

 

Uber – l’app che permette di trovare auto con autisti privati – è stata spesso criticata per il suo modello di business, in cui i guidatori lavorano a tempo pieno senza essere dipendenti dell’azienda. Oltre a provocare l’ira dei tassisti, il servizio ha suscitato molte critiche sul fatto che la sharing economy stia cancellando diritti e tutele nel mondo del lavoro. Siamo sicuri che il nuovo sistema sia meglio del vecchio? In Italia, l’Antitrust ha stabilito che il governo deve regolare Uber e i servizi simili: staremo a vedere se sarà un buco nell’acqua.

Se i freelance sono destinati a diventare i nuovi quasi-dipendenti delle grandi aziende della Silicon Valley, forse è il caso di rivendicare più diritti. O di costruire nuove piattaforme di sharing dei servizi e gestirle in modo indipendente. Può esistere un Uber gestito dai tassisti? O un Airbnb dove le tasse di servizio sono investite nei quartieri delle città?

Le aziende della sharing economy spesso scaricano le proprie responsabilità. Quello che è successo al padre di Zak Stone, potrebbe succedere a un passeggero di Uber o BlaBlaCar. La colpa di un incidente è di chi guida l’auto, ma le aziende che ti mettono in contatto con utenti poco affidabili dovrebbero essere tirate in ballo. Bisogna pretendere di più dai servizi di sharing. Ma come si fa a dialogare con una azienda che ha la sede legale nella Silicon Valley, a migliaia di chilometri da casa nostra?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >