Social Network
di Simone Stefanini 15 Settembre 2017

La maggioranza rumorosa: i commentatori seriali sui social non sanno scrivere in italiano

Analfabetismo social: su Facebook la lingua italiana viene stuprata ogni giorno.

 pintrest

Dovesse mai capitarvi di avere a che fare 8 ore al giorno con Facebook, vi stupireste di quanta violenza venga fatta alla lingua italiana. Essa, poveretta, non può gridare né chiedere l’aiuto di due solerti carabinieri, ma a un orecchio attento, qualcosa potreste sentire.

È un po’ la storia dell’insalata che piange quando viene raccolta, ma lo fa su un’altra frequenza, come amano raccontare i carnivori di fronte alle proteste dei vegani. La lingua italiana piange.

Piange soprattutto nelle discussioni politiche, nei commenti ai fatti di cronaca nera, o in funzione delle gesta dei migranti. Si dispera quando incontra la parola chiave Boldrini in un post, un cognome che funge da magnete per gli errori grammaticali. Geme quando viene tirato in ballo lo Ius Soli, si sloga sulle tesi relative all’apologia del fascismo, viene ferita a morte durante i comizi anti vaccini.

Non è nostro dovere né nostra volontà analizzare tali contenuti. Se siete utenti di Facebook saprete di cosa stiamo parlando e se non capite dove sia il problema, con tutta probabilità fate parte della nutrita schiera rumorosa di ignoranti D.O.C., che hanno dimenticato come si scrive in italiano ma vogliono lo stesso dire la loro.

Forma prima della sostanza, perché noi vogliamo il pane e le rose, per ricontestualizzare il discorso di Rose Schmeiderman che rivendicava il diritto di voto alle donne, ma anche il diritto all’arte e alla musica per le operaie. Il pane e le rose. Che c’entra? Tutto.

La sostanza di un discorso è il suo nucleo e il suo motore, ma la forma, a parità di sostanza, ne identifica la qualità. L’ignoranza manifesta sui social, appare in tutto il suo fragore non solo nei casi di analfabetismo funzionale, cioè in quelli relativi agli individui che sanno leggere ma che non comprendono del tutto il significato di ciò che hanno letto e comunque commentano fingendosi esperti. Oggi più che mai fa rumore il menefreghismo di fronte alle regole che ortografia e grammatica imporrebbero.

 

 

I segni d’interpunzione usati come fossero emoji, il numero dei punti di sospensione correlato alla lunghezza della pausa che si vuol trasmettere, oppure messi lì a simulare le virgole, che lasciano il lettore attento con un senso di apnea o fame d’aria, dovuto alla troppa suspense.

La lettera H scritta a sproposito, come fosse un abbellimento, una foglia d’oro che in taluni casi si può anche evitare, combattendo sotto la bandiera del “Tanto ci siamo capiti, no?”. Gli apostrofi che nel dubbio si mettono al maschile e femminile o non si mettono proprio. Il qual’è, che se ti permetti di correggerlo, passi da snob.

Un’intensa galleria di orrori che i lettori regolari, ovvero le persone avvezze alla grammatica, non riescono a non notare e che spesso vengono qualificati dalla maggioranza rumorosa come radical chic, che si attaccano al cavillo quando in gioco c’è la libertà individuale da proteggere.

Giacché non è vero che la maggiore libertà possibile equivalga al maggior benessere possibile e sottolineando il fatto che non siamo in dittatura, assolutamente no, allora non potremmo utilizzare tutto quel ben di Dio di libertà che ancora ci viene data, per imparare l’italiano? Così, anche se i vostri convincimenti fossero antitetici ai nostri, potremmo cullare la consolazione che almeno siano espressi in italiano corretto.

 

Leggi anche: Pultroppo, apposto e tutti gli errori che ci fanno impazzire sui social

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >