Ferragni, Fedez e il figlio già influencer su Instagram

È giusto condividere con milioni di sconosciuti i momenti familiari insieme al proprio neonato, che per loro stessa natura dovrebbero rimanere intimi?

 grab da Instagram

 

Chiara Ferragni e Fedez hanno avuto un bambino,  questo lo sanno anche i muri. Le due star sono seguitissime sui social, in special modo su Instagram dove la Ferragni ha 12 milioni di follower e Fedez 5 milioni e rotti. Sul network video-fotografico per eccellenza, i due hanno condiviso la loro storia d’amore, la proposta di matrimonio, il giorno in cui Chiara ha saputo di essere incinta, le ecografie, lo shopping prenatale e alla fine anche il travaglio in sala parto.

Leone Lucia è venuto alla luce e alla fotocamera del cellulare il 19 marzo 2018 e ha ricevuto milioni di auguri da tutto il mondo, entrando subito nella classifica dei baby influencer più importanti del mondo. In poche settimane di vita, il baby raviolo ha decine di profili fake sui social e in quelli ufficiali dei due genitori appare giornalmente in foto e video mentre dorme, fa la poppata, fa la pipì addosso a mamma, mentre piange e si rifiuta di fare la nanna, mentre muove piedini e manine. Di base, mentre fa le cose che fanno tutti i neonati del mondo, ma non è questo il punto.

 

Skin to skin #LeoncinoMio

A post shared by Chiara Ferragni (@chiaraferragni) on

Ogni genitore impazzisce di gioia dopo la nascita del primo figlio e non si rende conto di quanto sia assolutamente irrilevante per gli altri esseri umani non coinvolti nell’accoppiamento dover vedere la prima colichina o la lunghezza delle unghiette affilate come bisturi, grazie ai centinaia di RVM casalinghi stivati nello smartphone e tirati fuori a tradimento durante aperitivi o cene fuori.

Il dilemma che ci poniamo non riguarda l’utilità di possedere tera di filmati dei figli, piuttosto di condividere la vita dei propri bambini con milioni di sconosciuti, rendendo nel caso di Ferragni e Fedez, il figlio già famoso prima ancora che abbia iniziato a gattonare, ma anche mettendolo alla mercé di commenti cinici, shitstorm, ironia fuori luogo, meme e ogni tipo di manifestazione hater tipica dei social.

Da figlio di famosi qual è, Leone ha già la sua bella dose di pressione sulle spalle: nella vita dovrà dimostrare di valere qualcosa fuori dal vincolo familiare, così come capita a tutti i figli d’arte, dunque c’è bisogno di aggiungere il carico di briscola dell’immensa esposizione mediatica involontaria?

Ecco il centro della questione: è eticamente corretto dare giornalmente in pasto a milioni di sconosciuti ogni azione del proprio neonato, senza che lui ne sia cosciente? La domanda inizia ad avere risposte non tanto dal dibattito social, quanto dal diritto: alcuni figli hanno intentato causa contro i propri genitori per aver condiviso loro foto senza il consenso, violando la privacy.

Il tribunale di Mantova ad esempio, ha stabilito che è illegale postare foto dei propri neonati senza l’accordo da parte di entrambi i genitori. Il giudice in sede di motivazione ha sentenziato: “L’inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi. Il rischio maggiore è la diffusione delle immagini fra un numero indeterminato di persone, conosciute e non, le quali possono essere malintenzionate”.

I malintenzionati, senza tanti giri di parole, sono i pedofili e quelli che potrebbero utilizzare il materiale per ricattare genitori e figli. Non solo: una volta diventati maggiorenni, i figli potranno denunciare i genitori e costringerli a rimuovere immagini che li riguardano.

Il concetto da chiarire è molto semplice: i social hanno soppiantato il vecchio album di foto di famiglia o la serata a guardare filmati e diapositive tra amici, ma il media è del tutto differente. Ogni cosa che scriviamo su Facebook o pubblichiamo su Instagram non è più nostra e la sua valenza di fronte alla legge fa equivalere questi mezzi alla stampa, quindi è come se ogni giorno pubblicassimo un giornale o un documentario televisivo sul nostro figlio, passibile di condanna legale.

Oltre alla parte giuridica, una riflessione etica è doverosa: sicuri che Leone Lucia vorrebbe mostrarsi ogni giorno in piazza, oppure sponsorizzare inconsapevolmente tutine e biberon, che il vasto publico andrà a cercare per vestire il proprio figlio come lui, seguendo un processo imitativo non famosi-famosi ormai consolidato?

 

Ad avere la DeLorean per viaggiare nel futuro, sarebbe interessante vedere la sua faccia quando verrà fermato da adorabili vecchietti e vecchiette (siete voi, che credete?) che dopo averlo riconosciuto, gli racconteranno di quando seguivano tutti i giorni le sue vicende da bebé e condivideranno con lui dei ricordi che per loro stessa natura dovrebbero rimanere per pochi intimi. Forse si sentirà lusingato, forse spiato o messo di mezzo. Di certo, nell’attesa che Leone Lucia possa dire qualcosa in proposito, forse i genitori potrebbero evitare di trasformarlo nel protagonista di The Truman Show a sua insaputa.

 

Sunday look #LeoncinoMio #6daysOld

A post shared by Chiara Ferragni (@chiaraferragni) on

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >